SEGMENTAZIONE SEMI-AUTOMATICA DEL PARLATO MEDIANTE APPLICAZIONE DI UN MODELLO DEL SISTEMA UDITIVO PERIFERICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGMENTAZIONE SEMI-AUTOMATICA DEL PARLATO MEDIANTE APPLICAZIONE DI UN MODELLO DEL SISTEMA UDITIVO PERIFERICO"

Transcript

1 SEGMENTAZIONE SEMI-AUTOMATICA DEL PARLATO MEDIANTE APPLICAZIONE DI UN MODELLO DEL SISTEMA UDITIVO PERIFERICO Pero Cos Centro d Studo per le Rcerche d Fonetca C.N.R. Padova P.zza Salvemn 13, Padova (Italy) SOMMARIO Vene descrtto un sstema sem-automatco d allneamento temporale del segnale vocale con la sua corrspondente trascrzone fonetca. Il sstema fornsce n modo automatco alcune potes d segmentazone allo scopo d rendere pù veloce l compto d espert fonetst nell'analzzare grosse bas dat. Sulla base della conoscenza ortografca del testo pronuncato gl espert devono sceglere l'allneamento pù opportuno fra quell propost automatcamente. Il sstema, che rceve n ngresso parametr fornt da un modello del sstema udtvo perferco dmostratos molto effcace nel codfcare le nformazon contenute nel segnale vocale, s basa nteramente sulla teora della segmentazone multlvello per la costruzone delle potes d segmentazone. Dopo una breve descrzone della procedura e dell'ambente d acquszone del segnale vocale d rfermento su cu sono basat tutt lavor presentat n questo volume 1, vene schematcamente llustrato l modello del sstema udtvo perferco utlzzato quale tecnca d anals n questo lavoro e, successvamente, vene descrtto l sstema sem-automatco d segmentazone, realzzato sulla base d questo front-end udtvo, asseme anche ad alcun de rsultat ottenut. INTRODUZIONE L'allneamento temporale del segnale vocale con la sua corrspondente trascrzone fonetca è normalmente affdato all'opera manuale d espert fonetst. Nonostante l'auslo d sempre pù affdabl strument audo vsv, le dvergenze nella segmentazone manuale dello stesso materale vocale, effettuata da parte d pù espert, non potranno ma essere completamente elmnate. A causa delle dverse capactà percettve, sa vsve che udtve, come anche dell'oggettva dffcoltà d defnre una nequvocable stratega comune, è evdente l'mplcta ncoerenza d un tale approcco manuale. Un altro svantaggo è dato dall'nevtable spreco d rsorse, sa temporal che umane. Sulla base d queste consderazon, l'nteresse per la realzzazone d sstem automatc d segmentazone e "labellng" sta sempre pù crescendo. Tal sstem automatc, oltre a mnmzzare temp d esecuzone, rendono mplctamente coerent rsultat della segmentazone. Infatt, gl error d segmentazone rsultano faclmente dentfcabl e categorzzabl a causa della natura algortmca delle procedure. Il sstema descrtto n questo lavoro fornsce n modo automatco alcune potes d segmentazone allo scopo d rdurre al mnmo l compto d espert fonetst nell'analzzare grosse bas dat. Nessun stante d segmentazone vene poszonato manualmente e agl espert vene esclusvamente rchesta un'azone d supervsone sulle potes d segmentazone prodotte automatcamente dal sstema. Gl espert devono nfatt sceglere, sulla base della conoscenza ortografca del testo pronuncato, l'allneamento pù opportuno fra quell propost automatcamente, eventualmente elmnando "marker" sovrabbondant. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA E DEL SISTEMA DI ACQUISIZIONE Il segnale vocale utlzzato come rfermento per lavor presentat n questo volume è stato scelto sulla base d tre semplc crter: naturalezza, durata e qualtà. Il parlato n esame doveva essere nfatt: 1 Questo lavoro, asseme a tutt gl altr presentat n questo volume, è stato realzzato n occasone del Workshop del Gruppo d Fonetca Spermentale, dedcato ad un confronto fra le vare tecnche d anals del parlato, svoltos ad Acavacata d Rende presso l Laboratoro d Fonetca dell'unverstà della Calabra, l novembre 1991.

2 spontaneo, coè non letto, non nterrotto frequentemente da altr parlant, d durata non nferore a 30 second (per consentre non solo anals a lvello acustco, ma anche a lvello "lngustco"), e d buona qualtà relatvamente alle caratterstche d rapporto segnale/dsturbo. Dopo vare sedute d ascolto campone è stata scelta una conversazone radofonca della durata d crca 30 second, estratta dalla tramssone Orone del settembre 1991, trasmessa dal terzo canale Rado relatva ad una conversazone con l'onorevole Lug Covatta, sottosegretaro al Mnstero de Ben Cultural, avente come argomento un tema d attualtà. Come descrtto n Fg. 1, l segnale è stato acqusto, tramte un sntonzzatore rado (Scott Stereo Tuner T 526L) drettamente su computer (Compaq 386/25) medante una scheda d acquszone (OROS AU21). La frequenza d acquszone è stata d 20 khz e la precsone d 16 bt, n quanto quest due valor sono dventat orma lo standard europeo. Una versone per Macntosh è stata ottenuta convertendo l formato del segnale va software tramte l programma Audomeda. Ra - Orone Scott StereoTuner T 526L VAXstaton 3100 OROS AU21 board DECnet-pcsa Sonografa COMPAQ 386/25 RZ56 dsk Speech + EM Data-Base Fgura 1. Dagramma a blocch del sstema d acquszone e segmentazone del parlato.

3 ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI SEGMENTAZIONE Il sstema d segmentazone utlzzato n questo lavoro s dvde essenzalmente n tre part. Ad una prma fase d elaborazone dgtale del segnale vocale, eseguta medante un Modello del Sstema Udtvo Perferco (MSUP) [1], dmostratos estremamente effcace n problem d segmentazone e classfcazone fonetca [2],[3], segue una fase d ndvduazone sul segnale d var possbl confn d separazone fra le vare untà e, sulla base d queste nformazon, nell'ultma fase vene rchesto ad un esperto d sceglere l'potes pù opportuna fra quelle proposte. MODELLO DEL SISTEMA UDITIVO PERIFERICO (MSUP) Il segnale vocale vene preelaborato tramte un MSUP essenzalmente analogo a quello svluppato recentemente al Massachussetts Insttute of Technology (MIT) da S. Seneff [1]. Il modello è mplementato n FORTRAN su un mnelaboratore (DEC VAXstaton 3100) connesso n rete (DECNET- PCSA) ad un Personal Computer (Compaq 386/25) dedcato all'acquszone del segnale vocale (ved Fg. 1). Strutturalmente l modello, l cu schema a blocch è llustrato n Fg. 2, è separato nella cascata d tre dstnte sezon d elaborazone: un banco d fltr a banda crtca per l'anals n frequenza, un modello de meccansm cellular (snaps), e due modul chamat rvelator d nvluppo e sncrona. FIRST FIRST A/D A/D H ( z) HS ( z) HP ( z) = L 1 1 ( 1 ZP z )( 1 ZP z ) 1 1 ( 1 PP z )( 1 PP z ) HP ( z) = ( 1 ZS z 1 )( 1 ZS * 1) HS ( z) = k z j= j PRE-FILTER PRE-FILTER j j L-CHANNEL CRITICAL BAND L-CHANNEL CRITICAL BAND FILTER BANK FILTER BANK = 1,..., L 2 y 1 (n) BASILAR MEMBRANE RESPONSE y L (n) EAR CELL EAR CELL SYNAPSE MODEL SYNAPSE MODEL HALF WAVE RECTIFICATION 1 y( n) = GHW { 1+ A tan [ Bx( n) ]} [ x( n) > 0] y ( ) ABx ( n ) HW [ x( n 0) ] SECOND SECOND dc( t) = dt dc() t = µ b c dt SHORT TERM ADAPTATION µ [ s() t c() t ] c() t a µ b () t SYNCHRONY REDUCTION 4 1 α sr H ( z) = 1 1 α sr z [ s () t > c() t ] [ s() t c() t ] y ( n) = 1+ K ( n) RAPID ADAPTATION x < x( n)> AGC H 1 α ra ( z) = 1 1 α ra z THIRD THIRD ENVELOPE ENVELOPE DETECTOR DETECTOR H ED ( z) 1 α ed = 1 1 α ed z 2 ENVELOPE SPECTRUM S sd H ( n) SD τ ( z) FIRING PROBABILITY ( ) ( ) 1 1 < x n + x n M > δ = 4 tan 4 < x > 2 n x n M 1 α = 1,..., L SYNCHRONY SYNCHRONY DETECTOR DETECTOR sd = 1 1 α sd z ( ) ( ) SYNCHRONY SPECTRUM Fgura 2. Descrzone del Modello del Sstema Udtvo Perferco.

4 Le prme due sezon costtuscono la smulazone vera e propra de process che avvengono nel sstema udtvo dal punto della recezone del suono, fno al punto della sua codfca n scarche elettrche sull'viii nervo acustco. La terza sezone non è l modello reale d alcun corrspettvo fsologco, ma ha l compto d elaborare l'nformazone contenuta ne pattern d scarca n modo da rendere pù evdent alcune grandezze d effettvo nteresse percettvo. In Fg.2 è mostrato lo schema a blocch dell'archtettura globale del modello. L'mplementazone d ogn modulo è rappresentata dalle formule matematche ndcate all'nterno de sngol blocch d Fg. 2. Nella prma sezone s opera n parallelo nel domno della frequenza attraverso un banco d 40 fltr a banda crtca che coprono una banda d frequenze che va crca da 100 Hz a 7500 Hz. In tale sezone vene smulata l'azone d fltraggo operata dalla membrana baslare sulle onde d pressone prodotte nella coclea. Il segnale d'ngresso, preventvamente camponato alla frequenza d 16 khz 2, vene pre-fltrato per elmnare le frequenze superor a 8 khz. Successvamente vene nvato al banco d 40 fltr passa-banda lnear e tempo-nvarant, spazat n frequenza n scala Bark, le cu rsposte n frequenza rproducono le curve d sntonzzazone fsologca delle fbre nervose convolte nella percezone acustca. Nella seconda sezone del sstema, l modello delle cellule cglar e delle snaps, vengono smulat fenomen che avvengono a lvello elettro-neurale nel meccansmo d "trasduzone" delle vbrazon meccanche n scarche elettrche sulle fbre nervose. Questa seconda sezone, che s rpete n parallelo per ognuno de 40 canal del modello, s può a sua volta scndere n 4 sotto-modul post n cascata, ognuno de qual smula una partcolare caratterstca del comportamento neurale: a) modulo d raddrzzamento ad una semonda e d saturazone: smula la rsposta delle cellule cglar alle vbrazon meccanche attraverso la scarca d potenzal n un solo senso (raddrzzamento ad una semonda), ed noltre smula la compressone dnamca del domno d varazone (saturazone); b) modulo d adattamento alla rsposta: ha lo scopo d smulare l fenomeno d adattamento della rsposta, coè l'abbassamento del tasso d scarca nelle fbre nervose quando l'ngresso è uno stmolo suffcentemente prolungato; questo fenomeno s verfca a lvello snaptco tra le cellule cglate e le fbre nervose afferent; c) modulo d rduzone della sncronzzazone: smula la perdta d sncronzzazone nelle sequenze d scarca quando lo stmolo supera una certa frequenza; questa sorta d "nerza" nel segure segnal veloc è mputable al tempo mnmo d latenza tra una scarca e l'altra n ogn sngolo neurone; questo modulo è lneare ed è mplementato tramte un fltro passa-basso; d) modulo d controllo automatco del guadagno (CAG): ha lo scopo d smulare l fenomeno d adattamento rapdo e coè la rapda rduzone del tasso d scarca nella parte nzale della rsposta agl stmol d'ngresso; questo effetto derva dalla propretà d refrattaretà delle fbre nervose. S not la partcolare struttura e l'ordne con cu s susseguono var modul n questa seconda sezone del modello. Cò rspeccha abbastanza fedelmente la struttura de meccansm fsologc e la sequenza d trasformazon a cu è soggetto lo stmolo acustco. Le uscte d questa seconda sezone del modello descrvono come vara la probabltà d scarca n grupp d fbre sntonzzate alla frequenza centrale (CF) del relatvo canale al varare del segnale d'ngresso. Per ognuno de canal s procede, nella terza sezone, a due elaborazon n parallelo: a) modulo rvelatore d nvluppo: opera un fltraggo d tpo passa-basso sul segnale d'uscta al secondo stado n modo da fornrne l'nvluppo; questo corrsponde pratcamente alla rlevazone del tasso medo d scarca nella fbra corrspondente al varare del tempo; l'andamento dell'nvluppo dpende dall'energa delle component armonche present nella banda del canale; b) modulo rvelatore d sncrona: ha la funzone d operare un'anals della perodctà sul segnale d'uscta al secondo stado; questo blocco, è n grado d rlevare la presenza d frequenze domnant ("formant") a frequenze centrate sul fltro passa-banda nzale del relatvo canale. In Fg. 3, è llustrato un esempo dell'uscta del MSUP, per quanto rguarda l modulo rvelatore d nvluppo (b) e d sncrona (c), applcato alla frase nglese "...Susan ca(n'tgo)..." (a) pronuncata da un parlante femmnle (ved [4]). L'utlzzazone de parametr relatv al modulo rlevatore d sncrona (Fg. 2 Il segnale vocale utlzzato come rfermento n tutt lavor d questo Volume è stato camponato a 20 khz. Per utlzzare l MSUP quale front-end d anals acustca n questo lavoro s è resa qund necessara un'opportuna conversone d frequenza da 16 a 20 khz, che è stata effettuata va software.

5 3c) consentono d produrre degl "spettr" contenent un numero lmtato d lnee spettral ben defnte, ndcando una buona utlzzazone delle conoscenze sulla produzone e percezone del segnale vocale, n accordo alle qual, le "formant" sono parametr estremamente stabl nel caratterzzare le vocal o n generale gl stmol sonorant. Questo modello s è rvelato d estremo nteresse anche nell'analzzare l segnale vocale n condzon rumorose [5]. Fg. 4 s rfersce nfatt all'anals della stessa frase consderata precedentemente n Fg.3 a cu è stato sovrapposto un elevato lvello d rumore [4]. Nonostante la notevole degradazone (Fg. 4a), la struttura formantca dello stmolo rsulta essere ben preservata dall'anals con l MSUP (Fg. 4c). SISTEMA DI SEGMENTAZIONE MULTI-LIVELLO Le uscte del MSUP sono state utlzzate n ngresso al vero e propro algortmo d segmentazone che s basa nteramente sulla teora della segmentazone mult-lvello [6]. La flosofa alla base d questa teora sottolnea che non este un unco lvello d rappresentazone segmentale n grado d descrvere tutt gl event acustc d nteresse present nel segnale vocale. Per ovvare a questa mplcta dffcoltà vene adottata una rappresentazone mult-lvello la quale consente d evdenzare all'nterno d un unca struttura sa mutament rapd che quell gradual rscontrabl sul segnale. La costruzone della struttura mult-lvello [6] può rassumers n due fas. Nella prma fase vengono rcercat gl event acustc corrspondent ad un massmo locale nel lvello d modfcazone d una qualche rappresentazone multdmensonale del segnale vocale. Nel caso n esame la rappresentazone del segnale è data dalle 80 uscte del MSUP: 40 per l modulo rvelatore d nvluppo e 40 per quello rvelatore d sncrona. In una seconda fase s procede, per assocazon successve, a "clusterzzare" localmente porzon sml d segnale, rpetendo la procedura fno a che l'ntero stmolo vene rappresentato da un unco evento. In pratca s paragonano regon adacent del segnale e ad ogn passo della procedura s fondono n un unca regone quelle due regon adacent che rsultano essere maggormente assocate fra loro sulla base d un determnato crtero d somglanza. Tenendo tracca della dstanza a cu due regon vengono fuse asseme, la descrzone mult-lvello può essere vsualzzata n forma d "dendrogramma", come evdenzato n Fg.5. Sovrapponendo a questa struttura una lnea orzzontale n dfferent poszon vertcal, vare potes d segmentazone possono essere effettuate ed analzzate da espert fonetst al fne d estrarre l'allneamento pù opportuno. (a) (a) (b) (b) (c) Fgura 3. Applcazone del MSUP alla frase "Susan ca(n't)": forma d'onda e segmentazone manuale (a), parametr relatv al rvelatore d nvluppo (b) e d sncrona (c). (c) Fgura 4. Applcazone del MSUP alla stessa frase d Fg. 3 acqusta n condzon "rumorose": forma d'onda (a) e parametr d uscta del modello (b), (c).

6 Consderando la segmentazone d grosse bas dat vocal una tale procedura consente, da una parte, d veloczzare enormemente temp d esecuzone, n quanto gl stant d segmentazone sono poszonat automatcamente dal sstema senza alcun ntervento manuale l quale rchederebbe ovvamente d avere accesso ad nformazon vsve ed udtve relatve al segnale vocale n anals e, dall altra, d rendere coerent gl error d segmentazone n quanto, se present, rsultano essere nfatt faclmente dentfcabl e categorzzabl n seguto alla natura algortmca della procedura. Fgura 5. Vsualzzazone della procedura d segmentazone sem-automatca sulla base del "dendrogramma" prodotto dal sstema. In Fg.6 sono llustrat dendrogramma e segmentazone rsultante relatv all anals della frase "...Susan ca(n t)..." (ved Fg. 3) medante MSUP. Fg. 7 s rfersce sempre alla stessa frase consderando però n ngresso parametr dervant da una tpca anals FFT. Come evdente da un confronto d Fg. 6a con Fg. 7a, la struttura mult-lvello costruta dall'algortmo d segmentazone con parametr relatv al MSUP rsulta essere ben pù chara e d ben pù facle nterpretazone d quella relatva al medesmo algortmo costruta utlzzando parametr FFT. Ad analoghe consderazon s pervene analzzando Fg. 8 e Fg. 9 che s rferscono all'anals della stessa frase regstrata però n condzon d elevato rumore (ved Fg. 4). Il vantaggo dell'utlzzazone de parametr relatv al MSUP (Fg. 8a) rspetto a quell relatv all'anals FFT (Fg. 9a) rsulta essere ancor pù evdente n quest'ultmo caso dove nfatt l'anals d Fourer dffclmente resce a separare l segnale vocale effettvo dal rumore sovrastante a dfferenza d quanto sembra fare l MSUP. Un anals quanttatva delle prestazon del sstema n rfermento ad un esperto è rportata n [4]. Per l'mplementazone dell'anals mult-lvello ed anche n funzone dell'effcace nterfacca grafca fornta è stato utlzzato un nteressante strumento software, denomnato "SONOGRAFIA" e realzzato per Personal Computer n qualtà d auslo alla segmentazone manuale del segnale vocale, nell'ambto del progetto ESPRIT-BRA ACCOR [7]. Per quanto rguarda nvece l MSUP, è stata utlzzata una smulazone mplementata n FORTRAN presso l Centro d Studo per le Rcerche d Fonetca [3]. Il tempo d calcolo necessaro per analzzare l segnale vocale tramte tale modello corrsponde a crca 200 volte l tempo reale (DEC-VAX-Staton 3100). Il modello attualmente è da consderars assa neffcente dal punto d vsta d una sua ottmzzazone. Una possble parallelzzazone del modello, consentta dalla sua partcolare struttura, non è stata nfatt ancora esplorata. Attualmente la stessa smulazone è stata mplementata n un DSP "floatng pont" [8] con temp d calcolo d crca 10 volte l tempo reale.

7 Fgura 6. Dendrogramma e segmentazone rsultante (MSUP) per la frase "Susan ca(n t)" (ved Fg. 3). Fgura 7. Dendrogramma e segmentazone rsultante (FFT) per la frase "Susan ca(n t)" (ved Fg. 3).

8 Fgura 8. Dendrogramma (MSUP) per la frase "Susan ca(n t)" "rumorosa" (ved Fg. 4). Fgura 9. Dendrogramma (FFT) per la frase "Susan ca(n t)" "rumorosa" (ved Fg. 4).

9 RISULTATI Per valutare l'affdabltà del sstema l'ntera frase d rfermento ("Che senso ha scaraventare vagonate d gappones dentro gl Uffz. Fargl fare a passo d carca l gro delle sale. Farl uscre, dove trovano soltanto, come documentazone d quello che hanno vsto, le schfezze che gl ambulant, che abusvamente stanno davant agl Uffz, gl vendono, a prezz per altro anche esos."), utlzzata n tutt lavor d questo volume, è stata analzzata dal MSUP e successvamente segmentata n modo semautomatco medante l sstema appena descrtto. La stessa frase noltre è stata segmentata manualmente seguendo le regole esposte n [9] e sfruttando ausl sa vsv che udtv (PTS versone 4.40 [10]). In Fgg. 10 e 11, rspettvamente per le fras "Che senso ha" e "gl vendono", sono llustrat: l'uscta del MSUP, la corrspondente segmentazone sem-automatca prodotta dal sstema. In Fg 12 è nvece llustrato un'stogramma delle dscrepanze fra gl stant d segmentazone poszonat manualmente e quell poszonat automatcamente (ELSA [11]). Utlzzando dfferent crter d errore, coè consderando error d segmentazone que cas n cu non c'è corrspondenza fra marker manual e automatc per pù d 10,20 o 30 ms, n altre parole, que cas n cu marker automatc sono poszonat al d fuor d una fnestra d 20,40 o 60 ms centrata sulla poszone dell'stante d segmentazone d rfermento poszonato manualmente, sempre nella Fgura 12 sono ndcate anche le dfferent percentual d corretta segmentazone. Mantenendo l crtero d errore su +/-20ms, utlzzato n ambto europeo come crtero standard per valutare tal sstem la percentuale d errore raggunge crca l 17%, rsultato questo che può scuramente rteners d ottmo lvello, vsta la dffcoltà del compto n esame. Fgura 10. Applcazone del MSUP e dell'algortmo d segmentazone alla frase "Che senso ha" (ved testo).

10 Fgura 11. Applcazone del MSUP e dell algortmo d segmentazone alla frase "gl vendono" (ved testo). 239 ( 91%) 217 ( 83%) 164 ( 63%) Fgura 12. Istogramma degl error d segmentazone sull ntera frase d rfermento "Che senso ha scaraventare...".

11 CONCLUSIONI L utlzzazone d un modello del sstema udtvo perferco e d un sstema d anals mult-lvello hanno consentto la realzzazone d un effcace sstema sem-automatco d segmentazone del segnale vocale anche n condzon rumorose. L utlzzazone d un tale sstema da parte d espert fonetst consentrebbe, da una parte, d rdurre enormemente temp d segmentazone d grosse bas dat vocal, essendo gl stant d segmentazone poszonat automatcamente dal sstema senza rchedere l ntervento umano, dall altra d rendere coerent rsultat della segmentazone, n quanto, data la natura algortmca del sstema, gl eventual error d segmentazone rsulterebbero essere faclmente dentfcabl e categorzzabl a dfferenza d quell uman. Elmnando nfne l ntervento umano sulla decsone fnale del lvello d segmentazone voluto e sosttuendolo con un algortmo d rcerca dell allneamento ottmo del segnale vocale con la sua corrspondente trascrzone, all nterno della struttura mult-lvello, l'algortmo può dventare completamente automatco, non solo per quanto rguarda la segmentazone o allneamento temporale, ma anche per quanto rguarda l labellng o l'etchettatura del segnale vocale [2]. L'applcazone del sstema alla frase d rfermento ha prodotto de rsultat d segmentazone d scuro nteresse e rlevanza per l prosegumento d questo studo. BIBLIOGRAFIA [1] S. Seneff (1988), "A Jont Synchrony/Mean-Rate Model of Audtory Speech Processng", Journal of Phonetcs, January 1988, pp [2] V.W. Zue, J. Glass, M. Phlps and S. Seneff, "Acoustc Segmentaton and Phonetc Classfcaton n the SUMMIT System", Proc. IEEE-ICASSP 1989, paper S8.1, pp [3] P. Cos, Y. Bengo and R. De Mor,(1990), "Phonetcally-Based Mult-Layered Neural Networks for Vowel Classfcaton", Speech Comm., Vol. 9, N. 1, Feb 1990, pp [4] P. Cos, "Ear Modellng for Speech Analyss and Recognton", ESCA Workshop-92, Sheffeld, 7-9 Apr, [5] M.J. Hunt and C. Lefebvre,"Speaker Dependent and Independent Speech Recognton Experments wth an Audtory Model", Proc. of ICASSP-88, Aprl 1988, pp [6] J.R. Glass, "Fndng Acoustc Regulartes n Speech: Applcaton to Phonetc Recognton", Ph. D. thess, Massachusetts Insttute of Technology, May [7] A. Marzal and J. Puchol, "Sonografa: an Interactve Segmentaton System of Acoustc Sgnals based on Multlevel Segmentaton for a Personal Computer", ESPRIT II BRA ACCOR Perodc Progress Report 2, 15 Apr 1991, Vol. 3. [8] P. Cos, L. Dellana, G.A. Man and M. Omologo (1991), "Audtory Model Implementaton on a DSP32C-Board", Proc. GRETSI-91, Juan Les Pns, Sep [9] P. Cos, D. Falavgna and M. Omologo, "A Prelmnary Statstcal Evaluaton of Manual and Automatc Segmentaton Dscrepances", Proc. of EUROSPEECH-91, Genova, Sep 1991, pp [10] J.C. Caerou. J.M. Dolmazon, A.EL. Badmouss, K. Jones and B. Barry,"PTS SOFTWARE v. 4.40: USER MANUAL", SAM-ESPRIT document. [11] C. Bourjot, A. Boyer and D. Fohr, "Sem Automatc Labellng Assessment Software" SAM-ESPRIT document.

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

DATA MINING E CLUSTERING

DATA MINING E CLUSTERING Captolo 4 DATA MINING E CLUSTERING 4. Che cos'è l Data Mnng Per Data Mnng s'ntende quel processo d estrazone d conoscenza da banche dat, tramte l'applcazone d algortm che ndvduano le assocazon non mmedatamente

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I CAPITOLO SESTO RICONOSCIMENTO DELLA VEGETAZIONE SULL I IMMAGINE QUICKBIRDIRD 6.1 La denstà d vegetazone: l ndce NDVI Allo scopo d caratterzzare la dstrbuzone della vegetazone sulle superfc d barena s è

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning Apprendmento Automatco e IR: ntroduzone al Machne Learnng MGRI a.a. 2007/8 A. Moschtt, R. Basl Dpartmento d Informatca Sstem e produzone Unverstà d Roma Tor Vergata mal: {moschtt,basl}@nfo.unroma2.t 1

Dettagli

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216 Manuale d struzon Manual de Instruções Mllmar C1208 /C 1216 Mahr GmbH Carl-Mahr-Str. 1 D-37073 Göttngen Telefon +49 551 7073-0 Fax +49 551 Cod. ord. Ultmo aggornamento Versone 3757474 15.02.2007 Valda

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO CORSO DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO SANITARIO-AMBIENTALE FILTRAZIONE

UNIVERSITA DI PALERMO CORSO DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO SANITARIO-AMBIENTALE FILTRAZIONE UNIVERSITA DI PALERMO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE AMBIENTALE E AEROSPAZIALE CORSO DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO SANITARIO-AMBIENTALE FILTRAZIONE a cura d: Prof. Ing. Gaspare Vvan e Ing. Mchele Torregrossa

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b)

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b) ASAP LIFE06/ENV/IT/000255 ASAP_D4-3_ModelloIdraulcoRappTecnco_IT_0b 1/20 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actons for Systemc Aqufer Protecton The ASAP proect s partally funded by the European Unon LIFE Programme

Dettagli

Impiego di tecniche di vibrometria laser nel campo dell Health Monitoring con applicazione ad un pannello in materiale composito

Impiego di tecniche di vibrometria laser nel campo dell Health Monitoring con applicazione ad un pannello in materiale composito Impego d tecnche d vbrometra laser nel campo dell Health Montorng con applcazone ad un pannello n materale composto I. Bovo 1, M. Della Ragone 2, L. Lecce 3 [1-3] Dpartmento d Progettazone Aeronautca,

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

E. Il campo magnetico

E. Il campo magnetico - 64 - - 65 - E. Il campo magnetco V è un mportante effetto che accompagna sempre la presenza d una corrente elettrca e s manfesta sa all nterno del conduttore sa al suo esterno: alla corrente elettrca

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

ANALISI DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI UN EDIFICIO DI C.A. SITO IN PERUGIA

ANALISI DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI UN EDIFICIO DI C.A. SITO IN PERUGIA ANALISI DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI UN EDIFICIO DI C.A. SITO IN PERUGIA Annbale Lug MATERAZZI Straordnaro d Progetto d Strutture Dpartmento d Ingegnera Cvle e Ambentale. Unverstà d Peruga Marco BRECCOLOTTI

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA U.O. Protezone Cvle MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA Centro Funzonale Component del gruppo d lavoro: Nomnatvo Ente Tel. Fax Ing. Maurzo

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

9.6 Struttura quaternaria

9.6 Struttura quaternaria 9.6 Struttura quaternara L'ultmo lvello strutturale é la struttura quaternara. Non per tutte le protene è defnble una struttura quaternara. Infatt l esstenza d una struttura quaternara é condzonata alla

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Misure su sistemi trifasi

Misure su sistemi trifasi Msure su sstem trfas - Msure su sstem trfas - Tp d collegamento Collegamento a stella Un sstema trfase è caratterzzato n generale da tre fl d lnea (L L L ) pù un eventuale quarto conduttore L detto conduttore

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 L. Baron, F. Caul, D. Donatell, G. Farolf, R. Maserol, Servzo Geodetco - Isttuto geografco Mltare - Frenze 1. Premessa La Rete

Dettagli

SESSIONE B DINAMICA IDENTIFICAZIONE DEI COEFFICIENTI DINAMICI DI SISTEMI MECCANICI TRAMITE LA TECNICA DELLE FUNZIONI MODULANTI

SESSIONE B DINAMICA IDENTIFICAZIONE DEI COEFFICIENTI DINAMICI DI SISTEMI MECCANICI TRAMITE LA TECNICA DELLE FUNZIONI MODULANTI Assocazone Italana per l Anals delle Sollectazon (AIAS) XXXI Convegno Nazonale 8-2 Settembre 22, Parma SESSIONE B DINAMICA IDENIFICAZIONE DEI COEFFICIENI DINAMICI DI SISEMI MECCANICI RAMIE LA ECNICA DELLE

Dettagli

COMPARAZIONE MODELLISTICA CALPUFF-AERMOD A SUPPORTO DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA CENTRALE ELETTRICA DI SCARLINO (GR)

COMPARAZIONE MODELLISTICA CALPUFF-AERMOD A SUPPORTO DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA CENTRALE ELETTRICA DI SCARLINO (GR) COMPARAZIONE MODELLISTICA CALPUFF-AERMOD A SUPPORTO DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA CENTRALE ELETTRICA DI SCARLINO (GR) 1 PREMESSA Scopo del presente studo è quello d verfcare l attendbltà de

Dettagli

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE... Normatva ssmca Pont pagna 1/33 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DEI PONTI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...3 4 LIVELLI DI PROTEZIONE ANTISISMICA...3

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Dispense dell insegnamento di Laboratorio di GIS per la pianificazione

Dispense dell insegnamento di Laboratorio di GIS per la pianificazione Facoltà d Archtettura e Socetà Facoltà d Ingegnera Cvle, Ambentale e Terrtorale Centro per lo Svluppo del Polo d Cremona, Poltecnco d Mlano Va Sesto 41 26100 Cremona Master unverstaro nterfacoltà d II

Dettagli

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi Regressone Multpla e Regressone Logstca: concett ntroduttv ed esemp I Edzone ottobre 014 Vncenzo Paolo Senese vncenzopaolo.senese@unna.t Indce Note prelmnar alla I edzone 1 Regressone semplce e multpla

Dettagli

Analisi del moto pre e post urto del veicolo

Analisi del moto pre e post urto del veicolo Captolo Anals del moto pre e post urto del vecolo 3.1 Moto rettlneo p. xx 3.1.1 Accelerazone unforme p. xx 3.1. Dstanza per l arresto del vecolo ed evtabltà p. xx 3.1.3 Dagramm veloctà-tempo e dstanza

Dettagli

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari Dpartmento d Elettronca Unverstà d Bologna Sstem radomobl cellular Le comuncazon radomobl Satellte Zona 4: Globale Zona 3: Suburbana Zona 2: Urbana Zona 1: In-Buldng Macro-Cell Mcro-Cell Pco-Cell Telefono

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni:

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni: Anals ammortzzata Anals ammortzzata S consdera l tempo rchesto per esegure, nel caso pessmo, una ntera sequenza d operazon. Se le operazon costose sono relatvamente meno frequent allora l costo rchesto

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Misura di frequenza di segnali periodici in condizioni critiche di rumore

Misura di frequenza di segnali periodici in condizioni critiche di rumore UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II POLO DELLE SCIENZE E DELLE TECNOLOGIE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dpartmento d Ingegnera Elettrca Msura d frequenza d segnal perodc n condzon crtche d rumore DOMENICANTONIO

Dettagli

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud

Dettagli

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE Branco GLISIC e Danele INAUDI SMARTEC SA, Va Pobbette 11, CH-6928 Manno, Svzzera Andrea DEL GROSSO

Dettagli

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y.

Dettagli

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO GLI ERRORI SPERIMETALI ELLE MISURE DI LABORATORIO MISURA DI UA GRADEZZA FISICA S defnsce grandezza fsca una propretà de corp sulla quale possa essere eseguta un operazone d msura. Msurare una grandezza

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

PARTE I EDIFICI IN MURATURA. Analisi dei Meccanismi Locali di Collasso in Edifici Esistenti in Muratura

PARTE I EDIFICI IN MURATURA. Analisi dei Meccanismi Locali di Collasso in Edifici Esistenti in Muratura REGIONE MOLISE IL RESIDENTE DELL REGIONE MOLISE COMMISSRIO DELEGTO (Legge del 7 Dcembre 00 n.86) Decreto n. 76 del 3 agosto 005 rotocollo d rogettazone per la Realzzazone degl Intervent d Rcostruzone ost-ssma

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

Elementi di linear discriminant analysis per la classificazione e il posizionamento nelle ricerche di marketing

Elementi di linear discriminant analysis per la classificazione e il posizionamento nelle ricerche di marketing http://www.mauroennas.eu Element d lnear dscrmnant analyss per la classfcazone e l poszonamento nelle rcerche d maretng Mauro Ennas Lnear Dscrmnant Analyss http://www.mauroennas.eu ADL_fnale_confronto_Ecel.sav

Dettagli

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal Def: Sono DBMS che consentono d memorzzare e recuperare dat d natura multmedale:

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

LE CARTE DI CONTROLLO

LE CARTE DI CONTROLLO ITIS OMAR Dpartento d Meccanca LE CARTE DI CONTROLLO Carte d Controllo Le carte d controllo rappresentano uno degl struent pù portant per l controllo statstco d qualtà. La carta d controllo è corredata

Dettagli

Cenni di matematica finanziaria Unità 61

Cenni di matematica finanziaria Unità 61 Prerequst: - Rsolvere equazon algebrche d 1 grado ed equazon esponenzal Questa untà è rvolta al 2 benno del seguente ndrzzo dell Isttuto Tecnco, settore Tecnologco: Agrara, Agroalmentare e Agrondustra.

Dettagli

LA FLUORESCENZA X CARATTERISTICA

LA FLUORESCENZA X CARATTERISTICA CORSO DI LABORATORIO DI FISICA DELL'AMBIENTE Dspense della lezone: LA FLUORESCENZA X CARATTERISTICA (dr. Roberta Vecch) 1 La Fluorescenza a Ragg X Premessa La tecnca della fluorescenza X ndotta è una delle

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

Concetti principale della lezione precedente

Concetti principale della lezione precedente Corso d Statstca medca e applcata 6 a Lezone Dott.ssa Donatella Cocca Concett prncpale della lezone precedente I concett prncpal che sono stat presentat sono: I fenomen probablstc RR OR ROC-curve Varabl

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013 Modul su un domno a deal prncpal Maurzo Cornalba versone 15/5/2013 Sa A un anello commutatvo con 1. Indchamo con A k l modulo somma dretta d k cope d A. Un A-modulo fntamente generato M s dce lbero se

Dettagli

Errori nel Posizionamento Satellitare

Errori nel Posizionamento Satellitare Error nel Poszonamento Satelltare Tpologe Casual Sstematc o d Modello D Osservazone L accuratezza è stmata come l 1% della lunghezza d onda (Regola Emprca). Codce C/A: ±3 m; Codce P: ±0,3 m; Portant L1,

Dettagli

IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA

IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA Stefano Grmaz, Fabrzo Meron, Vncenzo Petrn, Roberto Tomason, Gaetano

Dettagli

The original laser distance meter. The original laser distance meter. Analist Group

The original laser distance meter. The original laser distance meter. Analist Group Leca Leca DISTO DISTO TM TM D510 X310 The orgnal laser dstance meter The orgnal laser dstance meter Indce Impostazone dello strumento - - - - - - - - - - - - - 2 Introduzone - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Trasformazioni termodinamiche - I parte

Trasformazioni termodinamiche - I parte Le trasormazon recproche tra le energe d tpo meccanco e l calore, classcato da tempo come una delle orme nelle qual avvene lo scambo d energa, sono l oggetto d studo su cu s onda la Termodnamca, una mportante

Dettagli

Computers subacquei, software ed algoritmi decompressivi nella didattica subacquea italiana

Computers subacquei, software ed algoritmi decompressivi nella didattica subacquea italiana Computers subacque, sotware ed algortm decompressv nella ddattca subacquea talana La grande partecpazone d subacque a congress d Medcna Iperbarca testmona lnteresse crescente per lapproondmento delle conoscenze

Dettagli