Paolo Rocco. Automatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paolo Rocco. Automatica"

Transcript

1 Paolo Rocco Dipene ad uo degli tudenti del Politecnico di Milano per i cori da cinque crediti didattici Automatica Ingegneria Aeropaziale E vietato l uo commerciale di queto materiale

2 Avvertenza Queta dipena raccoglie, otto forma di appunti intetici, il materiale didattico per i cori introduttivi di Automatica da cinque crediti didattici tenuti dall autore al Politecnico di Milano, nell ambito del nuovo ordinamento didattico degli tudi univeritari. Il lavoro vuole eere un auilio agli tudenti per rivedere i propri appunti o per un rapido ripao della materia, ma non otituice, né vuole otituire, almeno nella preente forma, un teto organico ull Automatica, al quale i raccomanda di fare riferimento per un apprendimento più conapevole della materia. Milano, Ottobre Si egnala in particolare il teto: Fondamenti di Controlli Automatici di P.Bolzern, N.Schiavoni e R.Scattolini, Mc-Graw Hill Italia.

3 Sommario Lezione : Lezione : Lezione 3: Lezione 4: Lezione 5: Lezione 6: Lezione 7: Lezione 8: Lezione 9: Lezione : Lezione : Lezione : Introduzione Sitemi dinamici nel dominio del tempo Funzione di traferimento Ripote canoniche dei itemi del primo e econdo ordine Schemi a blocchi Ripota in frequenza Requiiti di un itema di controllo Stabilità dei itemi di controllo Pretazioni dinamiche dei itemi di controllo Pretazioni tatiche dei itemi di controllo Progetto del controllore Regolatori PID

4 Lezione Introduzione

5 L automatica Con il termine automatica i fa riferimento ad una diciplina che tudia tutti gli apetti metodologici e concettuali che tanno alla bae dell automazione, oia del traferimento alle macchine di operazioni di governo e controllo di dipoitivi, procei e itemi di variata natura. Si parla di automazione ogniqualvolta un operazione viene eeguita da una macchina enza, o con ridotto, intervento dell uomo. I comparti applicativi in cui i preenta l automazione ono i più variati e toccano da vicino la vita quotidiana: i peni agli elettrodometici (frigoriferi, lavatrici, condizionatori), ai itemi di frenatura e terzo ervoaititi, alle openioni attive o al controllo della velocità di crociera nelle automobili, al pilota automatico negli aerei, ai procei manifatturieri automatizzati (fabbrica automatica), al controllo di motori elettrici, al controllo degli impianti per la generazione di energia, e coì via. Una tale vatità di applicazioni in cui l automazione rivete un ruolo rilevante può far nacere il legittimo dubbio che l automatica i riduca ad una raegna o tutt al più ad una claificazione delle applicazioni più ignificative. In effetti inizialmente (al principio del venteimo ecolo) non vi era alcuna conapevolezza del carattere comune delle applicazioni di controllo. Le applicazioni, che pur eitevano (controllo di livello in erbatoi, controllo di velocità delle macchine a vapore, controllo del moto delle pale di mulini a vento), evolvevano in modo pionieritico e del tutto indipendente tra loro. E tato olo con il formari, e quindi con il conolidari, di una teoria matematica che l automatica ha cominciato a prendere le forme di una diciplina cientifica. Tale teoria matematica va otto il nome di teoria dei itemi. Il uo indubbio pregio riiede nel fornire gli trumenti per lo tudio delle caratteritiche del itema, oggetto di automazione, in modo otanzialmente indipendente dal conteto applicativo. Grazie alla teoria dei itemi, tutti i itemi di automazione elencati ommariamente in precedenza poono eere tudiati con la tea metodologia matematica. Lo tudio dei fondamenti della teoria dei itemi, che occuperà la prima parte di queto coro, conentirà da un lato di dotari di trumenti molto efficaci per l analii di itemi (non olo tecnologici, ma anche economici, ecologici o biologici) in cui è importante formalizzare l evoluzione nel tempo delle variabili, dall altro preparerà la trada allo tudio dei itemi di controllo automatico, che occuperà la econda parte del coro. L obiettivo primario dello tudio arà la valutazione oggettiva delle pretazioni dei itemi di controllo, per mezzo di parametri che formalizzano concetti intuitivi, quali la tabilità, la velocità di ripota, la preciione del itema di controllo. Saranno forniti anche elementi per la progettazione del dipoitivo che eegue il controllo automatico e per la ua realizzazione in tecnologia digitale. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

6 Il problema del controllo Un problema di controllo nace nel momento in cui i vuole imporre ad un oggetto (la cui natura va di volta in volta preciata) un comportamento deiderato, per mezzo di opportune azioni eercitate ull oggetto teo. Operiamo la eguente ditinzione: Controllo automatico: l azione di controllo viene eercitata da dipoitivi che operano in modo autonomo enza, o con ridotto, intervento umano; Controllo manuale: l azione di controllo viene eercitata dall operatore umano. Quali ono gli elementi di un problema di controllo? A) Il itema otto controllo E il itema oggetto dell azione di controllo. Su di eo agicono delle variabili manipolabili, o di controllo (u), e dei diturbi (d) (variabili indipendenti ed incerte), mentre le ue ucite (y) cotituicono le variabili controllate (di cui interea cioè controllare l andamento nel tempo). B) L andamento deiderato delle variabili controllate Sono le variabili (y ) che eprimono l andamento che le variabili controllate dovrebbero aumere per garantire un corretto funzionamento del itema controllato. Verranno anche chiamate riferimenti o etpoint. d y u y S Fig. : Elementi di un problema di controllo Problema di controllo: determinare, ad ogni itante, il valore delle variabili di controllo u in modo tale che le variabili controllate y aumano un andamento quanto più poibile imile all andamento deiderato y, qualunque iano, tra quelli ritenuti ragionevoli, gli andamenti dei riferimenti y e dei diturbi d. Controllore: oggetto che determina ed eercita l azione di controllo. Legge di controllo: criterio econdo il quale agice il controllore. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

7 Un eempio: il frigorifero termometro T ϑ ϑ u M C motore compreore Fig. : Un frigorifero Obiettivo del controllo: Mantenere approimativamente cotante la temperatura all interno del frigo. Riferimento: ϑ valore deiderato per la temperatura all interno del frigo (lo i impota con una manopola). Variabile di controllo: u poizione dell interruttore di alimentazione del motore del compreore. Diturbi: ϑ d temperatura dell ambiente eterno; ϑ d temperatura degli oggetti ineriti. Variabile controllata: ϑ temperatura all interno del frigorifero (può eere miurata o no). STRATEGIA DI CONTROLLO Si calcola la quantità di calore che deve eere etratta per mantenere una certa temperatura deiderata ϑ. Servendoi di un timer, i accende e pegne il motore ad intervalli regolari. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 3

8 ϑd ϑ u ϑ C S controllore itema Fig. 3 : Strategia di controllo Tipico andamento temporale della variabile di controllo u: u t Fig. 4 : Poizione dell interruttore Oervazioni La legge di controllo i baa ecluivamente ul modello (bilancio termico) Non è richieto l uo di un termometro Gli eventuali diturbi (porta del frigo laciata a lungo aperta, oggetti ineriti particolarmente caldi, ecc.) compromettono l efficacia della regolazione della temperatura. STRATEGIA DI CONTROLLO Si utilizza la miura ϑ m della temperatura ϑ, fornita da un termometro. ϑ ϑ u d C S ϑ ϑ m T Fig. 5 : Strategia di controllo Si alimenta il motore quando la differenza ϑ m ϑ upera una certa oglia e lo i pegne quando tale differenza cende al di otto di un altra oglia (controllo a relè). P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 4

9 u ε ε m ϑ ϑ Fig. 6 : Controllore a relè Oervazioni La legge di controllo non i baa ul modello E richieto l uo di un termometro In preenza di eventuali diturbi la temperatura viene comunque regolata efficacemente. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 5

10 Controllo in anello aperto ed in anello chiuo Controllo in anello aperto (feedforward control) Non viene eeguita alcuna miura ulle variabili del itema, oppure le eventuali variabili miurate, ed utilizzate nella legge di controllo, non dipendono dai valori aunti dalla variabile di controllo u (trategia nell eempio precedente). d y u y C S (a) M d y u y C S (b) d Fig. 7 : Schemi di controllo in anello aperto Lo chema di Fig. 7b prende il nome di compenazione del diturbo: e il diturbo è miurabile, i eercita un azione di controllo dipende dalla miura del diturbo teo Controllo in anello chiuo (feedback control) L azione di controllo viene eercitata ulla bae di miure di grandezze il cui valore dipende anche dal valore aunto dalla variabile u (trategia nell eempio precedente). In queto modo i viene a chiudere un anello nel rapporto di caua ed effetto tra le variabili (la variabile y dipende da u che, a ua volta, dipende da y...). d y u y C S y m M y Fig. 8 : Schemi di controllo in anello chiuo Anello aperto Anello chiuo Miura di y No Sì Modello matematico accurato Sì No Senibilità ai diturbi Elevata Baa P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 6

11 Strumentazione La trumentazione è cotituita dai dipoitivi (traduttore e attuatore) che interfacciano il proceo otto controllo con il controllore. Traduttori: Attuatori: miurano una grandezza fiica del itema otto controllo (tipicamente la variabile controllata) e ne inviano la miura al controllore in una forma compatibile con la ua tecnologia. traducono l azione di controllo determinata dal controllore in un azione efficace ul itema, operando ulle ue variabili manipolabili (tipicamente con tadi intermedi di amplificazione e converione di potenza). d y u m y C A S c T Fig. 9 : Schema di controllo completo di trumentazione Si oervi che nello chema i è operata la ditinzione tra la variabile di controllo u e la variabile manipolabile m e tra la variabile controllata y e la ua miura c. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 7

12 Lezione Sitemi dinamici nel dominio del tempo

13 Un eempio: il natro traportatore abbia u y v l p Fig. : Un natro traportatore di abbia u: portata di abbia all inizio del natro y: portata di abbia alla fine del natro p: perdite di abbia lungo il natro v: velocità (cotante) del natro l: lunghezza del natro Problema di controllo Fare in modo che la portata y in ucita al natro ia quanto più poibile imile ad un valore cotante prefiato y, nonotante le perdite p, agendo ulla portata u di abbia all ingreo del natro. p y u y S Fig. : Il problema di controllo Modello matematico Il modello matematico traduce in un equazione il fatto che, ad ogni itante di tempo t, la portata in ucita uguaglia, a meno delle perdite, la portata manifetatai in ingreo, τ itanti prima, dove τ è il tempo di percorrenza del natro: yt () = ut ( τ) pt (), τ: = lv Da Modellitica e Controllo, S. Bittanti, N. Schiavoni, CLUP, 979. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

14 Si uppone inoltre che le perdite iano calcolabili come la omma di un valore medio cotante noto p e di uno cotamento impredicibile p: pt () = p+ pt (). Strategia di controllo in anello aperto La più ovvia trategia di controllo in anello aperto conite nell imporre un valore di portata in ingreo cotante, uguale alla omma del valore deiderato in ucita e del valore medio delle perdite: ut () = y + p. Riulta però: yt () = y + p p+ pt () = y pt, oia: y y() t = p() t. ( ) () Pertanto il itema di controllo è completamente indifeo ripetto al diturbo p (tutto il diturbo i traduce in errore). Strategia di controllo in anello chiuo Se la portata in ucita è miurabile, i omma alla precedente azione di controllo in anello aperto un termine correttivo, proporzionale all errore tra valore deiderato ed effettivo di y: ( ) ut () = y + p+ µ y yt (), dove µ è un parametro di progetto. p p y u y C S T Riulta allora: Fig. 3 : Strategia di controllo in anello chiuo ( ) ( ()) ( ) ( ) ( ) yt () = y + p+ µ y yt ( τ ) p+ pt = + µ y µ yt τ pt. Studiamo anzitutto il comportamento a regime (analii tatica), upponendo cotanti le perdite ( pt () = p). Tutte le variabili riulteranno allora cotanti, ed in particolare i avrà: yt () = yt ( τ ) = y. Facendo i conti i ottiene: P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

15 p y y = + µ. Sembra quindi che pur di cegliere il parametro µ poitivo ufficientemente grande, i poa ridurre arbitrariamente l errore. Il problema è riolto? Non proprio... Studiamo un tranitorio, oia il paaggio da una condizione di regime ad un altra (analii dinamica). In particolare, ipotizziamo che l andamento nel tempo delle perdite ia rappreentato dal grafico di Fig. 4. p p τ t Fig. 4 : Andamento temporale delle perdite di abbia Facendo i conti, i trova che il parametro µ influenza peantemente l andamento temporale della portata in ucita y, come motrano i eguenti grafici: y µ < y +p y τ τ 3τ 4τ t Fig. 5 : Andamento temporale della portata in ucita: µ< P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 3

16 y µ = y +p y τ τ 3τ 4τ t Fig. 6 : Andamento temporale della portata in ucita: µ= y µ > y +p y τ τ 3τ 4τ t Fig. 7 :Andamento temporale della portata in ucita: µ> Tipo di tranitorio µ< Ocillazioni convergenti (*) µ= Ocillazioni permanenti µ> Ocillazioni divergenti (*) Si può dimotrare che le ocillazioni convergono al valore y o + p ( + ) l analii tatica, tenendo conto che nel nuovo punto di equilibrio p µ, coerente con = p. Concluioni L analii tatica non è ufficiente per lo tudio delle pretazioni dei itemi di controllo. A volte (vedi i cai µ= e µ>) può dare riultati addirittura errati. E allora indipenabile un analii dinamica del itema di controllo. Un modello matematico che decrive l evoluzione nel tempo delle variabili del itema prende il nome di modello dinamico. Lo trumento matematico che ueremo per formulare i modelli matematici arà quello delle equazioni differenziali. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 4

17 Modelli dinamici di itemi elementari Reitore R i v R: reitenza i: corrente v: tenione vt () = Rit () Induttore i v L L: induttanza i: corrente v: tenione vt () = () L di t dt Condenatore i v C C: capacità i: corrente v: tenione it () = () C dv t dt Maa dp() t M: maa vt () = dt p: poizione M F dv() t at () = v: velocità dt p a: accelerazione Ft () = Mat () F: forza P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 5

18 Ocillatore meccanico K M: maa M F K: cotante elatica D p D: coefficiente di attrito p: poizione v: velocità a: accelerazione F: forza vt () = at () = () dp t dt () dv t dt Ft () = Kpt () + Dvt () + Mat () Pendolo τ ϑ l mg τ: coppia l: lunghezza dell ata (priva di maa) m: maa concentrata g: accelerazione di gravità ϑ: poizione angolare ω: velocità angolare α: accelerazione angolare dϑ() t ω() t = dt dω() t α() t = dt ( ) () τ t = ml α() t + mglin ϑ() t Serbatoio cilindrico q i A S : area ezione erbatoio h: livello liquido q i : portata di liquido entrante h q () A i t = S () A dh t S dt Serbatoio cilindrico con valvola d effluo q i A S : area ezione erbatoio h A S A v : area di effluo della valvola A v k: coefficiente caratteritico della valvola () q q () t = A dh t + ka u h: livello liquido dt q i : portata di liquido entrante i S v h() t P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 6

19 Sitemi dinamici Un itema dinamico i interfaccia con il reto del mondo per mezzo di una erie di variabili, che definiremo di ingreo, ed altre che definiremo di ucita. Definiamo di ingreo le variabili che influenzano il comportamento del itema, di ucita quelle che caratterizzano il itema e ulle quali offermiamo il notro interee (tipicamente perché cotituicono l obiettivo del controllo). u variabili di ingreo S y variabili di ucita Fig. 8 : Ingrei e ucite di un itema La relazione che uite tra variabili di ingreo e di ucita è di caua-effetto e non ha nulla a che vedere con relazioni di affluo ed effluo di materia o energia (la portata di ucita in un erbatoio può eere variabile di ingreo per il itema, e per eempio è comandata da una pompa). E ufficiente decrivere il comportamento dinamico di un itema mediante relazioni algebriche tra i uoi ingrei e le ue ucite? Quai empre no (nei notri eempi, olo per il reitore), per due motivi: occorre conocere i valori aunti dalle variabili di ingreo a partire dall itante iniziale ed occorre conocere una o più condizioni iniziali. Conideriamo a titolo di eempio il condenatore, in cui l ingreo è cotituito dalla corrente (u(t) = i(t)), l ucita dalla tenione (y(t) = v(t)). Avremo quindi: Cy& () t = u() t y() t = y( t) + () C u τ d τ. t t Occorre quindi conocere il valore iniziale della tenione e l andamento della corrente dall itante iniziale. Il numero minimo di condizioni iniziali che occorre aegnare per determinare tutte le ucite del itema, noti gli andamenti degli ingrei a partire dall itante iniziale, prende il nome di ordine del itema: lo indicheremo con n. Per decrivere l evoluzione dinamica del itema è quindi ufficiente aegnare, itante per itante, n valori, ovvero dare l andamento nel tempo di n variabili: indicheremo con x, x,..., x n quete variabili e le definiremo variabili di tato. Note le variabili di tato ad un dato itante e l andamento degli ingrei da quell itante in poi, arà quindi poibile determinare l andamento di tutte le ucite dall itante coniderato. La formalizzazione matematica del itema dinamico paa allora per la crittura delle equazioni differenziali di cui le variabili di tato ono le oluzioni, noti gli ingrei eterni, e del legame tra le variabili di ucita e quelle di tato e di ingreo. Sia m il numero delle variabili di ingreo e p il numero di variabili di ucita: P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 7

20 ( ) ( n m ) () = () () n() () () m() () = () () () () () () x& t f x t, x t,..., x t, u t, u t,..., u t x& t f x t, x t,..., x t, u t, u t,..., u t equazioni di tato M x& n() t = f ( x () t, x () t,..., x () t, u () t, u () t,..., u () t ) n n m y() t = g( x() t, x() t,..., xn() t, u() t, u() t,..., um() t ) y() t = g( x() t, x() t,..., xn() t, u() t, u() t,..., um() t ) traformazioni di ucita M yp() t = gp( x() t, x() t,..., xn() t, u() t, u() t,..., um() t ) Quete ono le equazioni di un itema dinamico. Introduciamo i vettori: () () t () () t () () t x t u t y t x u y x() t = u() t = y() t =,,. M M M xn() t um() t yp() t e le funzioni vettoriali: ( () t, u() t ) f x ( (), (),..., n(), (), (),..., m() ) (), (),..., (), (), (),..., () f x t x t x t u t u t u t f x t x t x t u t u t u t = M fn x t x t xn t u t u t um t ( n m ) ( (), (),..., (), (), (),..., ()) ( (), (),..., n(), (), (),..., m() ) (), (),..., (), () t, u () t,..., u () t g x t x t x t u t u t u t g x t x t xn t u gx ( () t, u() t ) ( ) = m M gp( x() t, x() t,..., xn() t, u() t, u() t,..., um() t ) Poiamo ricrivere le equazioni del itema dinamico in forma compatta vettoriale: ( ) ( ) () t = () t () t () t = () t, () t x& f x, u y g x u. Si oervi che il itema è tempo invariante oia le equazioni del itema non i modificano nel tempo: ciò comporta che la celta dell ae dei tempi è del tutto convenzionale, oia che come itante iniziale arà empre poibile cegliere l itante t=. Definiremo poi come itemi SISO (Single Input Single Output) i itemi per cui m=p=, MIMO (Multiple Input Multiple Output) gli altri. Infine i dirà trettamente proprio un itema in cui la funzione g non dipende dall ingreo u, genericamente proprio un itema in cui ciò non accade., P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 8

21 Torniamo ai notri eempi: Reitore ingreo: u = v i v ucita: y = i variabili di tato: neuna R yt () = () R ut Induttore i v L ingreo: u = v ucita: y = i variabili di tato: x = i &x () t = () L ut yt () = x() t Condenatore i v C ingreo: u = i ucita: y = v variabili di tato: x = v &x () t = () C ut yt () = x() t Maa M F ingreo: u = F ucita: y = p variabili di tato: x = p, x = v x& () t = x () t x& () t = () M ut p yt () = x() t P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 9

22 Ocillatore meccanico ingreo: u = F K ucita: y = p M F variabili di tato: x = p, x = v D p x& () t = x () t x& () t = ( Kx() t Dx() t + u() t ) M yt () = x() t Pendolo τ ingreo: u = τ x& () t = x() t ucita: y = ϑ g variabili di tato: x = ϑ, x = ϑ ω x& () t = in x () t + l l ml mg yt () = x() t ( ) ut () Serbatoio cilindrico h q i A S ingreo: u = q i ucita: y = h variabili di tato: x = h &x () t = () A ut S yt () = x() t Serbatoio cilindrico con valvola d effluo h q i A S ingreo: u = q i ucita: y = h &x () t k A v = x() t + () A A ut S S A v variabili di tato: x = h yt () = x() t q u Gli eempi evidenziano che, di norma, le variabili di tato ono aociate a fenomeni di accumulo (di energia elettrica, di energia potenziale, di energia cinetica, di maa...). P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

23 Sitemi dinamici lineari Nei itemi dinamici lineari le equazioni di tato e le traformazioni di ucita ono lineari nelle variabili di tato e nelle variabili di ingreo: () = () + () + + n n() + () + () + + m m() () = () + () + + () + () + () + + () x& t ax t ax t... a x t bu t bu t... b u t & x t ax t ax t... anxn t bu t bu t... bmum t equazioni di tato M x& n() t = anx() t + anx() t annxn() t + bnu() t + bnu() t bnmum() t y() t = cx() t + cx() t cnxn() t + du() t + du() t dmum() t y() t = cx() t + cx() t cnxn() t + du () t + du() t dmum() t traformazioni di ucita M yp() t = cpx() t + cpx() t cpnxn() t + dpu() t + dpu() t dpmum() t Introduciamo le matrici: a a L an a A= a L an, M M O M an an L ann c c L cn c c c C = L n, M M O M cp cp L cpn b b L b m b B= b L bm M M O M bn bn L bnm d d L dm d d d D= L m M M O M dp dp L dpm Il itema dinamico lineare potrà allora eere ricritto in forma compatta vettoriale come egue: () t = () t + () t () t = () t + () t &x Ax Bu y Cx Du. Tutti i precedenti eempi ono decritti da itemi dinamici lineari, tranne il pendolo (a caua della funzione trigonometrica) ed il erbatoio con valvola di effluo (per via della radice quadrata). P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

24 Movimento In un itema dinamico il movimento (o moto) dello tato è definito come l evoluzione nel tempo del vettore delle variabili di tato, a partire da un itante iniziale in cui ia dato il valore dello tato teo, e noti gli andamenti degli ingrei da quell itante in poi. Analoga definizione i dà per il movimento dell ucita. Di fatto quindi il movimento dello tato cotituice la oluzione del itema di equazioni differenziali che forma il itema dinamico. Per un itema dinamico lineare, il movimento dello tato e quello d ucita ono componibili in due termini: moto libero e moto forzato. Il moto libero dipende olo dalla condizione iniziale ullo tato del itema (e non dagli ingrei), il moto forzato dipende olo dagli ingrei (e non dalla condizione iniziale): x() t = xl() t + xf() t. y t = y t + y t () () () l f Coniderando per emplicità un itema del primo ordine (n = ), con un ingreo ed un ucita (m = p = ): &x() t = axt () + but () x( ) = x yt = cxt + dut () () () (in cui tutte le variabili ono quindi calari) è facile verificare che il moto libero ed il moto forzato aumono le eguenti epreioni: Moto libero () () at xl t = e x at yl t = ce x Moto forzato t at ( τ) xf () t = e bu( τ) dτ t at ( τ) xf () t = ce bu τ dτ+ du t ( ) ( ) Le formule poono eere generalizzate ( formula di Lagrange ) a itemi di ordine uperiore e con più ingrei e/o ucite, introducendo il concetto di eponenziale di matrice. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

25 Sovrappoizione degli effetti Si conideri un itema dinamico lineare. Si eeguano ul itema tre eperimenti:. Lo tato iniziale valga x e i aegni l ingreo u () t, per t. Siano x () t e y () t i corripondenti movimenti di tato e ucita.. Lo tato iniziale valga x e i aegni l ingreo u () t, per t. Siano x () t e y () t i corripondenti movimenti di tato e ucita. 3. Lo tato iniziale valga x = x + x α β e i aegni l ingreo u () t = u () t + u () t t, eendo α e β due arbitrari numeri reali. Siano x () t e y () t i corripondenti movimenti di tato e ucita. α β, per Il principio di ovrappoizione degli effetti, valido olo per itemi lineari, afferma che: () t () t () t x = αx + β x, () t () t () t y = αy + β y. E quindi poibile tudiare eparatamente l effetto ul moto delle caue (tato iniziale e differenti ingrei) che lo generano, e quindi ovrapporre (combinare linearmente) gli effetti. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 3

26 Equilibrio Si upponga che l ingreo (o gli ingrei) del itema dinamico (lineare o no) iano cotanti. Un punto di equilibrio è caratterizzato dal fatto che tutte le variabili di tato (e quindi anche la variabile di ucita) del itema rimangono cotanti nel tempo. Conideriamo l equazione di tato (vettoriale): ( ) () t () t () t x& = f x, u, ed aumiamo l ingreo cotante: u() t = u. Se il itema i trova all equilibrio, x() t = x, e la derivata di x è nulla. Pertanto: f( x, u) =. Queta equazione, nell incognita x, conente di trovare il punto di equilibrio del itema. La corripondente ucita di equilibrio arà data da: ( ) y = g x, u. Non è detto che lo tato di equilibrio eita e, e eite, non è detto che ia unico. Eempio Si conideri il itema, non lineare, del econdo ordine: x& = x + u 3 x& = x + x y= x x + u Si vogliono individuare eventuali punti di equilibrio in corripondenza dell ingreo cotante ut () = u=. Annullando le derivate i ottiene: x + = x+ x = Dalla prima equazione i ricava, come unica oluzione reale, x =, che, otituita nella econda, comporta le due oluzioni: x = e x =. 3 Pertanto il itema oggetto all ingreo cotante aegnato ammette due punti di equilibrio: ( x = ; x = ), ( x = x = ) ;. In corripondenza del primo punto di equilibrio l ucita di equilibrio vale: y = xx+ u = mentre in corripondenza del econdo: y = xx+ u =. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 4

27 Linearizzazione Coniderando piccoli cotamenti delle variabili attorno a valori di equilibrio, è poibile approimare il comportamento di un itema dinamico non lineare con quello di un itema dinamico lineare. Conideriamo un generico itema non lineare in forma vettoriale: ( ) ( ) () t = () t () t () t = () t, () t x& f x, u y g x u oggetto all ingreo cotante u() t = u. Supponiamo che eita il punto di equilibrio (eventualmente non unico) caratterizzato dal valore x delle variabili di tato e dal valore y dell ucita di equilibrio. Per definizione di equilibrio arà quindi: f( x, u) =. ( ) y = g x, u. Si upponga ora che lo tato iniziale (all itante t=) ia cotituito dal valore di equilibrio x cui i omma un piccolo cotamento: x = x +δ x, e che, a partire dall itante iniziale, l ingreo i poa eprimere come la omma del valore all equilibrio e di un piccolo cotamento: () () u t = u + δ u t, t. E enz altro lecito eprimere anche i movimenti di tato e ucita che ne coneguono come omma dei valori di equilibrio e di cotamenti: () t = +δ () t x x x () t () t y = y+δ y. Eendo le epreioni precedenti movimenti del itema devono oddifarne le equazioni. Si ottiene quindi:. δx f x δx u δu δx ( ) () t = + () t, + () t ( ) = δx ( ) () t () t, () t y+ δy = g x + δx u + δu Il itema linearizzato i ottiene viluppando in erie di Taylor intorno al punto di equilibrio le equazioni di tato e le traformazioni di ucita del itema originario ed arretando lo viluppo ai termini di primo grado. Nello viluppo compariranno le derivate parziali delle funzioni vettoriali f e g ripetto agli argomenti vettoriali x e u (matrici Jacobiane), valutate nel punto di equilibrio: P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 5

28 . δx δx f x f u () t = f( x, u) + δx() t + δu() t ( ) = δx xu, xu, g g y+ δy = gxu + + x u () t (, ) δx() t δu() t Ponendo ora: f f A = B = x, u, xu, xu, g g C = D = x, u, xu, xu, xu, xu, e ricordando le relazioni valide tra le variabili che caratterizzano l equilibrio, otteniamo:. δx Aδx Bδu δx () t = () t + () t ( ) = δx () t () t () t δy = Cδx + Dδu, che è un itema lineare. Per il itema linearizzato valgono quindi le proprietà dei itemi lineari (non valide per il itema non lineare di partenza), limitatamente a piccole variazioni intorno alla condizione di equilibrio. Eempio Si conideri nuovamente il itema del econdo ordine: x& = x + u 3 x& = x + x y= x x + u Si vogliono determinare le epreioni dei itemi linearizzati intorno ai due punti di equilibrio corripondenti all ingreo cotante ut () = u=. Abbiamo già calcolato i due punti di equilibrio: ( x =, x = ), ( x = x = ),. Le equazioni del itema linearizzato ono le eguenti: P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 6

29 δx& = 3x δx + δu δx& = δx + x δx. δy= xδx+ xδx + δ u u In particolare, il itema linearizzato intorno al primo punto di equilibrio riulta: δx& = 3δx + δu δx& = δx δx, δy= δx δx + δu mentre quello linearizzato intorno al econdo punto: δx& = 3δx + δu δx& = δx + δx δy= δx δx + δu. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 7

30 Eercizi Eercizio. Scrivere le equazioni che decrivono (nel dominio del tempo) il comportamento dinamico della rete elettrica di figura: R L u C R y Eercizio. Scrivere le equazioni che decrivono (nel dominio del tempo) il comportamento dinamico della rete elettrica di figura: R= L= i u C= y NL v dove il blocco NL impone la relazione v = i 3 tra la corrente i che lo percorre e la tenione v ai uoi capi. Eercizio.3 Senza criverne le equazioni, i dica di che ordine è il itema dinamico che decrive la rete elettrica di figura: R L R L R L u C R C R C R y P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 8

31 Eercizio.4 Senza criverne le equazioni, i dica di che ordine è il itema dinamico che decrive il itema meccanico di figura: Eercizio.5 Con riferimento al itema dinamico: () = () + () + () () = () () = () () x& t x t x t u t x& t x t yt x tx t i calcoli il punto di equilibrio corripondente all ingreo cotante u= u =, e i crivano le equazioni del itema linearizzato intorno a tale punto di equilibrio. Eercizio.6 Con riferimento al itema dinamico: () &x t () ut () xt () = xt () yt = i calcoli il punto di equilibrio corripondente all ingreo cotante u= u =, e i crivano le equazioni del itema linearizzato intorno a tale punto di equilibrio. P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. - 9

32 Traccia delle oluzioni Eercizio. Dette x la tenione ul condenatore e x la corrente nell induttore: R x L Cx. Lx. u C x R y i crivono le leggi delle tenioni alle due maglie: x = Lx& + Rx ( & ) u= x + R x + Cx da cui i ricavano le equazioni del itema dinamico: x& x& RC x C x = + RC u L x R = L x y = Rx Eercizio. Dette x la tenione ul condenatore e x la corrente nell induttore: x. x. x i u x y NL v i crivono le leggi delle tenioni alle due maglie: x = x& + x 3 ( & ) u= x + x + x da cui i ricavano le equazioni del itema dinamico: P. Rocco - Dipene di Automatica Lez. -

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli