ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI"

Transcript

1 ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud d Bresca Va Branze 38 Bresca Italy tel fax e-mal: (**) Tube Tech Machnery Srl Va Bonfadna 33 Cazzago SM (BS) Italy tel fax e-mal: (***) Alpha Progett Va Golg 5/7 - Gussago (BS) Italy tel fax e-mal: PREMESSA L'anals delle problematche connesse a un partcolare processo produttvo e la volontà commercale d rsolverle, ha portato a una effcace collaborazone tra mprese ed ent d rcerca, che ha permesso lo svluppo d un macchnaro così nnovatvo da essere premato alla recente Esposzone Mondale delle Macchne Utensl (EMO 003). In questo lavoro, partendo dal contesto n cu è sorta la problematca, s descrvono pass comput per arrvare al successo tecnologco (e commercale) del macchnaro.

2 IL CONTESTO TECNOLOGICO V sono mpant d produzone d tub saldat che, a partre da lamera n accao al carbono o n accao nossdable producono tub e tubolar d sezone tonda, quadrata e rettangolare. Tale processo consste nel sottoporre la lamera d partenza n rotol (cols) all'azone d costrzone eserctata da una sere d gabbe a due clndr conugat, rotant n senso nverso con la medesma veloctà perferca, che forzano l materale ad assumere una sezone corrspondente alla luce che rmane tra clndr stess. In partcolare, nella lamnazone del tubo, una sere d rull forzano una lamera pana ad assumere la forma clndrca e quando l clndro, aperto lungo una generatrce, è formato s salda propro lungo la generatrce realzzando l tubo. Il processo d produzone è n contnuo e s compone essenzalmente delle fas d formatura, saldatura contnua e calbratura della sezone ottenuta. Come ultma fase deve essere eseguto l taglo a msura del tubo formato: generalmente s ottengono spezzon d lunghezza compresa tra 6 e 1 metr. Attualmente l operazone d taglo vene effettuata medante asportazone d trucolo (segatrc a dsco) con gl nevtabl nconvenent ad essa conness: rumore, usura degl utensl, formazone d bave e trucol, mpego d acqua emulsonata come lubro-refrgerante. Un esgenza delle

3 socetà produttrc d tub saldat è quella d elmnare gl nconvenent ndcat specalmente quando s tratt d tub n accao nossdable oppure quando la destnazone de loro prodott sa l settore almentare o quello dell arredamento. L'ANALISI La Tube Tech Machnery, azenda produttrce d macchne utensl attva nel settore sderurgco, con acuto sprto mprendtorale ha percepto che la rsoluzone d questa problematca avrebbe potuto rappresentare un'ottma opportuntà commercale. D conseguenza decse d nvestre nell'anals del problema e gà dalle prme fas s capì che c s doveva concentrare sul taglo dell accao nossdable, pù dffcle da taglare con sstem tradzonal rspetto all accao al carbono, e s sarebbe dovuto scartare una qualche evoluzone della tecnologa tradzonale che non avrebbe n ogn caso portato all elmnazone d bave, rumore e sporcza. Poché l'operazone pù delcata della lamnazone de tub è la saldatura, c s mpose d renderla l'operazone vncolo, e qund d raggungere delle veloctà d taglo tubo al mnmo par alla veloctà d saldatura. La tecnologa al momento dsponble che unva quest requst è quella Laser e dunque s è decso d utlzzarla; nel dettaglare ulterormente le specfche d quella che sarebbe

4 dventata una spezzonatrce laser da collocare n lnea a valle del processo d formatura tub, emersero d conseguenza altre esgenze che andamo a elencare: n prmo luogo doveva avere una conformazone tale da permettere l taglo al volo d tub; la sezone de tub non sarebbe dovuta essere solo crcolare ma anche quadrata e rettangolare; nfne, poché la macchna avrebbe dovuto sostture le segatrc esstent, doveva avere delle dmenson sml a queste. Tutte queste specfche hanno gudato un lungo lavoro d studo che s è po concretzzato n una sere d progett che ha portato alla realzzazone della macchna. LA FASE DI PROGETTO Il punto d partenza per la progettazone è stato, come s è detto, l'utlzzo della tecnologa Laser. Laser è l'acronmo d Lght Amplfcaton by Stmulated Emsson of Radaton ossa amplfcazone della luce tramte emssone stmolata d radazone. In pratca s adotta un dspostvo che amplfca la luce con potenza d emssone d dverse mglaa d watt, n grado d taglare la lamera. L'amplfcazone avvene n un generatore che emette un fasco d luce che deve essere portato n poszone attraverso una sere d specch collocat

5 all nterno d strutture protette e focalzzato correttamente sul materale, affnchè esplch la funzone d taglo. Fno a quel momento le macchne per l taglo d tubo medante tecnologa laser presupponevano la possbltà del tubo d compere rotazon attorno al propro asse. Nel caso della spezzonatrce laser l tubo non può grare attorno al propro asse e qund l problema prncpale era quello d condurre l fasco tutt'ntorno al lungo clndro metallco provenente dalla fase d saldatura. Le potes nzal d macchnaro smle all'apparecchatura medca per T.A.C. o d due bracc meccanc contrappost e rotant furono rapdamente abbandonate; la soluzone adottata ha voluto n qualche modo mtare l movmento antropomorfo dell'avamabracco, del polso e della mano, fatta a uncno, nella rotazone ntorno a un ostacolo. Le condzon da rspettare sono: ortogonaltà del raggo laser alla superfce da taglare; veloctà d taglo costante anche nelle zone d dscontnutà Questa soluzone ha comportato l'adozone d una confgurazone cnematca costtuta da cnque ass n sere, d cu tre lnear e due rotatv, la cu dsposzone è vsble n fgura, pù un sesto asse d compensazone. Nel dettaglo, v sono quattro ass nterpolat per la

6 realzzazone della traettora (Y, Z, A, B) pù due ass (quello d compensazone C - non rappresentato n fgura - e quello d nsegumento della lnea X) ndpendent. L asse T è un movmento d regstrazone delle lunette e sarà trascurato nella presente trattazone. La realzzazone d questa partcolare cnematca e della dnamca a questa connessa ha portato alla luce due mportant requst tecnc: l'adozone d movmentazon a elevata dnamca a causa delle accelerazon necessare per mantenere costante la veloctà d taglo con la testna d focalzzazone sempre ortogonale al proflo del tubo. Le accelerazon sono estremamente elevate, non tanto nell'esecuzone de profl crcolar quanto nella realzzazone degl spgol de profl quadr e rettangol; l esgenza d grare con la testna d focalzzazone attorno al tubo connessa alla necesstà d evtare collson del bracco porta testa col tubo stesso ha dato orgne ad un cnematsmo non convenzonale rdondante. La rdondanza è causata dalla componente orzzontale dell'asse nclnato che s sovrappone al movmento lneare dell asse conugato. LA SCELTA DEGLI AZIONAMENTI Le specfche tecnche rsultant dalla prma fase d progetto hanno evdenzato la necesstà d ottenere movmentazon estremamente veloc e con accelerazon superor a quelle che d norma vengono realzzate con tradzonal sstem motore rotante-vte. In partcolare ccl teorc mponevano

7 veloctà dell ordne de m/s e accelerazon superor a 1m/s, grandezze superor a quelle che d norma s rescono a realzzare con catene cnematche tradzonal. Da un punto d vsta cnematco la confgurazone tradzonale d un azonamento lneare è composto da motor brushless rotatv collegat, drettamente o nfrapponendo un rduttore, a vt senza fne che traducono l movmento da rotatvo a lneare. E utle rcordare che le vt, normalmente a rcrcolo d sfere, hanno un lmte d funzonamento governato dal rapporto tra dametro della vte e veloctà d rotazone alla quale è sottoposta. Tale vncolo s traduce n un lmte d veloctà par a crca 60m/mn (1 m/s); a questo s aggunge la norma d buona progettazone relatva a consderare crtca un'accelerazone superore a 10m/s per un motore brushless rotatvo. Per questo s è dovuto procedere con l'adozone d motorzzazon drette, sa sugl ass lnear (sfruttate nella pratca fno a veloctà d,3 m/s e accelerazon d g (0 m/s )) sa per le rotazon dell' avambracco e del polso, realzzate con due motor d tpo torque. Nel motore torque la parte prmara (statore) è costtuta da un avvolgmento trfase svluppato n senso anulare e da una parte secondara (rotore) a magnet permanent soldal al componente da azonare. S tratta n sostanza d un motore Brushless ad elevato numero d pol (alcune decne) che può svluppare veloctà massme dell ordne d qualche centnao d gr/mn. All nterno della gamma proposta da Semens la coppa svluppata può raggungere l consderevole valore d Nm.

8 Con questo tpo d azonamento gl element d trasmssone meccanc qual rduttor non sono pù necessar, s elmnano così le mprecson ntrodotte dalla meccanca. Il motore Torque consente noltre un funzonamento vrtualmente esente da usura e manutenzone. L adozone d questo tpo d motor ha permesso d realzzare component meccancamente semplc, rgd e compatt e dunque d ottenere accelerazon angolar pù elevate. Altro fattore fondamentale per la macchna n oggetto è stata la possbltà d consegure qualsas poszone ntermeda dell asse con corretta rgdtà d poszonamento, graze alla notevole prontezza d regolazone. Inoltre dall elmnazone della catena cnematca tradzonale (rduttore, gunt, ecc.) è conseguta un apprezzable semplctà d montaggo. L accoppamento meccanco tra motore e componente è, come s è detto, estremamente rgdo, ma a causa dell elevata dnamca hanno acqustato rlevo l elastctà torsonale fra la struttura che ospta l motore e la colonna nclnata a 45 e quella fra l sstema d msura e l avambracco. Al fne d poter sfruttare al massmo le prestazon de motor torque è stato mportante rspettare le seguent lnee guda: precsone nella scelta, poszonamento e montaggo del sstema d msura e degl element d fssaggo delle part mobl rspetto alle fsse;

9 pccolo rapporto tra masse n movmento e masse fsse; rgdtà e smorzamento elevato d tutte le part meccanche. Partcolare cura è stata qund posta nella realzzazone d tutt component struttural della macchna per rdurre l pù possble le masse n movmento, a partre naturalmente dall' avambracco meccanco chamato amchevolmente mandolno. Tale componente è stato realzzato n lega leggera e conformato seguendo le ndcazon delle anals F.E.M., adottate del resto su tutt component delcat della macchna. IL CONTROLLO: ALGORITMI GENETICI Dopo l esposzone generale delle caratterstche della macchna, passamo ora ad un anals della cnematca del robot, così da poter po gungere alla descrzone n termn matematc della metodologa adottata per defnre le traettore. Lo spunto orgnale del sstema è la rdondanza. Tale rdondanza è stata ntrodotta per evtare l contatto del robot con l tubolare da taglare e s è pensato d utlzzarla anche per dstrbure al meglo la potenza de motor durante l movmento. E un po quello che, n natura, succede nel bracco umano, che è un tpco sstema rdondante n quanto con dverstà d movment è possble fare una medesma operazone. La scelta della mglore combnazone d movmento tra le nfnte possbl vene operata tramte l utlzzo d un algortmo genetco che rcalca n termn matematc la stratega evolutva darwnana. In termn pratc, secondo tale teora fra ndvdu, dotat d caratterstche pecular, avvene, con partcolar regole, una selezone che consente d fare sopravvvere solo quell che consumano meno energa. Analogamente, alla fne dell elaborazone, l algortmo genetco selezona la combnazone d legg d movmento che ottmzza la dstrbuzone dell energa all nterno del sstema. Introducamo nnanztutto una smbologa per denotare le grandezze geometrche prncpal e le coordnate a gunt del sstema.

10 Con rfermento alla fgura 1, s sono ndcat con l 1 la lunghezza del bracco e con l quella della torca laser. q 3 l Y q l 1 q 1 X 45 Fgura 1 Schema strutturale del robot. q 0 O Rspetto al sstema d rfermento scelto, sono po stat evdenzat quattro grad d lbertà del robot, avendo trascurata la coordnata d nsegumento del proflato ortogonale al pano nnfluente a fn del calcolo delle traettore per la movmentazone del robot attorno al proflo da taglare. Saranno pertanto utlzzat smbol q 0 per la coordnata relatva al carro trasversale, q 1 per lo spostamento del carro nclnato, q per la rotazone del bracco e q 3 per la rotazone della testna. Pù n generale ndchamo con Q={q 0, q 1, q, q 3 } l vettore delle coordnate a gunt e con S={x, y, } quello delle coordnate della pnza, n cu oltre a due termn cartesan s è consderata l nclnazone della torca rspetto all asse orzzontale. Dalla meccanca de robot è noto che la cnematca dretta può essere descrtta dalle seguent equazon: ( Q) S = F S& = JQ& S& = JQ && + JQ& (1)

11 che, date le coordnate a gunt e le loro dervate temporal, permettono d determnare posa, veloctà e accelerazone della pnza attraverso l legame funzonale F( ) e la matrce jacobana J ( Q) F Q = che ne derva. In base alla geometra del robot (Fgura 1) s osserva che la funzone F( ) può essere espressa dal seguente sstema d equazon non lnear: x = q0 + / q1 + l1 cos q + y = / q1 + l1 sn q + l sn θ = q + q3 l cos( q + q3 ) ( q + q ) 3 () da cu s ottene faclmente la matrce jacobana: 1 / l sn ( q + q 3 ) l sn ( q + q 3 ) ( q + q ) l cos ( q q ) J = 0 / l cos q + l cos q l sn 3 3 (3) La dervata rspetto al tempo d questa matrce permette d rsolvere la cnematca dretta a lvello delle accelerazon, per la quale s ha: ( q& 1 + q& ) cos( q + q3) l( q& 1 + q& ) cos( q + q3 ) ( q& + q& ) sn( q + q ) l ( q& + q ) sn( q q ) 0 0 l1q& cos q l dj J & = = 0 0 l1q& sn q l & dt (4) Pù nteressante per nostr scop, è la rsoluzone del problema cnematco nverso, per l quale s sottolnea che durante l operazone d taglo le coordnate della torca devono segure punt della superfce da taglare, mentre l suo orentamento deve manteners ortogonale alla medesma superfce. Un ulterore vncolo s ha sulla veloctà del

12 movmento che, lungo l ascssa curvlnea percorsa dalla torca, deve manteners l pù possble costante. E bene a questo punto rcordare che l robot n esame presenta una rdondanza (cosa bene evdenzata anche dall aver ottenuto una matrce jacobana rettangolare) che, a fronte d un dato set d coordnate della torca, ntroduce 1 poszon de gunt, tutte soddsfacent la posa da assumere. L nversone delle equazon (1) presenta qund la dffcoltà d dover nvertre una matrce non nvertble n quanto rettangolare. S rcorre n quest cas all utlzzo della cosddetta matrce pseudonversa che, nell nversone d un sstema lneare d equazon con nfnte soluzon, permette d rcavare automatcamente quella d norma eucldea mnma. L utlzzo della pseudonversa auta noltre a rsolvere l problema nverso anche a lvello delle poszon, n quanto, adottando un metodo numerco come quello d Newton- Raphson, l nversone del sstema S=F(Q) s traduce nella reterazone del calcolo d una soluzone Q a partre da una soluzone meno precsa Q -1. Senza entrare ne dettagl, ndcando con J + la matrce pseudonversa d J e detto S l vettore della posa da raggungere, l calcolo del set d coordnate a gunt Q s ottene terando la seguente equazone a partre da una prma soluzone approssmata Q 0 : Q ( S F( Q )) + = Q 1 + J 1 (5) Nel nostro caso, convene utlzzare, n luogo della matrce pseudonversa, la matrce pseudonversa pesata che, graze all ntroduzone d alcun parametr, permette d gudare la soluzone n drezon dverse da quella a norma mnma. Cò, da un lato è necessaro per escludere le soluzon che vedrebbero l robot mpattare contro l tubo, e n secondo luogo, consente un ottmzzazone nella scelta della soluzone fra tutte quelle ammssbl. Formalmente la matrce pseudonversa pesata J * s ottene condzonando la pseudonversa con una matrce dagonale W=dag(w 0, w 1, w, w 3 ) contenente parametr con cu vengono pesate le vare soluzon così come ndcato nella (6):

13 J * = W 1 1 ( JW ) + (6) In pratca, fssata la posa S da raggungere n un certo stante t, al varare de parametr d W, s ottengono, applcando rpetutamente l metodo d Newton-Raphson, le nfnte soluzon Q tra cu sceglere la pù adatta a consegure gl obettv prepost. Charamente, nulla veta d utlzzare parametr W dvers per l calcolo delle successve poszon assunte dalla pnza durante l suo movmento attorno al proflo, così da offrre l opportuntà d un ottmzzazone lungo tutto l percorso realzzato. La matrce J * vene qund a dpendere dal parametro tempo, anche se la varazone de parametr W deve avvenre con una certa contnutà, n modo da non generare mplctamente rregolartà nel movmento: vedremo n seguto come cò sarà garantto nel caso n esame. Mentre per rsolvere l problema nverso a lvello delle poszon s è utlzzato un metodo numerco, a lvello d veloctà basta la semplce ntroduzone della matrce pseudonversa pesata: S& = JQ& = JW 1 WQ& 1 + ( JW ) S& = WQ& W ( JW ) S& = Q& Q& * = J S La dpendenza d J * dal tempo genera qualche complcazone a lvello delle accelerazon per le qual, dervando S & rspetto al tempo, s ha: & (7) & S = JW & WQ& JW& 1 + WQ& + JW WQ && + JW WQ& (8) e dopo qualche passaggo matematco s ottene la formula: Q = J [ S& JQ && 1 ] [ W W& + W& W ]Q & * 1 & (9)

14 Rassumendo, dalla trattazone precedente s evnce che ad n ogn stante t del moto, dovremo defnre una quaterna d parametr <w 0, w 1, w, w 3 > per poter rsolvere computamente l problema cnematco nverso. Prma d passare alla descrzone dell algortmo utlzzato per la determnazone d tal parametr, descrvamo brevemente l ultmo passaggo che lega le condzon d movmento mposte sulla pnza a quelle rcavate su gunt. Al fne d mantenere la trattazone generale, e svncolarc qund dalla partcolare sezone da taglare, noto l proflo su cu operare, è possble calcolarne l permetro e defnre lungo esso una coordnata a partre dalla scelta d una poszone nzale e d un verso d percorrenza. Indcata con s tale ascssa curvlnea, e fssata la veloctà d taglo s&che la pnza deve mantenere nel percorrerla, rsultano mplctamente defnte le caratterstche cnematche S, S &, e S & che la pnza deve assumere ad ogn stante. Allo scopo d evtare urt alla partenza e a fne moto e l nnesco d vbrazon a fronte d brusche varazon della curvatura lungo l proflo, la legge d moto s(t) può essere fssata ad hoc, regolando opportunamente l ntenstà del laser per evtare brucature n que tratt n cu s è costrett a lavorare con veloctà mnor. Senza entrare ne dettagl, dcamo solamente che n base alla precsone d movmento rchesta la legge s(t) vene camponata su un certo numero d punt, cu corrspondono le successve poszon della pnza. Indcato con N tale numero, ne segue che per ogn traettora della torca s hanno N quadruple <w 0, w 1, w, w 3 > e qund un totale d 4N parametr w da determnare n modo che vengano rspettat vncol. Nella pratca, un valore sensato per N è nell ordne de 000 punt, a cu corrspondono 8000 parametr ncognt. L elevato numero d parametr da ottmzzare e la necesstà d dover escludere alcune potenzal soluzon per rspettare vncol del problema, hanno spnto alla scelta d un metodo non convenzonale d ottmzzazone come l algortmo genetco n seguto descrtto. L eventuale mole d calcol convolta non ha peraltro condzonato l dea, confortat anche dal fatto che lo studo delle traettore può avvenre off-lne. Gl algortm genetc fanno parte d una pù ampa categora d

15 metodologe d ottmzzazone matematca note come stratege d tpo evolutvo. L dea che sta alla base degl algortm genetc è quella d cercare d rproporre n termn matematc cò che accade n natura rguardo al processo d selezone naturale degl ndvdu d una certa spece anmale. In termn general, s può dre che l metodo prevede d assmlare l vettore de parametr da ottmzzare al codce genetco degl ndvdu d una certa spece. Così come, d generazone n generazone, gl esser vvent s adattano alle condzon ambental n cu s trovano a vvere, n modo analogo, le potenzal soluzon d un problema matematco vengono va, va sempre pù affnate nell nsegumento d un certo obettvo da raggungere. Il metodo vede pertanto l evoluzone d un gruppo d potenzal soluzon, a partre da una prma generazone d ndvdu caratterzzat da un codce genetco defnto anche n modo casuale all nterno d cert range ammess per ogn carattere. Il codce genetco d ogn soluzone è rappresentato dal vettore de parametr da ottmzzare, nel nostro caso gl 8000 element d W, trasformato n codce bnaro. Il processo rproduttvo per la creazone d una nuova generazone, vene smulato facendo nascere un nuovo codce genetco fglo attraverso la combnazone de codc genetc d due ndvdu gentor selezonat dalla generazone corrente. Graze all applcazone d alcun operator genetc non meglo descrtt n questa sede, come l cross-over, l eredtaretà e la mutazone, l codce genetco fglo è caratterzzato da aspett comun sa al padre che alla madre oltre che dall ntroduzone d element casual. La scelta de gentor avvene premando la selezone degl ndvdu meglo adattat all ambente, così da rendere medamente prevalente la sopravvenza del codce genetco pù evoluto a fn del consegumento dell obettvo da raggungere. Il processo vene reterato pù volte creando una successone d generazon d ndvdu sempre pù adatt alle specfche del problema. La qualtà d ogn ndvduo, è computata n base a partcolar funzon obettvo n seguto descrtte. L algortmo s adatta bene alle nostre esgenze, n quanto nella generazone de parametr è possble ntervenre con una procedura d controllo sugl element ottenut, scartando

16 all occorrenza quelle soluzon che non rspettano vncol del problema. E altresì possble un ulterore manpolazone del codce genetco, d volta n volta rcavato, per fare n modo che le N-uple d quaterne d parametr sano tal che grupp adacent non dfferscano troppo tra loro, garantendo così la contnutà ne dagramm delle accelerazon delle coordnate a gunt. Nella fattspece, s è decso d trasformare l codce genetco offerto dall algortmo, con l applcazone d un nterpolazone polnomale d ventesmo grado asscurando n questo modo la fludtà del movmento nel passaggo da un punto della traettora a quello successvo. Rspetto agl algortm genetc tradzonalmente utlzzat, nel nostro caso, è stata ntrodotta una varante che vede cromosom allungars durante l processo evolutvo. Pù precsamente, nella generazone d ogn nuovo ndvduo, l algortmo costrusce le traettore a partre dalla poszone nzale della pnza, attraverso una sere d tentatv che cercano d completare l percorso, legando l codce genetco alle traettore parzalmente defnte. D fatto, l metodo funzona secondo due fas successve. Nella prma s cerca d determnare un possble percorso completo della pnza a partre dalla poszone nzale del robot. Inzalmente, cromosom della prma generazone sono qund tutt costtut da sol quattro parametr <w 0 0, w 1 0, w 0, w 3 0 > che permettono d spostare la pnza dalla poszone nzale al prmo punto della traettora. Al fne d raggungere successv punt della traettora, s nnesca po nell algortmo una procedura che cerca d allungare l codce genetco d ogn cromosoma, ottenendo nel passaggo dall -esma alla +1- esma posa una sequenza del tpo < w 0 0, w 1 0, w 0, w 3 0, w 0 1, w 1 1, w 1, w 3 1, w 0, w 1, w, w 3, w 0 3, w 1 3, w 3, w 3 3,, w 0, w 1, w, w 3 >. La procedura genera quattro parametr per passare ad ogn nuovo punto n un ntorno d quell ottenut al passo precedente così da non avere varazon troppo repentne ne loro valor. In nuov grupp d gen vengono va va accodat nel cromosoma allungandolo sno a completare la traettora o sno a che vene meno l rspetto de vncol. In questo contesto, oltre che ottmzzare la funzone obettvo, s massmzza l numero d punt raggunt dalla traettora parzale.

17 Una volta completata la prma fase, tutt cromosom saranno caratterzzat da 4N element e l algortmo prosegue nella sua ottmzzazone della sola funzone obettvo. Fgura Successve pose assunte dal robot durante l processo d smulazone/ottmzzazone A ttolo d esempo, n fgura è stata evdenzata la traettora assunta dal prmo gunto rotodale n due dvers moment dell ottmzzazone. Le mmagn sono tratte da un software d smulazone/ottmzzazone che è stato appostamente svluppato per mplementare l algortmo precedentemente descrtto. L unfcazone dell obettvo nelle due fas descrtte è stata semplcemente ottenuta dal contrbuto d due termn defnendo una funzone obettvo del tpo: (10) n cu G 1 è legato al valore massmo delle azon d nerza agent su quattro lnk durante l movmento. Per rendere l ottmzzazone pù flessble, s è nfne pensato d mnmzzare una funzone obettvo pù artcolata, del tpo: (11) n cu vengono mescolat tramte pes j contrbut d G { G( W )} ( W ) = Q mn & 1 { ( )} ( ) = + W mn G W G 1 λ0 mn = mn + λ1g 1( W ) + λg ( W ) + λ3g 3( W ) 1 legato al valore della massma accelerazone

18 = & & n nel generco punto della traettora, d G ( W ) Q Q ds qualche modo legato all energa globale del movmento lungo l ascssa curvlnea s e G ( W ) = Q& 3 ds legato ad un contrbuto globale lungo la traettora delle azon d nerza. Il software mplementato permette attraverso appost cursor d varare l valore de parametr j durante l ottmzzazone così da valutare n modo mmedato le modfche apportate run-tme sulla funzone obettvo. I rsultat hanno consentto d ottenere sulla macchna reale movmentazon talmente armonose da rchamare alla mente traettore natural propre de movment uman. CONCLUSIONI La realzzazone della spezzonatrce laser denomnata Speedfly 5 operata dalla Tube Tech Machnery è stata possble graze alle ngent rsorse economche messe a dsposzone, alla volontà e alla determnazone messe n campo per l raggungmento del traguardo, alla partecpazone al progetto d dverse realtà chamate a collaborare cascuna per la propra specalzzazone. Del gruppo d lavoro, coordnato da tecnc Tube Tech, hanno fatto parte l Professore Rodolfo Fagla, docente d Meccanca applcata alle macchne della facoltà d Ingegnera dell Unverstà degl Stud d Bresca valdamente coaduvato dall Ing Bussola, l colosso dell elettronca Semens per la parte applcatva rguardante motor, azonament e controllo, la Socetà Alpha Progett per la progettazone meccanca. Da questa esperenza emergono alcun punt che sono alla base della flosofa Tube Tech: per essere nnovatv è necessaro nvestre n rcerca e svluppo creando strett rapport d collaborazone tra Unverstà e mondo del lavoro. Samo orgoglos d quanto abbamo fatto perché credamo sano queste le realtà n grado d asscurare lavoro e successo a ch ha ancora vogla d creare.

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Controllo e schedulng delle operazon Paolo Dett Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Unverstà d Sena Organzzazone della produzone PRODOTTO che cosa ch ORGANIZZAZIONE PROCESSO come FLUSSO DI PRODUZIONE

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

E. Il campo magnetico

E. Il campo magnetico - 64 - - 65 - E. Il campo magnetco V è un mportante effetto che accompagna sempre la presenza d una corrente elettrca e s manfesta sa all nterno del conduttore sa al suo esterno: alla corrente elettrca

Dettagli

Sommario Parole chiave:

Sommario Parole chiave: Abstract The recent ntroducton of free form NC machnng n the ophthalmc feld nvolved a full revew of the former product development process both from the desgn and the manufacturng vewpont. Am of the present

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216 Manuale d struzon Manual de Instruções Mllmar C1208 /C 1216 Mahr GmbH Carl-Mahr-Str. 1 D-37073 Göttngen Telefon +49 551 7073-0 Fax +49 551 Cod. ord. Ultmo aggornamento Versone 3757474 15.02.2007 Valda

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

DATA MINING E CLUSTERING

DATA MINING E CLUSTERING Captolo 4 DATA MINING E CLUSTERING 4. Che cos'è l Data Mnng Per Data Mnng s'ntende quel processo d estrazone d conoscenza da banche dat, tramte l'applcazone d algortm che ndvduano le assocazon non mmedatamente

Dettagli

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y.

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli

Analisi del moto pre e post urto del veicolo

Analisi del moto pre e post urto del veicolo Captolo Anals del moto pre e post urto del vecolo 3.1 Moto rettlneo p. xx 3.1.1 Accelerazone unforme p. xx 3.1. Dstanza per l arresto del vecolo ed evtabltà p. xx 3.1.3 Dagramm veloctà-tempo e dstanza

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Errori nel Posizionamento Satellitare

Errori nel Posizionamento Satellitare Error nel Poszonamento Satelltare Tpologe Casual Sstematc o d Modello D Osservazone L accuratezza è stmata come l 1% della lunghezza d onda (Regola Emprca). Codce C/A: ±3 m; Codce P: ±0,3 m; Portant L1,

Dettagli

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE... Normatva ssmca Pont pagna 1/33 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DEI PONTI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...3 4 LIVELLI DI PROTEZIONE ANTISISMICA...3

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Cenni di matematica finanziaria Unità 61

Cenni di matematica finanziaria Unità 61 Prerequst: - Rsolvere equazon algebrche d 1 grado ed equazon esponenzal Questa untà è rvolta al 2 benno del seguente ndrzzo dell Isttuto Tecnco, settore Tecnologco: Agrara, Agroalmentare e Agrondustra.

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal Def: Sono DBMS che consentono d memorzzare e recuperare dat d natura multmedale:

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

METODI BAYESIANI PER IL CONTROLLO STATISTICO DI QUALITA

METODI BAYESIANI PER IL CONTROLLO STATISTICO DI QUALITA Unverstà degl Stud d Bresca Poltecnco d Mlano Unverstà degl Stud d Pava Unverstà degl Stud d Lecce Dottorato d Rcerca n TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE XII CICLO METODI BAYESIANI PER IL CONTROLLO STATISTICO

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

GURU. Facebook. Gli strumenti avanzati di Facebook ADS WEBLIME

GURU. Facebook. Gli strumenti avanzati di Facebook ADS WEBLIME Facebook GURU Gl strument avanzat d Facebook ADS Un corso tecnco-pratco d approfondmento sugl strument pù avanzat d Facebook ADS. Il Corso s rvolge esclusvamente a ch gà gestsce nserzon con Facebook. Ogg

Dettagli

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 L. Baron, F. Caul, D. Donatell, G. Farolf, R. Maserol, Servzo Geodetco - Isttuto geografco Mltare - Frenze 1. Premessa La Rete

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari Dpartmento d Elettronca Unverstà d Bologna Sstem radomobl cellular Le comuncazon radomobl Satellte Zona 4: Globale Zona 3: Suburbana Zona 2: Urbana Zona 1: In-Buldng Macro-Cell Mcro-Cell Pco-Cell Telefono

Dettagli

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO 1 Ettore Peyron P.A.S. 2014 Ddattca della MACROECONOMIA Lezone N 4 A Testo tratto dalle Dspense del Corso d Economa pubblca Unverstà degl stud d Torno Anno accademco 2010/2011 Facoltà d Economa Lezone

Dettagli

Modellazione CAD di Carene di Barche a Vela

Modellazione CAD di Carene di Barche a Vela Modellazone CAD d Carene d Barche a Vela Antono Mancuso Dpartmento d Meccanca e Aeronautca, Unverstà d Palermo Vale delle Scenze 90128 Palermo e-mal: mancuso@dma.unpa.t In questo lavoro è affrontato l

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

Capitolo 2 Dati e Tabelle

Capitolo 2 Dati e Tabelle Captolo 2 Dat e Tabelle La Descrzone della Popolazone La descrzone d una popolazone passa attraverso due fas: 1. la formazone de dat statstc 2. la sntes de dat La formazone del dato statstco prevede: ()

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE Branco GLISIC e Danele INAUDI SMARTEC SA, Va Pobbette 11, CH-6928 Manno, Svzzera Andrea DEL GROSSO

Dettagli

Gestione dell energia negli impianti di climatizzazione e di processo Fatturazione dei costi di ventilazione basata sui consumi effettivi

Gestione dell energia negli impianti di climatizzazione e di processo Fatturazione dei costi di ventilazione basata sui consumi effettivi Gestone dell energa negl mpant d clmatzzazone e d processo Fatturazone de cost d ventlazone basata su consum effettv GESTIONE DELL ENERGIA E RILEVAMENTO DEI CONSUMI ANCHE NEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm.

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm. Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE Prof. Daro Amodo d.amodo@unvpm.t Ing. Ganluca Chappn g.chappn@unvpm.t http://www.dpmec.unvpm.t/costruzone/home.htm (Ddattca/Dspense) Testo d rfermento: Stefano

Dettagli

Misure su sistemi trifasi

Misure su sistemi trifasi Msure su sstem trfas - Msure su sstem trfas - Tp d collegamento Collegamento a stella Un sstema trfase è caratterzzato n generale da tre fl d lnea (L L L ) pù un eventuale quarto conduttore L detto conduttore

Dettagli

PROGETTAZIONE PER IL DISASSEMBLAGGIO: APPLICAZIONE DI RETI NEURALI PER L ANALISI DELLA PROFONDITA DI SMONTAGGIO

PROGETTAZIONE PER IL DISASSEMBLAGGIO: APPLICAZIONE DI RETI NEURALI PER L ANALISI DELLA PROFONDITA DI SMONTAGGIO XIII ADM - XV INGEGRAF Internatonal Conference on TOOLS AND METHODS EVOLUTION IN ENGINEERING DESIGN Cassno, June 3 rd, 2003 Napol, June 4 th and June 6 th, 2003 Salerno, June 5 th, 2003 PROGETTAZIONE PER

Dettagli

Istruzioni d uso Durometro portatile per metalli

Istruzioni d uso Durometro portatile per metalli Istruzon d uso Durometro portatle per metall Fabbrcato Fabbrcato n Svzzera n Svzzera... pù d 50 ann d esperenze msurabl! Indce 1. Scurezza e responsabltà 4 1.1. Precauzon d scurezza e d utlzzo 4 1.2. Responsabltà

Dettagli

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO GLI ERRORI SPERIMETALI ELLE MISURE DI LABORATORIO MISURA DI UA GRADEZZA FISICA S defnsce grandezza fsca una propretà de corp sulla quale possa essere eseguta un operazone d msura. Msurare una grandezza

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

METODOLOGIE DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO IDRAULICO DI ESONDAZIONE

METODOLOGIE DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO IDRAULICO DI ESONDAZIONE Unone Europea Repubblca Italana Regone Calabra Autortà d Bacno POR Calabra 000-006 Asse I - Rsorse natural Msura.4 - Azone.4.c "STUDIO E SPERIMENTAZIONE DI METOLOGIE E TECNICHE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA UNVERST DEGL STUD D PLERMO FCOLT D NGEGNER DSPENS DEL CORSO D TECNC DELL SCUREZZ ELETTRC (ntegratva del lbro d testo) Prof. Stefano Mangone RFERMENT LEGSLTV E NORMTV 1.1 RFERMENT LEGSLTV Legge 1/3/68 n.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning Apprendmento Automatco e IR: ntroduzone al Machne Learnng MGRI a.a. 2007/8 A. Moschtt, R. Basl Dpartmento d Informatca Sstem e produzone Unverstà d Roma Tor Vergata mal: {moschtt,basl}@nfo.unroma2.t 1

Dettagli

SESSIONE B DINAMICA IDENTIFICAZIONE DEI COEFFICIENTI DINAMICI DI SISTEMI MECCANICI TRAMITE LA TECNICA DELLE FUNZIONI MODULANTI

SESSIONE B DINAMICA IDENTIFICAZIONE DEI COEFFICIENTI DINAMICI DI SISTEMI MECCANICI TRAMITE LA TECNICA DELLE FUNZIONI MODULANTI Assocazone Italana per l Anals delle Sollectazon (AIAS) XXXI Convegno Nazonale 8-2 Settembre 22, Parma SESSIONE B DINAMICA IDENIFICAZIONE DEI COEFFICIENI DINAMICI DI SISEMI MECCANICI RAMIE LA ECNICA DELLE

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

10.2 Come stimare l amaro di una birra: le unita IBU 1

10.2 Come stimare l amaro di una birra: le unita IBU 1 10.2 Come stmare l amaro d una brra: le unta IBU 1 Il prncpale contrbuto al sapore amaro della brra provene dagl alfa-acd (abbrevato n AA) del luppolo che durante l processo d bolltura vengono trasformat

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Valutazione delle opzioni col modello di Black e Scholes

Valutazione delle opzioni col modello di Black e Scholes Valutazone delle opzon col modello d Black e Scholes Rosa Mara Mnnn a.a. 2014-2015 1 Introduzone L applcazone del moto Brownano all economa é stata nnescata prncpalmente da due cause. Attorno agl ann 70,

Dettagli

Ottimizzare il contact center bilanciando costi e qualità del servizio

Ottimizzare il contact center bilanciando costi e qualità del servizio Ottmzzare l contact center blancando cost e qualtà del servzo Contact Center - Le attvtà E l punto centralzzato d ncontro tra l clente ed l busness Utlzza var canal d comuncazone (Telefono, Telesales,

Dettagli

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b)

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b) ASAP LIFE06/ENV/IT/000255 ASAP_D4-3_ModelloIdraulcoRappTecnco_IT_0b 1/20 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actons for Systemc Aqufer Protecton The ASAP proect s partally funded by the European Unon LIFE Programme

Dettagli

Markov Random Field. Teoria e applicabilità nell elaborazione delle immagini. Giovanni Bianco. Febbraio 1998. 20 i

Markov Random Field. Teoria e applicabilità nell elaborazione delle immagini. Giovanni Bianco. Febbraio 1998. 20 i Markov Random Feld Teora e applcabltà nell elaborazone delle mmagn U ( f) = v [ 1 δ( )] 20 S N f f f * = arg mn f F { U( d f) + U( f) } Govann Banco Febbrao 1998 2 Manoscrtto depostato presso l Dp. d Ingegnera

Dettagli

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013 Modul su un domno a deal prncpal Maurzo Cornalba versone 15/5/2013 Sa A un anello commutatvo con 1. Indchamo con A k l modulo somma dretta d k cope d A. Un A-modulo fntamente generato M s dce lbero se

Dettagli

The original laser distance meter. The original laser distance meter. Analist Group

The original laser distance meter. The original laser distance meter. Analist Group Leca Leca DISTO DISTO TM TM D510 X310 The orgnal laser dstance meter The orgnal laser dstance meter Indce Impostazone dello strumento - - - - - - - - - - - - - 2 Introduzone - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli