APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROFONDIMENTI SUI NUMERI"

Transcript

1 APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo riordre i oetti fodmetli del sistem di umerzioe deimle, i uso el modo oidetle ormi d ir 800 i (ell Appedie, ivee, eeremo l sistem irio). I u sistem di umerzioe, due soo gli elemeti essezili: l se e l ovezioe di posizioe. L se idi il umero di simoli he si utilizzo per l rppresetzioe dei umeri. Nel sistem deimle, o se diei, i simoli soo i segueti: 0,,, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 Cioè le ifre sigifitive,,, 9 più lo zero. Le ifre 0,,,, 9 si dioo uità itere semplii o del primo ordie, metre si oviee he diei uità semplii formo u dei o uità del seodo ordie, diei deie u etiio o uità del terzo ordie, e osì vi. Ogi umero, poi, viee rppresetto o u lliemeto di ifre seodo l «ovezioe di posizioe»: Quluque ifr post siistr di u ltr rppreset uità dell ordie immeditmete superiore quello rppresetto dll ifr ll propri destr. I umeri turli osì rppresetti si dioo he iteri turli o sempliemete iteri se o è possiilità di equivoi. Esempio L srittur 375

2 rppreset il umero 3 miglii, 7 etii, deie, 5 uità Cioè tremilsetteetovetiique E file osservre quto si somodo srivere i umeri i lettere: ell esempio preedete oorroo e 8 ttute, otro le quttro del sistem deimle! Il sistem deimle, quidi, è he u modo per «odesre le idee»! Eserizio Perhé è eessri l ifr 0 el sistem di umerzioe deimle?. I umeri deimli Dividedo u dt qutità iter ( u segmeto, u tort,..) i diei, eto, mille prti uguli, isu di esse è rispettivmete u deimo, u etesimo, u millesimo, dell qutità dt. U deimo, u etesimo, u millesimo si dioo uità deimli rispettivmete del primo, seodo, terzo ordie e si idio, el sistem deimle, o le sritture: 0,; 0,0; 0,00 Fr le vrie uità deimli esiste u relzioe dello stesso tipo di quell he iterede fr le uità itere dei diversi ordii: ioè diei deimi formo u uità iter, diei etesimi formo u deimo, e osì vi. Come per le uità itere, duque, he per quelle deimli vle he: Diei uità deimli di u ordie quluque formo u uità deimle dell ordie he preede quello osiderto. U umero omposto d uità itere e d uità deimli, o soltto d queste ultime, si die umero deimle. Co l ovezioe preedete, il umero formto d tre deie, ique uità, sette deimi, quttro etesimi, ique millesimi si srive: 35,745.

3 . Frzioi geertrii (Cif. livello p. 40) Aimo detto he u umero periodio è u umero rziole ssoluto, ossi u frzioe (o 0) o equivlete d u frzioe deimle. L domd he questo puto i poimo è: dto u umero periodio i form deimle, ome si può determire l frzioe d ui esso deriv (frzioe geertrie)? Per rislire d u umero periodio ll frzioe geertrie d ui proviee, sez dilugri sull rgometo e sez ripetere l regol già ot, idihimo, ttrverso degli esempi, u proedimeto he port ll soluzioe. Si dto il umero periodio 0,555 () moltiplihimo mo i memri per 00 (perhé due soo le ifre del periodo) 00 5,555 () Or sottrimo dll () l () memro memro: 00 5,555-0, ,00000 Riorddo il oetto di divisioe, l ultim ugugliz die he 5 5 : Eserizio Clolre l frzioe geertrie dei umeri 8, 85, 0, 9,, 9. Questo proedimeto può essere he pplito se il umero periodio possiede u tiperiodo, ioè u gruppo di ifre, prim del periodo. Iftti si 3

4 0,34 moltiplihimo per 000 ( perhé proprio per 000?) 000 3, Sottrimo, memro memro, dll ultim ugugliz l peultim: d ui 999 3,000 3, ( ell ultim ugugliz si è moltiplito umertore e deomitore per 0) Eserizio 3 Spresti euire l regol he forise l frzioe geertrie di u umero periodio semplie? Eserizio 4 Clol l frzioe geertrie di,53. Eserizio 5 Eui l regol he forise l frzioe geertrie di u umero periodio misto. 3. I umeri irrzioli (Cif. livello p. 5-53) Aimo, duque, osttto he ehe o gli strumeti iformtii di lolo riusimo determire tutte le ifre deimli di. Possimo 4

5 dimostrre o u rgiometo detto «per ssurdo» he o otiee u umero fiito o ifiito periodio di ifre deimli, ioè o è u umero rziole. Iftti suppoimo per ssurdo he si u umero rziole, ioè esiste u frzioe ridott i miimi termii, tle he llor elevdo l qudrto etrmi i memri di quest ugugliz si h d ui moltiplido per otteimo Riordimo or he i fttori primi he ompioo i ompioo rddoppiti i e he ogi umero turle diverso d, mmette u ed u sol fttorizzzioe i umeri primi, pur di o teer oto dell ordie dei fttori. Ne osegue he l ugugliz o può essere ver, perhé il fttore ompre u umero dispri di volte el termie siistr dell ugugliz, e u umero pri di volte el termie destr. Allor o possimo supporre he si u umero rziole, ioè o h u form deimle fiit o periodi, m h u form deimle ifiit o periodi. Co i proedimeti di lolo osueti possimo lolre pprossimzioi meo di (u ifr deimle), (due ifre 0 00 deimli) e osì vi. Azi possimo stilire se soo per eesso, ioè più grdi, o per difetto, ioè più pioli. Iftti, se u umero x è tle he x <, riorddo l defiizioe di possimo riteere uo rgioe he x < ; logmete, se x riteimo he x. 5

6 D questo puto di vist imo:,4 3,4 4,44 soo pprossimzioi di per difetto, essedo: < (,4),96< (,4),988< (,44),999396< Se voglimo otteere pprossimzioi per eesso di st ggiugere u uità ll ultim ifr delle preedeti pprossimzioi:,5 3,4 4,45 soo pprossimzioi di per difetto, essedo: 4< (,5),5< (,4),064< (,45),005< quidi risult: < < -,4 < <,5-0, 3,4 < <, ,0 4,44 < <, ,00 6

7 Nturlmete possimo otiure le due suessioi pprossimti loldo: 5, 6, 7,.. 5, 6, 7, Ripitoldo, possimo dire he:. o è u umero rziole, ioè o è esprimiile ome frzioe; l su form deimle è illimitt e o periodi;. possimo lolre pprossimzioi di si per difetto he per eesso, i prtiolre possimo ostruire due suessioi he (l idie ssume i vlori,,3, ioè e quidi o idi u termie qulsisi dell suessioe) tli he: i) < < quluque si ; ii) 0, , ossi dimiuise l resere di e si può idihimo o { } e { } redere piol quto si vuole. Co u liguggio più espressivo, l proprietà i) può essere trdott diedo he le due suessioi { } e { } rhiudoo il umero ; ioltre otimo espliitmete he o esiste lu umero rziole tle he < < quluque si, ioè o esiste lu umero rziole rhiuso dlle suessioi rziole!). { } e { } (se esistesse sree he o è Esempio Clolre l lughezz di u iroferez di rggio. Figur 7

8 Soluzioe Riorddo he l formul he esprime l lughezz dell iroferez i fuzioe del rggio è C π r, m π, ome vri imprto ell suol medi, è u umero deimle illimitto o periodio: π 3,4596 Nell prti usimo pprossimzioi per eesso o per difetto. A tl proposito ( 3 3, 3 3,4 4 3,4 5 3,45 4 3, 3 3,5 4 3,4 5 3,46 soo due suessioi pprossimti π per difetto ({ }) e per eesso { }) e risult < π < quluque si 0, , ossi dimiuise l resere di. Ioltre o esiste lu umero rziole q tle he < q < quluque si, ioè he si rhiuso dlle suessioi { e. } { } E importte, quidi, studire questi umeri e omiimo o l Defiizioe I umeri he ho rppresetzioe deimle illimitt e o periodi si himo umeri irrzioli. 8

9 Le qulifihe di rziole e irrziole o soo stte selte so: il termie rziole, iftti, deriv dl ltio rtio he sigifi, tr l ltro, rpporto o frzioe ; irrziole, ivee, st per o rziole, ioè o esprimiile sotto form di frzioe. Ed è proprio osì. Iftti, sppimo he i umeri rzioli si possoo esprimere sotto form di frzioe, ossi ome quoziete geerlizzto di due iteri; u umero irrziole, l otrrio, ertmete o si può esprimere sotto form di frzioe. È suffiiete riordre, tle proposito, he l lgoritmo dell divisioe tr due iteri termi dopo u umero fiito di pssi (umero di ifre deimli fiito), oppure forise, d u erto puto i poi, sempre lo stesso resto (quidi le ifre del quoziete si ripetoo). Nel so degli esempi osiderti, imo ostruito due suessioi di ) he pprossimvmo per difetto e per eesso umeri rzioli ({ } rispettivmete e { } e π e tli suessioi godevo delle segueti proprietà: () < < 3 < < < + < ; () 3 + < ; (3) < quluque si ; (4) dimiuise l resere di e si può redere piol quto si vuole; (5) < (π) < quluque si I geerle possimo ffermre he u umero irrziole è rtterizzto d: rppresetzioe deimle illimitt o periodi; due suessioi di umeri rzioli, dette pprossimti per difetto { } e per eesso { } he soddisfo le () (5).. Osservimo, però, he he per i umeri rzioli si possoo ostruire suessioi pprossimti per eesso e per difetto he soddisfo le () (5). Iftti: 9

10 Esempio 3 Il umero rziole è pprossimto dlle due suessioi 0,9 0,99 3 0, ,9999,,0 3,00 4,000 he soddisfo le () (4) ed ioltre (proprietà (5)): ioè è rhiuso d { } e { } < < quluque si ; Il umero 9 è pprossimto d 0, 0, 3 0, 4 0, 0, 0, 3 0, 4 0, he soddisfo le () (4) ed ioltre (proprietà (5)): ioè è rhiuso d { } e { } 9 < 9 < quluque si. Sottolieimo, or u volt, he el so delle suessioi { } e { } pprossimti e π, osì ome per ogi umero irrziole, o esiste lu umero rziole x tle he < x < quluque si 0

11 4. L moltiplizioe ell isieme dei umeri reltivi (Cif. livello p. 66) Le motivzioi delle regole he defiisoo l moltiplizioe ei umeri reltivi soo d rierrsi elle segueti odizioi: I) el so di due umeri positivi, l moltiplizioe deve essere quell già defiit i II) he ell isieme dei umeri reltivi, l operzioe di moltiplizioe deve oservre le stesse proprietà he vev ei umeri ssoluti e ioè ssoitiv, ommuttiv, distriutiv rispetto ll somm, esistez dell elemeto eutro ed ifie l vlidità dell proprietà quluque si Dll prim odizioe rivimo suito l seguete regol: Il prodotto (l moltiplizioe) di due umeri positivi è u umero positivo he h ome vlore ssoluto il prodotto dei vlori ssoluti. Esempio ,5 + 0,8 + 0,4 ( 3 ) + ; ( ) ( ). Stilito il prodotto di due umeri positivi, vedimo os deve essere il prodotto per u umero egtivo, d esempio 3 (-6). Riordimo he risult, d esempio 6 + (-6) 0. Se moltiplihimo mo i memri dell ugugliz preedete per 3, imo

12 3 (6+(-6)) 3 0. Applido l primo memro l proprietà distriutiv del prodotto rispetto ll somm, (he deve vlere i se ll II) ed l seodo memro l proposizioe seodo ui 0 0, otteimo (-6) 0. M perhé ugugliz otiui d essere vlid, si rihiede, i se ll proprietà dell ddizioe di ui imo prlto, he 3 (-6) si l opposto di 3 6, e ioè 3 (-6) -(3 6) -8. Possimo, periò, fissre l seguete regol: Il prodotto di u umero positivo per u umero egtivo è u umero egtivo he h ome vlore ssoluto il prodotto dei vlori ssoluti. Esempio 5 (-3) -6, - -,. 5 0 Rest d defiire il prodotto di due umeri egtivi, d esempio (-) (-5). Proedimo ome prim: (-5) Moltiplido mo i memri per - si h (-) ((-5) + 5) (-) 0 (-) (-5) + (-) (+5) 0 d ui (-) (-5) deve essere l opposto di (-) (+5), ioè l opposto di -0. Quidi

13 (-) (-5) +0. Possimo llor stilire l seguete ulteriore regol: Il prodotto di due umeri egtivi è u umero positivo he h ome modulo il prodotto dei vlori ssoluti. Esempio 6 +, ( 0,8) ( ) + 0,8, ( 3) +. Per quto rigurd l elemeto eutro ell moltiplizioe osservimo, he il umero reltivo + soddisf piemete i ostri sopi, i quto ogi ltro umero,, moltiplito per + rest ilterto: (+) quluque si. E possiile dimostrre he o esistoo ltri umeri reltivi diversi d +, he possoo fugere d elemeto eutro per l moltiplizioe. 5. L elevmeto potez ell isieme dei umeri reltivi Così ome imo ftto per l operzioe di ddizioe e di moltiplizioe, he l elevmeto potez ell isieme dei umeri reltivi si defiise i modo he sio rispettte lue odizioi: I) el so di espoete positivo l operzioe deve essere quell già defiit per l isieme ; II) he ell isieme dei umeri reltivi l elevmeto potez deve soddisfre tutte le proprietà euite pg. 4 del volume ( livello), zi ell seod si può sopprimere l ipotesi m. 3

14 Allor, teedo oto dell odizioe I) imo suito... volte 0, o h sigifito o umero rziole reltivo ritrrio ed itero mggiore o ugule zero. Esempio 7 ( ) 3 ( ) ( ) ( ) 8; ; ( 4) + ( 4) ( 4) + 6. Nel so di espoete positivo, di solito si preferise olire il sego «+». Voledo or defiire l potez o espoete egtivo, hirmete o possimo ttriuire il sigifito preedete. Iftti, o vree seso dire he () 5 4 è l qutità he si ottiee moltiplido 5 per se stesso -4 volte, osì ome o h seso dire he il portiere dell Nziole di lio h suito -4 gol. Provimo llor dre u sigifito, per esempio, ll srittur 0 i modo he l odizioe II) si soddisftt. Moltiplihimo l qutità (per il mometo iogit) 0 per 0 3 ed pplihimo l proprietà sul prodotto di potez o l stess se: ; 3 m dl mometo he 0 l divisioe) è ugule mille, llor deve essere (riorddo 4

15 0 0, Ripetedo questo rtifiio o ltri umeri simo portti porre l seguete defiizioe: Dto u umero rziole diverso d zero, e u itero mggiore di zero, si defiise potez di se ed espoete egtivo, l potez vete per se il reiproo di e per espoete l opposto di, ioè Evidetemete risult: def.. m m Esempio ( + 5) ; () 3 7; 8 8 ( ) 356 ; Si dovree or verifire he l elevmeto potez testè defiito soddisf tutte le proprietà euite, m per rgioi di revità lsimo questo ompito llo studete voleteroso. Osservimo, ifie, he osì ome le poteze se 0 o espoete positivo soo prtiolrmete utili per srivere umeri «molto grdi», le poteze se 0, m o espoete egtivo, soo utili per srivere umeri «molto pioli»

16 Esempio 9 0, 0,0 0,00 0,000 0,0000 0,00000 : 0, : Osservzioe Notimo he, operdo o umeri reltivi, l simologi i u espressioe lgeri può risultre peste; è llor il so di erre u semplifizioe sez per ltro geerre equivoi. Cosiderimo, d esempio, l espressioe ) ( 5 ) + ( 3) ( + 6) ( 5) : ( + ) +. Osservimo suito he l prim pretesi può essere elimit sez possiilità di equivoo, per ui l () divet ) 5 + ( 3) ( + 6) ( 5) : ( + ) +. Ioltre, ome già osservto, i umeri positivi si possoo «idetifire» o i umeri ssoluti e quidi possimo srivere 3) 5 + ( 3) 6 ( 5) : +. Eseguedo l moltiplizioe e l divisioe imo 5 4) ( 8). Teedo oto, poi, he u sottrzioe può essere trsformt i u ddizioe e vievers, possimo or srivere 6

17 5) I defiitiv : ( + ) + ( 3) ( + 6) ( 5) : ( + ) Questo esempio i suggerise l seguete regol prti: I u somm lgeri u pretesi preedut dl sego «+», può essere elimit isieme l sego «+» he l preede; se ivee ess è preedut dl, può essere elimit isieme questo, purhé l umero sritto i pretesi si sostituis il suo opposto. Ridimo d ultimo, he l ordie di priorità delle operzioi e dell uso delle pretesi elle espressioi lgerihe è logo quello delle espressioi ritmetihe. Le espressioi lgerihe umerihe possoo essere semplifite he o il softwre Mtos, iftti esistoo i omdi <idetifitore leggiespr.;( e <idetifitore lolespr. (<idetifitore); rispettivmete per itrodurre e semplifire u espressioe lgeri. Per mggiori dettgli si rivi ll Guid dello Studete. 6. L isieme dei umeri reli I umeri irrzioli he fior imo osiderto soo i reltà umeri ssoluti; m, osì ome i rzioli ssoluti, possoo essere filmete dotti di sego + o -, distiguedosi i positivi e egtivi. Otteimo, osì, l isieme I dei umeri irrzioli (o sego). 7

18 Riuedo i u uio isieme i umeri rzioli ed irrzioli otteimo l isieme dei umeri reli, he idiheremo o. I ltre prole, l isieme dei umeri irrzioli e rzioli, ostituise l isieme dei umeri reli e si idi o : I Riorddo le operzioi defiite i ed i I, possimo dire he ell isieme dei umeri reli soo defiite le operzioi fodmetli di ddizioe e moltiplizioe ( quidi differez e quoziete) per le quli vlgoo le segueti proprietà formli: Addizioe Moltiplizioe PROPRIETA ASSOCIATIVA [(+)+][+(+)] [( ) ][ ( )] quluque sio,, R PROPRIETA COMMUTATIVA ++ quluque sio, PROPRIETA DISTRIBUTIVA ( ) + quluque sio,, ESISTENZA DELL ELEMENTO NEUTRO quluque si esiste 0 tle he esiste tle he +00+ ESISTENZA DELL INVERSO OPPOSTO RECIPROCO quluque si esiste u quluque si 0esiste u uio uio elemeto tle he elemeto tle he +(-)0 L ddizioe, poi, uit ll operzioe di opposto defiise l sottrzioe, osì ome l moltiplizioe uit ll operzioe di reiproo defiise l divisioe. Ioltre, i si possoo defiire l ugugliz e l disugugliz, per ui vlgoo le segueti proprietà formli: 8

19 Ugugliz PROPRIETA Disugugliz RIFLESSIVA o esiste { } (*) SIMMETRICA o esiste ( ) { }, TRANSITIVA ( ) ( ) < < <,, { } + + ADDIZIONE + < + < + + { } MOLTIPLICAZIONE ( ) ( ) < < < < < 0 0 Dlle defiizioi e proprietà di ugugliz e disugugliz disede he, dti due umeri reli x e y, può verifirsi u sol delle odizioi: x < y, x y, x y. Ifie, si possoo defiire le operzioi di elevmeto potez e, limittmete i umeri positivi, estrzioe di rdie: 0 0,... volte 0 0 o h sigifito 0 0, 0, 0 k k se k è pri. (*) Il simolo sigifi (e si legge) impli. Per le poteze vlogoo le proprietà: m m + Prodotto di poteze di ugul se ( ) 0 : m m Quoziete di poteze di ugul se 9

20 m m ( ) Potez di u potez ( ) ( : ) : ( 0) Distriutività dell potez rispetto l prodotto Distriutività dell potez rispetto l quoziete Ci si potree hiedere qule si l opportuità di riuire i u uio isieme i umeri rzioli e irrzioli. L rispost può essere di vrio tipo e, speilmete, o motivzioi he, llo stto, o potreero risultre del tutto giustifite. Ci limitimo periò sempliemete dire he ell isieme dei umeri reli tutte le operzioi di ui sopr soo possiili, el seso he il risultto è or u umero rele. Ciò, turlmete, o vle egli ltri isiemi umerii: st riordre l sottrzioe i, l divisioe i, l estrzioe di rdie i. Ioltre i vle l proprietà di ompletezz, he dimo d illustrre. Nei umeri rzioli imo visto he possoo esistere due suessioi, { } e { }, he verifio le proprietà () (4) m he o rhiudoo (proprietà (5)) lu umero rziole. Bst iftti osiderre le suessioi di rzioli pprossimti e π le quli, ome imo osservto, verifio le () (4) m o rhiudoo, ioè o esiste lu umero rziole tle he < <, quluque si. Nell isieme dei umeri reli iò o vviee, ossi due suessioi di umeri reli { } e { }, he soddisfo le proprietà () (4), rhiudoo (proprietà (5)) sempre u umero rele, ovvero, esiste sempre uo ed u solo umero rele tle he < <, quluque si. L seguete figur shemtizz le relzioi fr gli isiemi umerii fior itrodotti: Irrzioli Reli Rzioli No iteri Iteri Iteri Positivi Zero Nturli Figur Iteri egtivi 0

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli