APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROFONDIMENTI SUI NUMERI"

Transcript

1 APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo riordre i oetti fodmetli del sistem di umerzioe deimle, i uso el modo oidetle ormi d ir 800 i (ell Appedie, ivee, eeremo l sistem irio). I u sistem di umerzioe, due soo gli elemeti essezili: l se e l ovezioe di posizioe. L se idi il umero di simoli he si utilizzo per l rppresetzioe dei umeri. Nel sistem deimle, o se diei, i simoli soo i segueti: 0,,, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 Cioè le ifre sigifitive,,, 9 più lo zero. Le ifre 0,,,, 9 si dioo uità itere semplii o del primo ordie, metre si oviee he diei uità semplii formo u dei o uità del seodo ordie, diei deie u etiio o uità del terzo ordie, e osì vi. Ogi umero, poi, viee rppresetto o u lliemeto di ifre seodo l «ovezioe di posizioe»: Quluque ifr post siistr di u ltr rppreset uità dell ordie immeditmete superiore quello rppresetto dll ifr ll propri destr. I umeri turli osì rppresetti si dioo he iteri turli o sempliemete iteri se o è possiilità di equivoi. Esempio L srittur 375

2 rppreset il umero 3 miglii, 7 etii, deie, 5 uità Cioè tremilsetteetovetiique E file osservre quto si somodo srivere i umeri i lettere: ell esempio preedete oorroo e 8 ttute, otro le quttro del sistem deimle! Il sistem deimle, quidi, è he u modo per «odesre le idee»! Eserizio Perhé è eessri l ifr 0 el sistem di umerzioe deimle?. I umeri deimli Dividedo u dt qutità iter ( u segmeto, u tort,..) i diei, eto, mille prti uguli, isu di esse è rispettivmete u deimo, u etesimo, u millesimo, dell qutità dt. U deimo, u etesimo, u millesimo si dioo uità deimli rispettivmete del primo, seodo, terzo ordie e si idio, el sistem deimle, o le sritture: 0,; 0,0; 0,00 Fr le vrie uità deimli esiste u relzioe dello stesso tipo di quell he iterede fr le uità itere dei diversi ordii: ioè diei deimi formo u uità iter, diei etesimi formo u deimo, e osì vi. Come per le uità itere, duque, he per quelle deimli vle he: Diei uità deimli di u ordie quluque formo u uità deimle dell ordie he preede quello osiderto. U umero omposto d uità itere e d uità deimli, o soltto d queste ultime, si die umero deimle. Co l ovezioe preedete, il umero formto d tre deie, ique uità, sette deimi, quttro etesimi, ique millesimi si srive: 35,745.

3 . Frzioi geertrii (Cif. livello p. 40) Aimo detto he u umero periodio è u umero rziole ssoluto, ossi u frzioe (o 0) o equivlete d u frzioe deimle. L domd he questo puto i poimo è: dto u umero periodio i form deimle, ome si può determire l frzioe d ui esso deriv (frzioe geertrie)? Per rislire d u umero periodio ll frzioe geertrie d ui proviee, sez dilugri sull rgometo e sez ripetere l regol già ot, idihimo, ttrverso degli esempi, u proedimeto he port ll soluzioe. Si dto il umero periodio 0,555 () moltiplihimo mo i memri per 00 (perhé due soo le ifre del periodo) 00 5,555 () Or sottrimo dll () l () memro memro: 00 5,555-0, ,00000 Riorddo il oetto di divisioe, l ultim ugugliz die he 5 5 : Eserizio Clolre l frzioe geertrie dei umeri 8, 85, 0, 9,, 9. Questo proedimeto può essere he pplito se il umero periodio possiede u tiperiodo, ioè u gruppo di ifre, prim del periodo. Iftti si 3

4 0,34 moltiplihimo per 000 ( perhé proprio per 000?) 000 3, Sottrimo, memro memro, dll ultim ugugliz l peultim: d ui 999 3,000 3, ( ell ultim ugugliz si è moltiplito umertore e deomitore per 0) Eserizio 3 Spresti euire l regol he forise l frzioe geertrie di u umero periodio semplie? Eserizio 4 Clol l frzioe geertrie di,53. Eserizio 5 Eui l regol he forise l frzioe geertrie di u umero periodio misto. 3. I umeri irrzioli (Cif. livello p. 5-53) Aimo, duque, osttto he ehe o gli strumeti iformtii di lolo riusimo determire tutte le ifre deimli di. Possimo 4

5 dimostrre o u rgiometo detto «per ssurdo» he o otiee u umero fiito o ifiito periodio di ifre deimli, ioè o è u umero rziole. Iftti suppoimo per ssurdo he si u umero rziole, ioè esiste u frzioe ridott i miimi termii, tle he llor elevdo l qudrto etrmi i memri di quest ugugliz si h d ui moltiplido per otteimo Riordimo or he i fttori primi he ompioo i ompioo rddoppiti i e he ogi umero turle diverso d, mmette u ed u sol fttorizzzioe i umeri primi, pur di o teer oto dell ordie dei fttori. Ne osegue he l ugugliz o può essere ver, perhé il fttore ompre u umero dispri di volte el termie siistr dell ugugliz, e u umero pri di volte el termie destr. Allor o possimo supporre he si u umero rziole, ioè o h u form deimle fiit o periodi, m h u form deimle ifiit o periodi. Co i proedimeti di lolo osueti possimo lolre pprossimzioi meo di (u ifr deimle), (due ifre 0 00 deimli) e osì vi. Azi possimo stilire se soo per eesso, ioè più grdi, o per difetto, ioè più pioli. Iftti, se u umero x è tle he x <, riorddo l defiizioe di possimo riteere uo rgioe he x < ; logmete, se x riteimo he x. 5

6 D questo puto di vist imo:,4 3,4 4,44 soo pprossimzioi di per difetto, essedo: < (,4),96< (,4),988< (,44),999396< Se voglimo otteere pprossimzioi per eesso di st ggiugere u uità ll ultim ifr delle preedeti pprossimzioi:,5 3,4 4,45 soo pprossimzioi di per difetto, essedo: 4< (,5),5< (,4),064< (,45),005< quidi risult: < < -,4 < <,5-0, 3,4 < <, ,0 4,44 < <, ,00 6

7 Nturlmete possimo otiure le due suessioi pprossimti loldo: 5, 6, 7,.. 5, 6, 7, Ripitoldo, possimo dire he:. o è u umero rziole, ioè o è esprimiile ome frzioe; l su form deimle è illimitt e o periodi;. possimo lolre pprossimzioi di si per difetto he per eesso, i prtiolre possimo ostruire due suessioi he (l idie ssume i vlori,,3, ioè e quidi o idi u termie qulsisi dell suessioe) tli he: i) < < quluque si ; ii) 0, , ossi dimiuise l resere di e si può idihimo o { } e { } redere piol quto si vuole. Co u liguggio più espressivo, l proprietà i) può essere trdott diedo he le due suessioi { } e { } rhiudoo il umero ; ioltre otimo espliitmete he o esiste lu umero rziole tle he < < quluque si, ioè o esiste lu umero rziole rhiuso dlle suessioi rziole!). { } e { } (se esistesse sree he o è Esempio Clolre l lughezz di u iroferez di rggio. Figur 7

8 Soluzioe Riorddo he l formul he esprime l lughezz dell iroferez i fuzioe del rggio è C π r, m π, ome vri imprto ell suol medi, è u umero deimle illimitto o periodio: π 3,4596 Nell prti usimo pprossimzioi per eesso o per difetto. A tl proposito ( 3 3, 3 3,4 4 3,4 5 3,45 4 3, 3 3,5 4 3,4 5 3,46 soo due suessioi pprossimti π per difetto ({ }) e per eesso { }) e risult < π < quluque si 0, , ossi dimiuise l resere di. Ioltre o esiste lu umero rziole q tle he < q < quluque si, ioè he si rhiuso dlle suessioi { e. } { } E importte, quidi, studire questi umeri e omiimo o l Defiizioe I umeri he ho rppresetzioe deimle illimitt e o periodi si himo umeri irrzioli. 8

9 Le qulifihe di rziole e irrziole o soo stte selte so: il termie rziole, iftti, deriv dl ltio rtio he sigifi, tr l ltro, rpporto o frzioe ; irrziole, ivee, st per o rziole, ioè o esprimiile sotto form di frzioe. Ed è proprio osì. Iftti, sppimo he i umeri rzioli si possoo esprimere sotto form di frzioe, ossi ome quoziete geerlizzto di due iteri; u umero irrziole, l otrrio, ertmete o si può esprimere sotto form di frzioe. È suffiiete riordre, tle proposito, he l lgoritmo dell divisioe tr due iteri termi dopo u umero fiito di pssi (umero di ifre deimli fiito), oppure forise, d u erto puto i poi, sempre lo stesso resto (quidi le ifre del quoziete si ripetoo). Nel so degli esempi osiderti, imo ostruito due suessioi di ) he pprossimvmo per difetto e per eesso umeri rzioli ({ } rispettivmete e { } e π e tli suessioi godevo delle segueti proprietà: () < < 3 < < < + < ; () 3 + < ; (3) < quluque si ; (4) dimiuise l resere di e si può redere piol quto si vuole; (5) < (π) < quluque si I geerle possimo ffermre he u umero irrziole è rtterizzto d: rppresetzioe deimle illimitt o periodi; due suessioi di umeri rzioli, dette pprossimti per difetto { } e per eesso { } he soddisfo le () (5).. Osservimo, però, he he per i umeri rzioli si possoo ostruire suessioi pprossimti per eesso e per difetto he soddisfo le () (5). Iftti: 9

10 Esempio 3 Il umero rziole è pprossimto dlle due suessioi 0,9 0,99 3 0, ,9999,,0 3,00 4,000 he soddisfo le () (4) ed ioltre (proprietà (5)): ioè è rhiuso d { } e { } < < quluque si ; Il umero 9 è pprossimto d 0, 0, 3 0, 4 0, 0, 0, 3 0, 4 0, he soddisfo le () (4) ed ioltre (proprietà (5)): ioè è rhiuso d { } e { } 9 < 9 < quluque si. Sottolieimo, or u volt, he el so delle suessioi { } e { } pprossimti e π, osì ome per ogi umero irrziole, o esiste lu umero rziole x tle he < x < quluque si 0

11 4. L moltiplizioe ell isieme dei umeri reltivi (Cif. livello p. 66) Le motivzioi delle regole he defiisoo l moltiplizioe ei umeri reltivi soo d rierrsi elle segueti odizioi: I) el so di due umeri positivi, l moltiplizioe deve essere quell già defiit i II) he ell isieme dei umeri reltivi, l operzioe di moltiplizioe deve oservre le stesse proprietà he vev ei umeri ssoluti e ioè ssoitiv, ommuttiv, distriutiv rispetto ll somm, esistez dell elemeto eutro ed ifie l vlidità dell proprietà quluque si Dll prim odizioe rivimo suito l seguete regol: Il prodotto (l moltiplizioe) di due umeri positivi è u umero positivo he h ome vlore ssoluto il prodotto dei vlori ssoluti. Esempio ,5 + 0,8 + 0,4 ( 3 ) + ; ( ) ( ). Stilito il prodotto di due umeri positivi, vedimo os deve essere il prodotto per u umero egtivo, d esempio 3 (-6). Riordimo he risult, d esempio 6 + (-6) 0. Se moltiplihimo mo i memri dell ugugliz preedete per 3, imo

12 3 (6+(-6)) 3 0. Applido l primo memro l proprietà distriutiv del prodotto rispetto ll somm, (he deve vlere i se ll II) ed l seodo memro l proposizioe seodo ui 0 0, otteimo (-6) 0. M perhé ugugliz otiui d essere vlid, si rihiede, i se ll proprietà dell ddizioe di ui imo prlto, he 3 (-6) si l opposto di 3 6, e ioè 3 (-6) -(3 6) -8. Possimo, periò, fissre l seguete regol: Il prodotto di u umero positivo per u umero egtivo è u umero egtivo he h ome vlore ssoluto il prodotto dei vlori ssoluti. Esempio 5 (-3) -6, - -,. 5 0 Rest d defiire il prodotto di due umeri egtivi, d esempio (-) (-5). Proedimo ome prim: (-5) Moltiplido mo i memri per - si h (-) ((-5) + 5) (-) 0 (-) (-5) + (-) (+5) 0 d ui (-) (-5) deve essere l opposto di (-) (+5), ioè l opposto di -0. Quidi

13 (-) (-5) +0. Possimo llor stilire l seguete ulteriore regol: Il prodotto di due umeri egtivi è u umero positivo he h ome modulo il prodotto dei vlori ssoluti. Esempio 6 +, ( 0,8) ( ) + 0,8, ( 3) +. Per quto rigurd l elemeto eutro ell moltiplizioe osservimo, he il umero reltivo + soddisf piemete i ostri sopi, i quto ogi ltro umero,, moltiplito per + rest ilterto: (+) quluque si. E possiile dimostrre he o esistoo ltri umeri reltivi diversi d +, he possoo fugere d elemeto eutro per l moltiplizioe. 5. L elevmeto potez ell isieme dei umeri reltivi Così ome imo ftto per l operzioe di ddizioe e di moltiplizioe, he l elevmeto potez ell isieme dei umeri reltivi si defiise i modo he sio rispettte lue odizioi: I) el so di espoete positivo l operzioe deve essere quell già defiit per l isieme ; II) he ell isieme dei umeri reltivi l elevmeto potez deve soddisfre tutte le proprietà euite pg. 4 del volume ( livello), zi ell seod si può sopprimere l ipotesi m. 3

14 Allor, teedo oto dell odizioe I) imo suito... volte 0, o h sigifito o umero rziole reltivo ritrrio ed itero mggiore o ugule zero. Esempio 7 ( ) 3 ( ) ( ) ( ) 8; ; ( 4) + ( 4) ( 4) + 6. Nel so di espoete positivo, di solito si preferise olire il sego «+». Voledo or defiire l potez o espoete egtivo, hirmete o possimo ttriuire il sigifito preedete. Iftti, o vree seso dire he () 5 4 è l qutità he si ottiee moltiplido 5 per se stesso -4 volte, osì ome o h seso dire he il portiere dell Nziole di lio h suito -4 gol. Provimo llor dre u sigifito, per esempio, ll srittur 0 i modo he l odizioe II) si soddisftt. Moltiplihimo l qutità (per il mometo iogit) 0 per 0 3 ed pplihimo l proprietà sul prodotto di potez o l stess se: ; 3 m dl mometo he 0 l divisioe) è ugule mille, llor deve essere (riorddo 4

15 0 0, Ripetedo questo rtifiio o ltri umeri simo portti porre l seguete defiizioe: Dto u umero rziole diverso d zero, e u itero mggiore di zero, si defiise potez di se ed espoete egtivo, l potez vete per se il reiproo di e per espoete l opposto di, ioè Evidetemete risult: def.. m m Esempio ( + 5) ; () 3 7; 8 8 ( ) 356 ; Si dovree or verifire he l elevmeto potez testè defiito soddisf tutte le proprietà euite, m per rgioi di revità lsimo questo ompito llo studete voleteroso. Osservimo, ifie, he osì ome le poteze se 0 o espoete positivo soo prtiolrmete utili per srivere umeri «molto grdi», le poteze se 0, m o espoete egtivo, soo utili per srivere umeri «molto pioli»

16 Esempio 9 0, 0,0 0,00 0,000 0,0000 0,00000 : 0, : Osservzioe Notimo he, operdo o umeri reltivi, l simologi i u espressioe lgeri può risultre peste; è llor il so di erre u semplifizioe sez per ltro geerre equivoi. Cosiderimo, d esempio, l espressioe ) ( 5 ) + ( 3) ( + 6) ( 5) : ( + ) +. Osservimo suito he l prim pretesi può essere elimit sez possiilità di equivoo, per ui l () divet ) 5 + ( 3) ( + 6) ( 5) : ( + ) +. Ioltre, ome già osservto, i umeri positivi si possoo «idetifire» o i umeri ssoluti e quidi possimo srivere 3) 5 + ( 3) 6 ( 5) : +. Eseguedo l moltiplizioe e l divisioe imo 5 4) ( 8). Teedo oto, poi, he u sottrzioe può essere trsformt i u ddizioe e vievers, possimo or srivere 6

17 5) I defiitiv : ( + ) + ( 3) ( + 6) ( 5) : ( + ) Questo esempio i suggerise l seguete regol prti: I u somm lgeri u pretesi preedut dl sego «+», può essere elimit isieme l sego «+» he l preede; se ivee ess è preedut dl, può essere elimit isieme questo, purhé l umero sritto i pretesi si sostituis il suo opposto. Ridimo d ultimo, he l ordie di priorità delle operzioi e dell uso delle pretesi elle espressioi lgerihe è logo quello delle espressioi ritmetihe. Le espressioi lgerihe umerihe possoo essere semplifite he o il softwre Mtos, iftti esistoo i omdi <idetifitore leggiespr.;( e <idetifitore lolespr. (<idetifitore); rispettivmete per itrodurre e semplifire u espressioe lgeri. Per mggiori dettgli si rivi ll Guid dello Studete. 6. L isieme dei umeri reli I umeri irrzioli he fior imo osiderto soo i reltà umeri ssoluti; m, osì ome i rzioli ssoluti, possoo essere filmete dotti di sego + o -, distiguedosi i positivi e egtivi. Otteimo, osì, l isieme I dei umeri irrzioli (o sego). 7

18 Riuedo i u uio isieme i umeri rzioli ed irrzioli otteimo l isieme dei umeri reli, he idiheremo o. I ltre prole, l isieme dei umeri irrzioli e rzioli, ostituise l isieme dei umeri reli e si idi o : I Riorddo le operzioi defiite i ed i I, possimo dire he ell isieme dei umeri reli soo defiite le operzioi fodmetli di ddizioe e moltiplizioe ( quidi differez e quoziete) per le quli vlgoo le segueti proprietà formli: Addizioe Moltiplizioe PROPRIETA ASSOCIATIVA [(+)+][+(+)] [( ) ][ ( )] quluque sio,, R PROPRIETA COMMUTATIVA ++ quluque sio, PROPRIETA DISTRIBUTIVA ( ) + quluque sio,, ESISTENZA DELL ELEMENTO NEUTRO quluque si esiste 0 tle he esiste tle he +00+ ESISTENZA DELL INVERSO OPPOSTO RECIPROCO quluque si esiste u quluque si 0esiste u uio uio elemeto tle he elemeto tle he +(-)0 L ddizioe, poi, uit ll operzioe di opposto defiise l sottrzioe, osì ome l moltiplizioe uit ll operzioe di reiproo defiise l divisioe. Ioltre, i si possoo defiire l ugugliz e l disugugliz, per ui vlgoo le segueti proprietà formli: 8

19 Ugugliz PROPRIETA Disugugliz RIFLESSIVA o esiste { } (*) SIMMETRICA o esiste ( ) { }, TRANSITIVA ( ) ( ) < < <,, { } + + ADDIZIONE + < + < + + { } MOLTIPLICAZIONE ( ) ( ) < < < < < 0 0 Dlle defiizioi e proprietà di ugugliz e disugugliz disede he, dti due umeri reli x e y, può verifirsi u sol delle odizioi: x < y, x y, x y. Ifie, si possoo defiire le operzioi di elevmeto potez e, limittmete i umeri positivi, estrzioe di rdie: 0 0,... volte 0 0 o h sigifito 0 0, 0, 0 k k se k è pri. (*) Il simolo sigifi (e si legge) impli. Per le poteze vlogoo le proprietà: m m + Prodotto di poteze di ugul se ( ) 0 : m m Quoziete di poteze di ugul se 9

20 m m ( ) Potez di u potez ( ) ( : ) : ( 0) Distriutività dell potez rispetto l prodotto Distriutività dell potez rispetto l quoziete Ci si potree hiedere qule si l opportuità di riuire i u uio isieme i umeri rzioli e irrzioli. L rispost può essere di vrio tipo e, speilmete, o motivzioi he, llo stto, o potreero risultre del tutto giustifite. Ci limitimo periò sempliemete dire he ell isieme dei umeri reli tutte le operzioi di ui sopr soo possiili, el seso he il risultto è or u umero rele. Ciò, turlmete, o vle egli ltri isiemi umerii: st riordre l sottrzioe i, l divisioe i, l estrzioe di rdie i. Ioltre i vle l proprietà di ompletezz, he dimo d illustrre. Nei umeri rzioli imo visto he possoo esistere due suessioi, { } e { }, he verifio le proprietà () (4) m he o rhiudoo (proprietà (5)) lu umero rziole. Bst iftti osiderre le suessioi di rzioli pprossimti e π le quli, ome imo osservto, verifio le () (4) m o rhiudoo, ioè o esiste lu umero rziole tle he < <, quluque si. Nell isieme dei umeri reli iò o vviee, ossi due suessioi di umeri reli { } e { }, he soddisfo le proprietà () (4), rhiudoo (proprietà (5)) sempre u umero rele, ovvero, esiste sempre uo ed u solo umero rele tle he < <, quluque si. L seguete figur shemtizz le relzioi fr gli isiemi umerii fior itrodotti: Irrzioli Reli Rzioli No iteri Iteri Iteri Positivi Zero Nturli Figur Iteri egtivi 0

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Equzioi espoezili e riti pg 1 Adolfo Sioe 1998 EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Fuzioe Espoezile Dto u uero rele positivo osiderio l fuzioe f : R R he d ogi eleeto R f orrispodere l'eleeto y =. Se =

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Nel gergo delle disequazioni vi sono dei simboli che devono essere conosciuti leggendoli da sinistra a destra:

Nel gergo delle disequazioni vi sono dei simboli che devono essere conosciuti leggendoli da sinistra a destra: Disequzioi Mrio Sdri DISEQUAZIONI Defiizioi U disequzioe è u disegugliz tr due espressioi che cotegoo icogite. Risolvere u disequzioe sigific trovre quell'isieme di vlori che, ttriuiti lle icogite, l redoo

Dettagli

I. COS E UNA SUCCESSIONE

I. COS E UNA SUCCESSIONE 5 - LE SUCCESSIONI I. COS E UNA SUCCESSIONE L sequez 0 = = 0 3 = 3 = 4 =... 3 5 = +... costituisce u esempio di SUCCESSIONE. 90 Ecco u ltro esempio di successioe: 3 4 = 3 = 3 3 = 3 4 = 3... = 3... U successioe

Dettagli

Progressioni geometriche

Progressioni geometriche Progressioi geometriche Comicimo co due esempi: Esempio Cosiderimo l successioe di umeri:, 6,, 4, 48, 96 L successioe è tle che si pss d u termie l successivo moltiplicdo il precedete per. Si dice che

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Successioni e serie. Ermanno Travaglino

Successioni e serie. Ermanno Travaglino Successioi e serie Ermo Trvglio U successioe è u sequez ordit di umeri o di ltre grdezze, e u serie è l somm dei termii di tle sequez. U successioe si rppreset co l'espressioe,,,, ell qule è u itero positivo,

Dettagli

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +...

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +... . serie umeriche Def. (serie). Dt u successioe ( ) (co R per ogi ), si chim serie di termie geerle l successioe (s ), dove s è l somm przile -esim defiit d () s = + 2 +... + = k. L serie coverge (semplicemete)

Dettagli

Indice. Le derivate. Successioni e serie numeriche

Indice. Le derivate. Successioni e serie numeriche Iie pitolo Suessioi e serie umerihe. Suessioi umerihe Rppresetzioe grfi, Suessioi mootòe,. Limiti elle suessioi Suessioi overgeti, Suessioi ivergeti, Suessioi ietermite, 6. Teoremi e operzioi sui limiti

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. DEFINIZIONE DI APPLICAZIONE LINEARE. Sio V e W due spzi vettorili su u medesimo cmpo K. Si :V W u ppliczioe di V i W. Si dice che l è u ppliczioe liere di V i W se soo veriicte

Dettagli

ma non sono uguali fra loro

ma non sono uguali fra loro Defiizioe U fuzioe f defiit i D (doiio) si dice cotiu i u puto c D se esiste i tle puto (è cioè possiile clcolre f (c)); se esiste, fiito, il ite dell fuzioe per che tede c e se il vlore del ite coicide

Dettagli

CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA

CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA. ALCUNE NOZIONI E STRUMENTI PRELIMINARI -RICHIAMI SUGLI SPAZI VETTORIALI Ricordimo che u vettore i R (o C ) e u -upl ordit di umeri reli (o complessi)

Dettagli

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1 L INTEGRALE DEFINITO ( ) d ARGOMENTI. Il Trpezoide re del Trpezoide. L itegrle deiito de. Di Riem. Proprietà dell itegrle deiito teorem dell medi. L uzioe itegrle teorem di Torricelli-Brrow e corollrio

Dettagli

Calcolo delle Radici Veriano Veracini Veriano.Veracini@inwind.it

Calcolo delle Radici Veriano Veracini Veriano.Veracini@inwind.it Verio Vercii Clcolo delle rdici Clcolo delle Rdici Verio Vercii Verio.Vercii@iwid.it Premess Lo scopo di queste pgie è quello di descrivere lcui metodi prtici per il clcolo delle rdici, compresi lcui metodi

Dettagli

- 1 - 4. Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet:

- 1 - 4. Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet: - - Fuzioi Defiizioi fodmetli. Dti due isiemi o vuoti X e Y si chim ppliczioe o fuzioe d X Y u relzioe tr i due isiemi che d ogi X f corrispodere uo ed u solo y Y. Se y è l immgie di trmite f, si scrive

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3 MINIERO DELL'IRUZIONE,DELL'UNIERIÀ E DELLA RICERCA CUOLE IALIANE ALL EERO EAMI DI AO DI LICEO CIENIFICO essioe Ordiri s 00/005 ECONDA PROA CRIA em di Mtemtic Il cdidto risolv uo dei due problemi e quesiti

Dettagli

ARGOMENTI INTRODUTTIVI AI CORSI DI MATEMATICA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA SEDE DI MODENA

ARGOMENTI INTRODUTTIVI AI CORSI DI MATEMATICA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA SEDE DI MODENA GOMENTI INTODUTTIVI I COSI DI MTEMTIC DELL FCOLT DI INGEGNEI SEDE DI MODEN Espoimo i modo molto suito le deiizioi e le proprietà he verro riteute ote e utilizzte ei Corsi di Mtemti he seguiro Per u trttzioe

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

CALCOLARE VELOCEMENTE I LIMITI DI SUCCESSIONI finora 51 esercizi sviluppati + molti limiti notevoli dimostrati di Leonardo Calconi

CALCOLARE VELOCEMENTE I LIMITI DI SUCCESSIONI finora 51 esercizi sviluppati + molti limiti notevoli dimostrati di Leonardo Calconi CALCOLARE VELOCEMENTE I LIMITI DI SUCCESSIONI fior 5 esercizi sviluppti + molti limiti otevoli dimostrti di Leordo Clcoi Arevizioi: N = Numertore, D = Deomitore, sg = sego di L clssificzioe che segue è

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Calcolo combinatorio. Definizione

Calcolo combinatorio. Definizione Clcolo comitorio Lortorio di Bioiformtic Corso A 5-6 Defiizioe Il Clcolo Comitorio è l isieme delle teciche che permettoo di cotre efficietemete il umero di possiili scelte, comizioi, lliemeti etc. di

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Successioni e Logica. Preparazione Gara di Febbraio 2009. Gino Carignani

Successioni e Logica. Preparazione Gara di Febbraio 2009. Gino Carignani Successioi e Logic Preprzioe Gr di Febbrio 009 Gio Crigi Progressioe ritmetic è u successioe di umeri tli che l differez tr ciscu termie e il suo precedete si u costte d (rgioe) d α α d α d K ( α )d 3

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE)

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) Mggi C. & Bccesci P. Soluzioe problem V Puto 1: T Clcolre l soluzioe stziori dell (1) euivle d imporre l

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Lezione n 19-20. Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Prof. Cerulli Dott. Carrabs

Lezione n 19-20. Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Prof. Cerulli Dott. Carrabs Lezioi di Riera Operativa Corso di Laurea i Iformatia Uiversità di Salero Lezioe 9- - Problema del trasporto Prof. Cerulli Dott. Carrabs Problema del Flusso a osto Miimo FORMULAZIONE mi ( i, ) A o violi

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

FORMULARIO DI MATEMATICA

FORMULARIO DI MATEMATICA TEST UIVERSITARI FACILI - uitest.isswe.et FORMULARIO DI MATEMATICA Sommrio ALGEBRA... DISEQUAZIOI... 5 GEOMETRIA... 6 GEOMETRIA AALITICA... 7 FUZIOI ESPOEZIALI LOGARITMI... 9 TRIGOOMETRIA... CALCOLO COMBIATORIO...

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Scuola Di Specializzazione Per L insegnamento Secondario

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Scuola Di Specializzazione Per L insegnamento Secondario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Scuol Di Specilizzzioe Per L isegmeto Secodrio CLASSE DI SPECIALIZZAZIONE A049-A059 Tem: Progressioi Aritmetiche e Geometriche. Successioi. Limite di u Successioe. Fuzioi

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

Successioni numeriche

Successioni numeriche 08//05 uccssioi umrich uccssioi umrich Dfiizio U succssio è u fuzio ch d ogi umro turl ssoci u umro rl 0 : 0 : Es. 08//05 uccssioi umrich Dfiizio Il it dll succssio ch ch covrg d ) si idic è il umro rl

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Trasmissione del calore con applicazioni

Trasmissione del calore con applicazioni Corsi di Lure i Igegeri Meccic Trsmissioe del clore co ppliczioi umeriche: iformtic pplict.. 4/5 Teori Prte II Ig. Nicol Forgioe Diprtimeto di Igegeri Civile E-mil: icol.forgioe@ig.uipi.it; tel. 5857 Sistemi

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000 Diesioeto di ssi di otore correte cotiu Si idividuio i pretri pricipli di u cchi correte cotiu eccitzioe idipedete i rdo di uovere u tr veloce ote che sio le seueti specifiche: Tesioe di lietzioe dell

Dettagli

2 Sistemi di equazioni lineari.

2 Sistemi di equazioni lineari. Sistemi di equzioi lieri. efiizioe. Si dice equzioe liere elle icogite equzioe dell form () + +...+ = o che (') i= i i = ove,,..., R si chimo coefficieti e R termie oto.,,..., ogi efiizioe. Si dice soluzioe

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

COMPLEMENTI ALLE SERIE

COMPLEMENTI ALLE SERIE COMPLEMENTI ALLE SERIE. Serie a termii i sego efiitivamete ostate Per ompletezza rihiamo il riterio el rapporto e ella raie, seza imostrarli... Teorema (Criterio el rapporto). Sia a ua suessioe a termii

Dettagli

Formule di Gauss Green

Formule di Gauss Green Formule di Guss Green In queste lezioni voglimo studire il legme esistente tr integrli in domini bidimensionli ed integrli urvilinei sull frontier di questi. In seguito i ouperemo del problem nlogo nello

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA Corso di Laurea i Ig Edile Politecico di Bari AA 2008-2009 Prof ssa Letizia Bruetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA 2 Idice Spazi vettoriali Cei sulle strutture algebriche 4 2 Defiizioe di spazio vettoriale

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Progressioni aritmetiche e geometriche

Progressioni aritmetiche e geometriche Progressioi ritmetiche e geometriche 7. Progressioi ritmetiche. Defiizioe. Si dt l successioe umeric:,, 3,, 5,...,,.... Ess rppreset u progressioe ritmetic se l differez fr qulsisi termie dell successioe

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA CAP. 14 20

MATEMATICA FINANZIARIA CAP. 14 20 MTEMTIC FINNZIRI CP. 42 pputi di estimo INTERESSE SEMPLICE Iteesse semplice I C M C ( ) = fzioe di o [] C M G F M M G L S O N D Motte semplice di te costti 2 3 M R R R... R [2] 2 2 2 2 Poiché l fomul è

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3. Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Architettura Prova scritta di Aalisi Matematica del 6// ) Mostrare che + si( ) cos () si( ) log(( + ) / ) = 3. Possibile soluzioe: Cosiderado dapprima il deomiatore otiamo

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

GLI INSIEMI NUMERICI

GLI INSIEMI NUMERICI GLI INSIEMI NUMERICI R π, _ -,8,89 Q Z N - 8-8 -8 _,,66 - e, - -,6 _ -,6 6 R Numeri Reli Q Numeri Rzioli Z Numeri Iteri Reltivi N Numeri Nturli Dl digrmm di Eulero-Ve ovvio è che : N è u sottoisieme rorio

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

L operazione di Convoluzione,

L operazione di Convoluzione, Revisioe mg 015 L operzioe di Covoluzioe co ppliczioi modelli itegrli di Correlzioe Cludio Mgo wwwcm-physmthet CM_Portble MATH Notebook Series L operzioe di Covoluzioe co ppliczioi modelli itegrli di Correlzioe

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale.

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale. Corso di laurea i Matematica Corso di Aalisi Matematica -2 Dott.ssa Sadra Lucete Fuzioi poteza ed espoeziale. Teorema. Teorema di esisteza della radice -esima. Sia N. Per ogi a R + esiste uo ed u solo

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE Studiare la atura delle segueti serie. ) cos 4 + ; ) + si ; ) + ()! 4) ( ) 5) ( ) + + 6) ( ) + + + 7) ( log ) 8) ( ) + 9) log! 0)! Studiare al variare di x i R la atura delle segueti

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

I segnali nelle telecomunicazioni

I segnali nelle telecomunicazioni I segli elle telecouiczioi Geerlità I segli ossoo essere rresetti el doiio del teo edite u grfico crtesio vete i scisse il teo e i ordite i vlori isttei dell'iezz del segle cosiderto. Tle grfico, detto

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli