INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA"

Transcript

1 INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono in esame l'aione del veno e il ransio di perurbaioni della pressione amosferica, con paricolare riguardo ai moi di masse liquide non sraificae indefinie, parialmene o oalmene limiae, o sraificae indefinie o limiae, considerando o rascurando l'effeo della viscosià e della roaione della Terra. Viene soolineaa l'imporana che rivesono la velocià e il verso di propagaione dei disurbi microbarici, nel provocare ampli sposameni dell'acqua in mare apero o alla base di baie, di golfi e di insenaure in genere. Nel discuere il problema delle onde inerne in mare apero o in bacini chiusi, si consaa, fra l'alro, che le eorie finora sviluppae sono insufficieni a chiarire l'ampiea e la persisena di lee onde in casi paricolari lago di Garda, lago di Bracciano,..., nei quali inervengono indubbi fenomeni di risonana con perurbaioni coperiodali dell'amosfera. Si delineano quindi le modalià di formaione della ona del salo ermico nei laghi e nei mari, e si accenna infine all'arduo problema della previsione delle mareggiae «Surges», consegueni a cospicue perurbaioni amosferiche. INTRODUZIONE La muua influena fra amosfera ed idrosfera si manifesa soo forma di fenomeni moleplici, che ineressano il clima e le variaioni del empo, la sraificaione e la circolaione negli oceani e nei laghi. Lungi da me il proposio di accennare a quesi fenomeni grandiosi, come il iolo alquano preenioso della mia comunicaione porebbe far supporre; mi limierò

2 solano ad alcuni aspei di qualcuno di dei fenomeni, con paricolare riguardo a quelli che possono comunque ineressare l'adriaico. Riengo superfluo accennare al moo ondoso, e alle sue relaioni con il veno: il fenomeno assume proporioni cospicue negli oceani e su di esso hanno condoo pregevoli lavori parecchi oceanografi, quali G. Neumann e W. Munk. Esulano pure dall'assuno le sree relaioni fra circolaione dell'amosfera e correni oceaniche, nonchè fra l'umidià dell'aria, l'evaporaione sopra i mari, la precipiaione e la disribuione della salinià e della emperaura nel mare. Neppure porò accennare alle noevoli influene in campo biologico, che ali muue relaioni comporano. Sosanialmene, il mio inerveno vererà sui moi liberi e forai di inere masse liquide, nei loro legami con paricolari fenomeni amosferici, nonchè sull'inusiaa ampiea e duraa di onde inerne - legae alla ermologia delle acque -, quando sulla sraificaione di una massa liquida ineragisca l'amosfera, in deerminae siuaioni fisiche. - Movimeni ineressani masse liquide noia sraificae. Riengo inuile mosrare come quesi movimeni si realiano. Per quano concerne le oscillaioni libere di masse liquide, limiae da superfic ie qualunque, mari chiusi, laghi, ecc. o di pari di masse liquide canali chiusi ad un esremo, golfi, baie, ecc., ua un'ampia leeraura ormai è saa sviluppaa. L'imposaione scienifica, dal puno di visa idrodinamico, è saa daa dai geniali lavori di Chrysal. Pregevoli conribui porarono in seguio Proudman, Maeui, Defan, Goldberg e, soprauo, Hidaka. Alcune esensioni furono realiae dallo scrivene. Qui ci soffermeremo paricolarmene sulle cause di quesi movimeni, liberi o forai che siano. a Consideriamo dapprima le variaioni di livello provocao da variaioni della pressione amosferica per disese d'acqua indefinie. Supponiamo che il n movimeno si realii nel piano x,, essendo x l'asse orionale giacene sulla superficie indisurbaa del mare e l'asse vericale, rivola posiivamene verso l'alo. Sia inolre h la profondià cosane del mare di densià ρ. Sia infine rascurabile l'acceleraione delle paricelle fluide raggiune dal moo.

3 u ξ Quando una pressione superficiale P 0 si propaga sul mare, l'equaione del moo è dove v è il coefficiene di viscosià dinamica eddy viscosiy, gh c è la velocià di propagaione di un'onda lunga e ud ξ denoa lo sposameno orionale delle paricelle. Poiché possiamo anche scrivere L'assena di fora angeniale sulla superficie libera pora alla condiione-limie per 0, l'alra condiione limie essendo u0 per -h. Ponendo nella p 0 Ae i-mx, si rova dove δ v U c m essendo m U la velocià di propagaione della pressione superficiale. Nel caso di una correne di marea, provocaa da una fora Xf e i -mx, l'equaione del movimeno diviene da cui 4 ' cosh ' cosh mx i e h i i c U m if u δ δ, dove v c U m / ' δ x p u v x c 0 ρ ξ ξ x p u v x u c u 0 ρ cosh cosh mx i e h i i U c m A u δ δ ρ 3 mx i fe u v x c ξ ξ 0 u

4 Se U >> c, δ c v U v ' Il calcolo numerico delle pari reali di 3 e 4 permee di deerminare la disribuione della velocià delle paricelle liquide con la profondià. Tale calcolo è sao compiuo da S. Unoki, il quale - anche sulla base dei valori osservai da S. Ogura per le correni di marea nel Mar Giallo - è arrivao alla conclusione che, a differena di quano si verifica per correni oceaniche, nel caso di ala marea e correni di marea si può rienere essenialmene uniforme la disribuione della velocià dalla superficie al fondo, anche soo l'aione della viscosià cinemaica. Nei confroni di un'onda lunga perano, possiamo rienere che ue le paricelle di una seione vericale subiscono una uniforme resisena. Da queso puno di visa, in luogo della viscosià, noi possiamo considerare la fora d'ario proporionale alla velocià delle paricelle fluide, consideraa come la più semplice forma di resisena. A queso riguardo, un confrono con i dai di osservaione può consenire di valuare la bonà dell'ipoesi dell'aenuaione di un'onda lunga colpe effeo dell'aione di resisena proporionale alla velocià. Le equaioni di moo e coninuià sono 5 u g ku, x w g kw, u h x w, dove k è il coefficiene di resisena e è l'innalameno. Quando si considera u, w e proporionali a e l, si ha 6 i i k c x In coordinae polari, fao f r e imr, si perviene all'equaione c d dr f imc df dr c m ik f 0

5 Quando k <<, condiione generalmene soddisfaa, una soluione assume la forma f Ae L'essere finio ad r pora a rascurare il segno. Perano 7 Ae Perciò l'ampiea di un'onda lunga anulare decresce gradualmene, proporionalmene a e k r c k r c Ae : una perurbaione avana quindi con un dao periodo ma con velocià c caraerisica di quel deerminao mare. Dalla 7 abbiamo im± ik r c k r i m r c c Ae i mr, da cui k ± r i m± r c c Ae k r c kr lg 0 M B c essendo Mlge 0. Perciò lg 0 può essere espresso linearmene in funione di r. Applicando la 5 a osservaioni di onde lunghe oenue a Nakano, Unoki oenne k5,5x0-4 c.g.s. Nel caso di sesse di lago per h00 m e periodi dell'ordine di 0 m, Defan oenne per k il valore 5x0-4 c.g.s., dello sesso ordine di grandea di quello oenuo da Unoki. Se ne conclude che è ragionevole, nel caso delle onde lunghe, sosiuire all'aione della viscosià una resisena proporionale alla velocià delle paricelle. Per le grandi disese d'acqua, non può essere rascurao l'effeo della roaione della Terra. Aggiungendo alla fora di ario proporionale alla velocià delle paricelle fluide, la fora di Coriolis, le equaioni divengono 8 u ku λw g '; x dove λω sinϑ è il coefficiene di Coriolis e e r i c w kw λu g ', p 0 ' gρ denoa l'innalameno che equilibri la pressione superficiale p 0. e ρ u h x w,

6 Prendendo u, w, ' e proporionali a e i ed eliminando u, w, abbiamo l'equaione dipendene da solano; essa è Dove K Assumendo come pressione superficiale Unoki oiene dove Quesa soluione mosra che la fase di innalamene non coincide con quella della pressione, rispeo la quale presena una differena di fase pari a ε o una differena di empo ε /. Poiché è numericamene provao che ε non supera mai π /, la condiione sufficiene per avere ε nel primo quadrane è che c m n -, nel denominaore della, sia sempre posiivo. Ne consegue, ' ' x k x 9, cos 0 n Ae p mx i, cos n e n m n m g A m i ε γ α ρ 0 { } an λ λ ε n m c k k k g, λ α k c k, λ γ k c k k, < c U m n λ λ k c k k k c k i

7 con manifeso significao dei simboli U e c. quesa condiione è generalmene rispeaa, salvo che per mari esremamene poco profondi. Possiamo quindi rienere che le variaioni di livello riardano nei confroni delle variaioni di pressione. D'alronde, se deriviamo ang ε rispeo a λ, poichè λ ang ε è posiivo, c m n - dev'essere posiivo; deve essere cioè n U 3 <, m c condiione generalmene soddisfaa come la. Poiché ang ε è una funione crescene di λ, possiamo concludere che il riardo di fase ε cresce con la laiudine ϑ. Fao mn, la diviene, approssimaivamene, 4 U an gε T c λ k 4πk, dove π T indica il periodo di un'onda di pressione superficiale ed π m, essendo LTU la lunghea d'onda. Ne consegue che quano L più grandi sono il periodo e la velocià di una pressione superficiale ano maggiore diviene il riardo di fase, menre quano più grande è la profondià dell'oceano ano minore è la differena di fase. La eoria brevemene riassuna è saa applicaa ad esese osservaioni compiue nei mari che circondano il Giappone. E' saa consaaa una generale concordana fra eoria ed osservaione, anche quaniaivamene, quando però si engano nella dovua consideraione gli effei di ue le grandee in giuoco, e cioè non solo della laiudine ϑ, ma anche della profondià, del mare, della velocià e del periodo di un'onda di pressione superficiale. Ciò appare chiaro anche dalla Tav., dedoa dalla 4.

8 TAV. EFFETTO della laiudine della profondià della velocià del periodo ϑ Riardo di fase h Riardo U Riardo T Riardo h 8 m 5 8 m h,4 3 h,3 h, h,3 0 km/h 30 km/h 40 km/h 50 km/h 0,5 h 0,, 3,4 3 giorni 6 giorni 9 giorni 0,6 h,3 4,8 ϑ h 3000 m U 40 km/h T 6 giorni km/h 6 giorni m 6 giorni m 40 km/h La Fig. ripora il confrono fra la marea meereologica e la pressione amosferica, quali furono osservae nelle localià cosiere di Mera e di Hono, nel Giappone. La marea meerelogica è saa oenua soraendo da quella osservaa, la marea previsa. Anche da quesa figura si rae una qualiaiva conferma della eoria. Va ancora enuo presene che nello sviluppo eorico, non si è enuo cono - causa le noevoli difficolà d'ordine maemaico che ciò avrebbe richieso - degli effei del veno e delle caraerisiche geografiche. Ciò malgrado, la sua aderena alla realà può rienersi più che soddisfacene. Gli sviluppi precedeni sono sai fai nell'ipoesi che l'onda superficiale di pressione sia una semplice onda armonica, del ipo e i - m x cos n. S. Unoki considera pure il caso di un'onda soliaria. La pressione superficiale P 0 sia rappresenaa da x F, U

9 con il solio significao dei simboli Ricorrendo agli inegrali di Fourier e valendosi di un meodo di calcolo seguio, per analoghe indagini, dal giapponese H. Yamada, Unoki giunge alla seguene conclusione, per quano concerne la variaione di livello legaa al ransio della pressione P 0. 5 x x c x ρ ψ φ F c c g U c U La 5 rivese noevole ineresse. Da essa risula infai che il ransio di un ciclone è accompagnao da un'onda progressiva, da un'onda regressiva e da un'ala marea, e che il livello del mare diviene di più in più alo col endere della velocià del ciclone a quella di un'onda lunga del mare. soosane, per fenomeno di risonana. Non è quesa esposa la sola eoria sulle onde lunghe in un Fig.

10 mare indefinio: ha però il pregio di delineare, in modo chiaro, l'inerdipendena fra variaioni della pressione amosferica e variaioni del livello del mare, almeno nei suoi aspei più significaivi. b I casi che a noi più ineressano sono però quelli che si riferiscono a bacini oalmene o parialmene limiai. Anche qui le ricerche compiue sono numerose. Per quano concerne l'origine delle oscillaioni libere in un lago, Chrysal ha pubblicao nel 906 un noevole lavoro sulla sima dell'effeo delle variaioni della pressione amosferica sulle sesse in un lago simmerico parabolico di larghea uniforme 3. Si raa della prima ricerca maemaica sull'argomeno, da cui appare chiara l'influena delle variaioni della pressione amosferica sulla formaione delle oscillaioni libere. Fra le alre numerose che seguirono, riengo degne ili menione le ricerche di Takaharu Nomisu, paricolarmene quella pubblicaa nel Vol. XVIII N delle «Memoirs of he College of Science» 4. In essa si prova che quando un veno cosane o un disurbo baromerico comincia ad agire sopra un bacino d'acqua e, dopo un empo, l'aione cessa bruscamene, allora insorge un aumeno del livello medio del mare o del lago, generalmene accompagnao da oscillaioni libere. Lungi da me la preesa di riassumere la eoria di Nomisu. Riengo però uile riporarne le conclusioni per ciò che concerne l'effeo di risonana, come quello che maggiormene può ineressare alcuni aspei dei movimeni dell'adriaico. Se indichiamo con m la fora perurbane proveniene da veno o da gradiene baromerico, consideraa come semplice funione sinusoidale del empo, m Zsin ' α per 0 0 per < 0 e > se m rappresena l'effeo sul livello del liquido, ' la pulsaione della fora agene e m la pulsaione del moo provocao nell'acqua nel caso di viscosià rascurabile v 0 e <, si ha 6 ρ m Z m ' m m ' m { sin ' α sin α } m { sin ' α sin α } m

11 7 Per > la corrispondene formula diviene Z m [ sin ' cos{ ' α} ' cos ' ] α Perciò se il è grande, l'ampiea crescerà sensibilmene col empo; ma se, è piccolo, l'ampiea non sarà noevolmene ingrandia nemmeno per un periodo di perfea risonana. Per esempio, quando uguaglia un meo periodo, cioè se π solano una cresa dell'onda di fora, il massimo valore di m non può superare / πz, e quando è pari ad un inero periodo, il possibile massimo valore è m πz La eoria può essere esesa alle sesse di una baia, dello occolo di mare o di uno sreo; con lievi variaioni, vale pure nel caso di fora aiva progressiva in un canale sena fine. Uno dei pregi della eoria di Nomisu è che essa, nella sua pare generale, iene cono della viscosià del liquido. Per profonde disese d'acqua, la viscosià non influisce sensibilmene sugli elemeni dinamici delle oscillaioni. Non così per acque poco profonde e per oscillaioni di appreabile ampiea. In queso caso l'aione della viscosià diviene così marcaa da provocare l'allungameno del periodo e, in casi esremi, può anche condurre ad un moo non periodico. Ebbi occasione di dimosrare quesi fai sia nello sudio delle sesse del golfo di Triese 5, sia esendendo la eoria di Nomisu alla spiegaione delle oscillaioni libere del poro di Civiavecchia, in cui il periodo appariva insoliamene lungo, nei confroni di quello che ci si sarebbe dovui aspeare considerando - come d'abiudine - l'acqua quale fluido ideale 6. In al modo, si ha pure la possibilià di deerminare il coefficiene d'ario sul fondo e la viscosià cinemaica del liquido viscoso ili movimeno, dai che ho pouo appuno oenere nei casi sopra ciai. Sovene, però, ceri cospicui effei dell'ineraione fra pressione amosferica e bacini idrici non possono essere spiegai, se non si iene debio cono anche del senso di propagaione della perurbaione amosferica e della forma del bacino soosane.

12 Consideriamo, p. es., un canale di profondià uniforme h. Indichiamo con U la velocià con cui si propaga il nucleo perurbane e sia lo sposameno che subisce la superficie libera del mare, inorno al suo x livello medio. Indichiamo con F la fora perurbane, U espressa dal peso della colonna d'acqua corrispondene alla variaione baromerica. Se il canale è chiuso all'esremo x0, ma si rova indefiniivamene nella direione posiiva delle x, si rova 7 : 8 9 U c All'esremo x0 è perano F x U U c F U x F c c Fig.

13 Se U è posiivo, cioè se la perurbaione amosferica ransia lungo il canale nel senso delle x posiive, il rapporo /F è sempre minore dell'unià; ma se U è negaivo, cioè se il disurbo amosferico ransia lungo il canale verso l'esremià chiusa, allora deo rapporo può assumere valori grandi olre ogni limie. Fig. 3 Infai nel puno x0, quando U/c -,. Perciò eoricamene, se il fenomeno si verifica nelle condiioni ammesse, quando le variaioni di pressione si propagano con velocià prossima a quella consenia alle onde libere del mare e in direione opposa a quella delle x cresceni posiivamene, in prossimià del fondo canale baia, golfo, ecc. lo sposameno del livello dell'acqua assume valori noevolissimi.

14 Nauralmene, in praica, quesi casi ideali non si verificano che in pare. Ad ogni modo, almeno qualiaivamene, il fenomeno oiene chiara spiegaione: quando la condiione in parola viene soddisfaa con sufficiene approssimaione, in prossimià della cosa sono da aendersi Fig. 4 fluuaioni dell'acqua con ampiee noevolmene maggiori di quelle consenie dai valori saici. Solo per quesa via mi è sao possibile spiegare, nel 938, le visose fluuaioni del mare, che si verificano alla base del golfo di Triese, quando nuclei ciclonici o semplici variaioni baromeriche si propagano

15 da Veneia a Triese, con velocià paragonabili a quella consenia alle oscillaioni libere del mare soosane: ransiando sopra Triese, ali disurbi microbarici deerminano nel mare movimeni più o meno ampi, a seconda che le condioni richiese si verificano con maggiore ominore approssimaione. Nel lavoro pubblicao a suo empo, ho riporao una ampia esimoniana sulla validià di queso principio. Qui mi limio agli esempi fornii dalle figg., 3, e 4. Osservo, ai fini delle conseguene sul livello del mare, che la 8 presena sosaniali analogie con la 5 valevole - come si è viso - per mare apero. Sempre a proposio del verificarsi della condiione U/c -, vediamo come essa, presenandosi alla base di un mare chiuso, possa provocare noevoli sposameni del livello marino in lagune, baie o insenaure limirofe dove la condiione sessa è ben lungi dall'essere realiaa, anche in assena di fenomeni di risonana. Ora, se indichiamo con f, la salia e la discesa della superficie liquida nell'inerno di una baia di lunghea l, con la bocca in x0, si prova che c l s πx sin l s 0 0 F sin s d Se Fαsin' per 0<< e F0 per >, allora cα s x π l 0 s ssin ' ' sin s sin per 0 < < s ' l ' sin cos ' cα πα l s s s s cos s sin ' sin per > 0 s ' l ' sin s

16 Quindi per un generico m quando m ', allora 0 cα sin cos m πx m m m sin per o< < m l m l cα cos sin m m m cos m per l > m Perciò, quando il periodo della vibraione foraa della baia, concorda con quello dell'oscillaione libera, la sessa si sviluppa con noevole ampiea. Però, anche in assena di risonana, alla base della baia può verificarsi un'ampia oscillaione, quando essa si apre sopra un bacino in cui le variaioni di pressione possono propagarsi secondo la legge U/c ~. Al realiarsi di quesa condiione, un ampio sposameno ne deriva, che, a sua vola, sviluppa oscillaioni libere nella baia, come fenomeno secondario. E' noo infai che, quando vi è variaione di livello alla bocca di una baia, oscillaioni secondarie si sviluppano nel suo inerno. Quesi che sono venuo riassumendo non sono nauralmene che alcuni lineameni del complesso problema dell'ineraione fra amosfera e bacini idrici, quesi ulimi presi nel loro insieme: li riengo però sufficieni per lumeggiare l'imporana che ale ineraione può assumere anche nei confroni dell'idrodinamica dell'adriaico, dei suoi golfi e delle sue lagune. II - Vediamo ora gli sviluppi che ale ineraione può assumere quando il mare o il lago, o pari di essi, sono sraificai. Noi limieremo le nosre consideraioni alla sraificaione conseguene all'esisena di una sola superficie di disconinuià: del reso, è quella che più frequenemene si presena e che più ineressa nelle sue manifesaioni eserne. Quando due masse d'acqua di differene densià sono sovrappose, la superficie di separaione può divenar sede di sisemi d'oscillaione onde inerne, il massimo sposameno vericale delle quali si osserva appuno alla superficie di separaione delle due masse d'acqua.

17 .Teoricamene, le onde inerne possono essere riguardae come una soluione per le onde che insorgono lungo una disconinuià orionale fra due srai di diversa densià. Faremo uso dei simboli abiuali in idrodinamica Basse, Lamb, ecc. La disconinuià corrisponda da 0, essendo l'ordinaa, direa posiivamene verso l'alo. π π Poso e k T λ T e λ essendo il periodo e la lunghea d'onda rispeivamene, il poeniale della velocià negli srai superiore ed inferiore sono φ ' A cosh k Bsinhk cos kxe i φ C cosh k rispeivamene. h cos kxe i Siano la superficie libera e il fondo compresi fra h' e -h rispeivamene. Ricorriamo alle condiioni cinemaiche sull'inersuperficie. Inano abbiamo Per 0 avremo φ' kasinhk kbcoshkcoskxe φ kcsinh hcoshkxe i i 3 cioè φ' 0 φ kb kcsinhkh 0 Se a coskxe i

18 è l'equaione dell'onda inerna sulla superficie di separaione, su ques'ulima la condiione di conao dei due liquidi richiede d d φ' φ, per 0 cioè, ricordando la 3 4 kcsinhkh kb ia Se δp, δp' sono gli incremeni della pressione dovui al moo ondoso, immediaamene soo e sopra la superficie di separaione, allora dφ δp gρ ρ d dφ ' 0 ; dp' gρ ' ρ' 0, d essendo ρ, ρ' rispeivamene le densià soo e sopra la superficie di disconinuià. Ora dφ ' i i Acoshk Bsinhkcoskxe ; d dφ i ic cosh h coskxe d Per cui, dovendo essere δpδp', avremo, per 0, ; i gρ ' a ρ' ia coskxe gρa cioè ρic cos hkh coskxe i 5 ρ ic cosh kh ga ρ' ia ga Ricordiamo ora la condiione - dea di Poisson - alla superficie libera 6 ϕ ϕ g 0

19 che esprime la cosana e l'uniformià della pressione alla superficie libera. Applicando la 6 alla, per h', oeniamo 7 A coshkh' Bsinhkh' gk Asinhkh' Bcoshkh' Eliminando le cosani A, B, C fra le 4, 5 e 7. Si oiene B ρ' A ρ coh kh gk ρ ρ ' che sosiuia nella 7 conduce alla seguene relaione fra e k: 8 4 ρ cohkhcoh kh' ρ' ~ ρ coh kh coh kh' gk ρ ρ ' g k 0 Tale equaione è quadraica in. Ciò significa che vi sono due diversi ipi di onde. Una è un'onda ordinaria, quale si osserva alla superficie eserna. A noi ineressa qui l'alro ipo, cioè quello delle onde inerne, che si sviluppano inorno alla superficie di disconinuià. Risolvendo la 8 in nell'ipoesi di kh molo grande coh kh, si oiene per il segno posiivo ρ cohkh' ρ cohkh' ρ ' gh ρ cohkh' ρ ' da cui 9 ρ ρ ' gk ρ coh kh ' ρ ' Qualora anche kh' sia molo grande, consegue 0 ρ ρ ρ' gk ρ'

20 Per kh' piccolo -cioè per coh kh /kh' - dalla 9 si deduce ρ ρ' g' k ρ Per kh, kh' enrambi piccoli si ha gk h h ' Per gli alri casi, la equaione 8 può essere risola in ermini esai. Le ampiee delle velocià orionali u' e u, conseguono dalle φ ' uguagliane u', u e sono immediae. x Per quano riguarda lo sposameno vericale, esso è dao - come è noo - da dφ &, d Perano, in valore assoluo, quando h ' k Asinhk Bcosh k cos kxe da cui si deduce per l'ampiea, l'espressione i 3 k ' Asinhk B coshk Analogamene 4 k Csinhk h 5 Le ampiee delle velocià orionali sono invece u ' k Acosh k Bsinhk 6 u kccosh k h

21 Figg. 5, 6 Figg. 7, 8

22 Figg. 9, 0 Figg.,

23 È chiaro che le onde prese in consideraione non possono idenificarsi con quelle che ineressano le superficie di disconinuià ermica, quali si osservano nei bacini chiusi: nella eoria sviluppaa non figurano, infai, gli elemeni propri della forma del bacino, in relaione con le sue dimensioni orionali. Riuscirà ugualmene ineressane invesigare, con il calcolo, l'ordine di grandea delle ampiee delle onde inerne qui delineae. I calcoli furono condoi da K. Hidaka e T. Kusunoki 8. Fu calcolao dapprima il caso per h 60 m, h' 40 m, ρ',03, ρ,05 per assegnai valori di απ k. λ Le figg. da 5 a 9 riassumono i risulai e riporano gli assegnai valori per periodi e lunghee d'onda. Le frecce mosrano che la velocià orionale è in direione opposa nei due srai. L'esempio h 4000 m, h' 50 m rienra nel caso h» h'. I risulai dei calcoli sono diagrammai nelle figg. 0-; per ρ' e ρ i valori sono immuai. La disribuione delle ampiee e delle velocià orionali, per lunghea d'onda molo grande nei confroni di h e h', è riporaa nella fig. 3, dove λ 50 Km., h 3000 m, h'50 m. Dall'esame di quesi risulai appare chiaro che onde inerne la cui lunghea d'onda sia piccola confronaa con le profondià h e h', non possono svilupparsi compiuamene, ecceo sulla o presso la superficie di disconinuià, menre, al conrario, quando diviene grande, sia il moo vericale che la velocià orionale delle paricelle liquide conservano valori appreabili anche a considerevoli disane sopra e soo la superficie di disconinuià, e decrescono quasi linearmene verso l'alo e verso il basso. Ad ogni modo, la eoria prevede sposameni vericali nulli per la superficie libera dell'acqua, qualunque sia il ipo di onde inerne in propagaione.. - Consideriamo ora un bacino chiuso e cerchiamo di valuare l'influena che sui movimeni di superficie può essere deerminaa da onde inerne, associae all'aione perurbane dei veni facilmene esensibile ad alra causa perurbane, quale il ransio di variaione di pressione.

24 Sia x la coordinaa orionale, giacene sulla superficie indisurbaa, con origine sulla cosa di un canale consisene di due srai di diversa densià, e perpendicolare alla cosa sessa. Sia l'asse vericale, direa verso l'alo. Siano inolre u la velocià lungo l'asse x, ρ la densià, v la viscosià cinemaica, p la pressione e g l'acceleraione di gravià. Fig. 3 Le equaioni del moo in sao saionario sono 7 p u v 0, x p ρg 0.

25 Se è l'elevaione della superficie, h la profondià della superficie di separaione dei due srai e d la profondià del fondo, come equaioni di coninuà prenderemo 8 h h u d, u d 0 0 d dove gli indici e si riferiscono rispeivamene allo srao superiore ed inferiore. Indichiamo con T la ensione cosane eserciaa dal veno sulla superficie dell'acqua. Le condiioni ai limii sono allora 9a 9b Quando si rienga rascurabile v lungo la superficie inerna, lo srao d'acqua superiore non inconra ario sulla superficie limie inferiore, e la condiione 9 b si riduce a 9c Nello sao saionario, l'acqua nello srao inferiore è in quiee, perché l'effeo d'ario dello srao liquido superiore cessa sulla superficie limie e la pressione dovua all'innalameno della superficie è equilibraa dalla depressione della superficie di disconinuià. Quesa condiione si raduce nella seguene relaione: da cui u v T per e u u v v u v 0 ρ ρ ρ h x per per h h 0 ρ h H ρ ρ

26 ρ ρ ρ α essendo H lo spessore medio dello srao superiore. Dalla seconda delle 7 si ha per cui, inegrando la prima delle 7 dalla profondià della superficie di separaione alla superficie eserna, oeniamo Inegrando, ricordando la 9 a e enendo cono che, per la 0, poso si oiene Dalla si ha, inegrando, oppure, fao cos. g p per e g p ρ ρ ρ h h d u v d x g h H ρ ρ ρ T x H g α ρ 0 α α ρ α C x g T H 0;,,, A bx a C A g T b H a α α ρ α

27 3 da cui a ± a 4 bx A Si prende, nella 3, il segno posiivo a secondo membro, l'innalameno poendo essere posiivo in qualunque puno. La cosane di inegraione A può essere dedoa dalla legge di conservaione della massa. se l è la larghea del canale, ale legge si esprime nella relaione dx 0 0 dalla si rae che b a T/ρ g H; perano l'andameno della superficie assume l'espressione - in virù della 3-4 Hρ T bx A a g 4 / Nel puno x-a/b dove per la 3, 0 non c'è innalameno d'acqua; ivi l'inclinaione è la sessa che nell'acqua omogenea di profondià H, e menre nel lao sopra veno di queso puno essa è più accenuaa, essa è più ridoa nel lao soo veno. Dalle 7 si ha u ρg v x da cui, inegrando due vole e limiandoci al primo srao, 5 ρg u B C v x Dove B e C sono cosani di inegraione.

28 Dalla 4 si deduce u v ρg B x che, per, e per la 9 a si idenifica con T. Ma ricordando il valore di ques'ulimo dao della, si deduce B α H Per cui, richiamando il valore di x e ricordando la 0, B h Perano, la prima delle 8 assume la forma: 6 h ρ g h C d v x 0 Nell'ipoesi che sempre si verifica in naura di decisamene più piccolo di h, inegrando la 6 si oiene La 5 diviene allora C h 3 7 u ρg h h v x 3 La disribuione vericale della velocià è quindi simile a quella che si osserva in acqua omogenea di profondià h con fondo piano. La precedene eoria fu applicaa da K.Kajiura dell'isiuo Geofisico dell'universià di Tokyo al lago Suwa, profondo circa 6-7 m e lungo 4Km. L'applicaione è saa faa in regime esivo, quando alla profondià di circa 5 m si forma una ermoclima.

29 Fig. 4

30 L'osservaa inclinaione delle isoerme di C 3 C nel lao sopra veno, risulò in buon accordo con quella calcolaa. Anche nel caso considerao, di onde inerne legae alla formaione della superficie del salo ermico esivo-auunnale, la eoria prevede sposameni del livello eserno del lago pressochè nulli vedansi la 0 e la 3 ; in ogni modo, non rilevabili da srumeni di superficie. In quesi calcoli, preoccupaione del ricercaore è di riprodurre, per via eorica, l'andameno dell'isoerma. coincidene con il salo ermico e rivelaa da misure di emperaura dell'acqua, ripeue in più luoghi, in superficie e in profondià. E dei movimeni di quesa superficie, infai, ci si preoccupa in ricerche del genere, nel soineso che ali movimeni non possano ineressare la superficie eserna. Se le cose sessero effeivamene in quesi ermini, le onde inerne porebbero sen'alro essere rascurae, ai fini di quesa noa, che concerne sopra uo movimeni comunque capaci di alerare, più o meno sensibilmene il livello eserno di un bacino d'acqua. III -. - Le cose non sanno precisamene come è deo nei numeri precedeni. Anni fa, esaminando i limnogrammi oenui a Riva del Garda, fui sorpreso di risconrare fra essi ampie oscillaioni non aribuibili ad oscillaioni libere ordinarie: esse si presenano abiualmene fra Luglio ed Oobre ed hanno periodi dell'ordine di 50 h, con soomulipli di 4 h e h ca., paricolarmene frequeni e sviluppai quelli di 4 h. Non mi fu difficile provare raarsi di onde inerne 0 sesse ermiche, legae alla formaione della superficie del salo ermico a 0 meri circa di profondià. Non poei però non considerare srana la loro insolia ampiea, che conseniva loro di rivelarsi in superficie in modo così appariscene, e la loro persisena che si proraeva per inere seimane fig. 4. I mio supore derivava sopra uo dal fao che la eoria negava sosanialmene che la superficie eserna poesse essere ineressaa da onde inerne. Non dimenicavo, fra l'alro, l'aspra reaione di diniego sulla possibilià di simili fenomeni, provocaa nell'inglese Wedderburn - valoroso specialisa in quesi sudi - dalla leura di una, noa di Endros, in

31 Fig. 5 a

32

33

34 Fig. 5 b

35 cui lo sudioso edesco aribuibili ad onda inerna una sporadica perurbaione a lungo periodo, regisraa da un limnografo di superficie in un lago della Pomerania. Parecchi anni dopo, ebbi modo, di porare la mia aenione sui laghi dell'ialia cenrale, con paricolare riguardo al lago di Bracciano. Anche qui l'ineresse della ricerca fu sensibilmene acuio dalla scopera di lunghe serie di oscillaioni, aveni un periodo di 6 ore circa, regisrae, con limnografi opporunamene filrai, alla superficie del lago. Traavasi ancora una vola di onde inerne; o meglio, della manifesaione di superficie figg. 5 a, 5 b delle oscillaioni cui viene sooposa la superficie del salo ermico, che - durane i mesi della arda esae e dell'auunno - nel lago di Bracciano si forma alla profondià media di 4-6 m. Ciò che, a prima visa, appariva inesplicabile come nel caso del Garda, erano l'inusiaa ampiea dei movimeni regisrai e la loro duraa la superficie del lago resa infai ondulane per seimane e seimane. L'idrodinamica, come abbiamo viso, prevede pressoché rascurabili i movimeni superficiali legai alle onde inerne. Nei casi del laghi di Garda e di Bracciano è giuocofora invocare, per la persisena e ampiea delle relaive onde inerne, una siuaione conseguene a risonana. Ciò presuppone una causa agene pressochè coninua, associaa a periodi dell'ordine di quelli propri della superficie del salo ermico, che si forma nei due laghi, durane i mesi d'esae e d'auunno. Per quano concerne il lago di Bracciano, in un primo empo ho rienuo acceabile idenificare la causa perurbane nelle maree solide deerminae dalle maree quaro-diurne del vicino Tirreno. La semplice eoria schemaiaa, pare dall'equaione del moo di un'onda lunga - in mancana di viscosià - e dall'equaione di coninuià, cioè della - per v 0 - e dalla 5 - limiaa alla sola u ed inegraa rispeo al empo. x v Se M 0 M cosk rappresena l'onda foraa di marea solida., si prova che dall'inegrale dell'equaione del moo che ne deriva, si perviene - per quano concerne gli

36 sposameni vericali - alla seguene espressione 3 cosk x v hm m sink l vcoskm x l ρc m sinklm sink l vcoskm x dove m v / c, superiore c ρ ' ' ρ ' g ρ ' ' ρ ' h' h' ρ' e h' riferendosi allo srao π 4l T kv i, gh esendo h' ρ' ' ρ' h h' ρ' ρ' ' h' ' ende all'infinio quando sin klm ende a ero, cioè quando s essendo un inero e T i il periodo di un'onda inerna in un lago di lunghea l i T T i s Quando il periodo della causa perurbane approssima quello dell'oscillaione libera della superficie di separaione dei due srai sovrapposi, saremo in fase di realiaione delle condiioni di risonana. Nel lago di Bracciano ciò si verificherà quando, per s, T enderà al periodo dell'uninodale dell'onda inerna i. Ulimamene però mi sono orienao a rienere più probabile, come causa perurbane, le oscillaioni della pressione amosferica, con periodo dell'ordina di 6 h circa. Tali oscillaioni sono frequenemene preseni nell'amosfera. Quesa ipoesi vale nauralmene anche per il lago di Garda, dove le onde inerne più ampie sono le binodali, di circa 4 h.

37 Qui la causa agene può idenificarsi con la ben noa oscillaione diurna dell'amosfera, laddove la non meno appariscene onda semidiurna amosferica, può essere causa delle rinodali inerne. La eoria esposa, nauralmene, conserverebbe la sua validià salvo lievi modifiche. Le ricerche per quano concerne le cause delle ecceionali onde inerne nei due laghi, coninuano in queso senso.. - Sempre con riferimeno alle cause delle onde inerne, riengo opporuno accennare ad un lavoro di Haurwi 4 sulle onde inerne a caraere di marea. Osservaioni ripeue di emperaura e salinià negli oceani hanno provao l'esisena di variaioni periodiche, i cui periodi sono di circa e 4 ore, dell'ordine cioè di quelli delle fore di marea. Conrariamene al parere più diffuso fra gli oceanografi, è sao osservao che quese oscillaioni non possono essere rienue vere onde inerne generae da fore di marea, perchè i periodi di libere oscillaioni sulle disconinuià inerne sono molo più lunghi aese le grandi esensioni oceaniche di quelli delle fore di marea, di modo che non porebbero essere soddisfae le richiese condiioni di risonana. L'argomeno venne riesaminao da Haurwi nel lavoro ciao: in conseguena della roaione erresre - in precedena rascuraa -, egli prova che i periodi delle onde inerne sono sensibilmene più brevi e le loro velocià molo più grandi di quano in precedena supposo. Conseguenemene le condiioni di risonana per oscillaioni sulle inerne superficie di disconinuià sono molo più favorevoli di quelle in precedena suppose. Inrodoo il ermine di Coriolis λ ω sin ϕ, dove ω è la velocià angolare della roaione della Terra e ϕ la laiudine, Haurwi perviene alle segueni espressioni per le velocià delle onde libere: c c λ λ h' h' ' bh H ρ' ρ '' ρ ' gh' h'' H ρ ' '

38 dove ρ è la pulsaione della fora di marea essendo manifeso il significao degli alri simboli. La c è sosania lmene la velocià in uno srao singolo di profondià H la parenesi quadra avendo un valore prossimo all'unià, menre c esprime la velocià delle onde libere alla superficie inerna di disconinuià, se i due srai fluidi sono relaivamene di piccolo spessore. Fig. 6 Si noa che, nel caso di fluido roane, la velocià d'onda è noevolmene aumenaa. Un'alra noevole relaione oenua da Haurwi è quella fra il periodo e la lunghea d'onda. Mi limio a riporarne il grafico relaivo fig. 6. Da esso risula che al crescere della lunghea d'onda, il periodo T,0 dell'onda inerna cresce rapidamene, se l'effeo della roaione erresre è rascurabile, menre in fluido sraificao roane il periodo T i ende asinoicamene ad un limie cosane pari a «half a pendulum day». T e è il periodo dell'onda superficiale. Perano se le onde inerne sono generae da fore di marea, il periodo dell'onda libera deve approssimarsi a quello della fora di marea. Solano allora. l'effeo di risonana può divenire cospicuo.

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

CAPITOLO 3 PRINCIPIO DELLE TENSIONI EFFICACI

CAPITOLO 3 PRINCIPIO DELLE TENSIONI EFFICACI CAPITOLO 3 Essendo il terreno un materiale multifase, il suo comportamento meccanico (compressibilità, resistena), in seguito all applicaione di un sistema di sollecitaioni esterne o, più in generale,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Progettazione di stampi in conglomerato cementizio per il processo di stampaggio ad iniezione di materiali plastici

Progettazione di stampi in conglomerato cementizio per il processo di stampaggio ad iniezione di materiali plastici Uniersità Politecnica delle Marche Scuola di Dottorato di Ricerca in Sciene dell Ingegneria Curriculum in Ingegneria dei Materiali, delle Acque e dei erreni ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

COME predisporre l'oscilloscopio

COME predisporre l'oscilloscopio Se vi chiedessimo quale tipo di strumento sia necessario per misurare una frequenza, tutti istintivamente rispondereste: un ''frequenzimetro digitale". Pochi infatti sanno che questa misura si può eseguire

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

0.1 Balistica. Figure 1:

0.1 Balistica. Figure 1: Fiure 1: 0.1 Balistica Triste ma vero: un forte impulso alla nascita della fisica moderna venne dal bisono di sapere dove accidenti finissero le palle sparate dai cannoni... 0.1.1 Bersalio fisso Abbiamo

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli