Forza centripeta e gravitazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Forza centripeta e gravitazione"

Transcript

1 pitolo 6 Foz centipet e gitzione 1. Il oto cicole Quli sono le ctteistiche del oto cicole? Un pticell si dice nit di oto cicole qundo l su tiettoi è un ciconfeenz. Lo studio di questo tipo di oto iene effettuto indiidundo due diezioni istntnee, cioè due ette oientte che cbino d ogni nuo lettu di conoeto. Si ttt dell diezione dile, lungo l seiett che esce dl cento dell ciconfeenz ndndo eso l posizione del punto che si st uoendo; e dell diezione tngenzile, sull ett tngente ll ciconfeenz, oientt nel eso del oto e pependicole ll diezione dile. Quli sono diezione e eso dell elocità nel oto cicole? Qundo un pticell descie un tiettoi cu, ed un ciconfeenz in pticole, pe cpie l diezione dell elocità possio igine che d ipoiso scopino tutte le foze in zione. L pticell si toeebbe llo nell condizione conteplt dll legge d inezi, l qule peede che in ssenz di foze il oto segu un line ett. Si ttt dell ett tngente ll tiettoi, che pe definizione iene ssunt coe diezione dell elocità in quel dto istnte. he cos sppio di sbglito igudo l oto cicole? Pi di inizie l nlisi del oto cicole, è necessio iuoee due idee ete che nei secoli si sono dicte, e che costituiscono un ostcolo ll copensione di questo fenoeno. DIEZIOE TAGEZIALE ISTATAEA DIEZIOE ADIALE ISTATAEA 1

2 pi ide et: un oggetto può seguie un tiettoi cicole senz che i si un binio di qulche tipo che lo costing flo. second ide et: un oggetto in oto cicole tende d essee scglito eso l esteno, in diezione dile, dll zione di un foz dett centifug. Peché occoe un binio pe sostenee il oto cicole? L pi delle due concezioni ete isle gli ntichi Geci, i quli iteneno il oto cicole l tiettoi pefett, peché pensno fosse seguit dgli oggetti celesti. Essendo pefett, l tiettoi cicole doe essee un condizione ntule pe i copi, incouttibile, cioè cpce di sostenesi utonoente ed iutbile nel tepo. D Glileo in poi sppio che questo uolo piilegito spett l oto ettilineo unifoe, il solo poseguie indefinitente senz che debb inteenie lcun foz, e che pe tle ctteistic iene ddiittu consideto uno stto. Vicees, uoesi lungo un tiettoi cu signific cbie in ogni oento l diezione dell elocità. Mute elocità, nche se solo in diezione e non in intensità, uol die ccelee: un cchin che cui con elocità di odulo costte 30 K/h, st ccelendo in diezione, nche se il tchieto segn sepe lo stesso loe peché non st ccelendo in intensità. Poiché il secondo pincipio peede che poss e luogo un ccelezione unicente in pesenz di un foz, ne deducio che nel oto cicole occoe un foz nche solo pe cbie ogni istnte l diezione ll elocità. oe edeo nel dettglio, si ttt di un foz in diezione dile, che punt sepe eso il cento dell ciconfeenz: ne sono esepi l foz nole esecitt d un binio cuo, oppue l tensione di un cod legt l cento dell ciconfeenz. ell figu lto, là doe il binio (in un pino oizzontle) si inteope, l pllin posegue con un oto in line ett lungo l diezione tngenzile istntne, dto che è enut eno l foz nole che l costinge cue. DIEZIOE ADIALE ISTATAEA Peché non esiste un foz centifug? oe sppio dll tez legge dell dinic, non esistono foze solitie, soltnto intezioni f coppie di oggetti. Ogni foz dee ee due ttoi : un soggetto che l esecit (e che su olt subisce un zione ugule e conti), ed uno che l subisce. O, è not tutti l senszione (illusoi) di essee scgliti eso l esteno, in diezione dile, qundo l nost uto pecoe un co di cu. M si dee escludee che quest senszione si dout ll zione di un foz, sepliceente peché non esiste lcun soggetto che esecit quest foz. hi esecit l foz centifug? on c è ispost quest dond. Un psseggeo su di un uto in cu cede di essee tito eso l esteno, in eltà ntiene soltnto l stess diezione di elocità, che coe bbio detto è in ogni istnte tngente ll tiettoi cicole. Se non ci fosse l uto egli oleebbe in diezione tngenzile non ppen inizi l cu. el fttepo inece, l cchin gli si uoe sotto ed intecett continuente l su tiettoi ettiline fozndolo eso il cento. oe si ede in figu, lo spostento dell uto ce un lutzione et, pe cui egli pens di

3 essee scglito eso l esteno, ed inece non st seguendo fftto l diezione dile istntne. Il eccniso è lo stesso di qundo l uto fen, ed il psseggeo posegue il oto in nti con l edesi elocità di pi dell fent. Anlogente, qundo l uto ccele, l psseggeo seb di essee tito indieto, st solo poseguendo con l elocità che possede pi, ente è l uto d e cbito stto di oto. Quest tendenz poseguie il oto in diezione tngenzile è esponsbile f le lte cose, del igonfiento dell ciconfeenz del nosto pinet ll ltezz dell equtoe, doe l elocità di otzione è ssi. Anlogente è il pincipio usto dll centifug di un ltice pe sciuge i pnni. oe si ede dl disegno peò, le goccioline di cqu non scppno in diezione dile tngenzile, ente il cestello continu uote. gocci E necessio che gisc un foz nche lungo l diezione istntne dell elocità? Iginio l pllin di un oulette lncit dl coupie. Inizilente l pllin st fe, quindi l no del coupie h douto esecite un foz pe potl fino d ee elocità. oe sppio dll second legge dell dinic, d quel oento in poi, in ssenz di qulsisi ttito, non è più necessi un foz nell diezione istntne di pe ntenee l su intensità costnte. D lto cnto non possio neeno escludee che un tle foz ci si: d esepio qundo un uto pecoe un cu può flo con elocità di odulo costnte, nche ccelendo in intensità. Allo stesso odo, qundo tentio di podue con l no il oto cicole in un peso ggncito d un cod, dobbio pi ettelo in oto, esecitndo un foz nell diezione dell elocità. Successiente copio due zioni: ntenendo fe l no tiio l cod in odo d costingee il peso desciee l ciconfeenz, ed ogni tnto doeo pue de un colpetto nell diezione dell elocità pe copense l zione degli ttiti e dell gità, che tendono f diinuie l intensità dell elocità d noi inizilente ipess. el seguito ci occupeeo dell cinetic del oto cicole in cui l intensità dell elocità ine costnte, che chieeo oto cicole unifoe. el oto cicole unifoe, d essee costnte è dunque solo, ente cbi ogni istnte diezione. B F A s A F? oe possio ice l ccelezione lungo l diezione dile? Peso un punto in oto cicole unifoe di ggio, consideio un co di ciconfeenz AB, e l intello di tepo t che occoe l punto pe pecoelo. In questo stesso tepo il ggio dell ciconfeenz à spzzto l ngolo e l elocità à cbito diezione pssndo d A B A O. Poiché si B A che B sono pependicoli l ggio, se li ipotio con un oigine coune, è iedito concludee che nche l elocità h spzzto lo stesso ngolo. Dl etodo di punt-cod pe l so dei ettoi si B iconosce subito che il ettoe che unisce le punte di e A è il ettoe B diffeenz, cioè d cui. A B B A onsideio o il tingolo delle elocità ed il tingolo AOB: sono entbi isosceli e con un ngolo ugule, petnto sono siili: 3

4 A B 0 90 Diidio pe s t bo i ebi e iodinio: s t t Qundo tende zeo l intello tepole diiene il odulo dell elocità istntne. Il ppoto t, sppio che il ppoto t s t dient inece il odulo dell ccelezione istntne, l cui diezione si ntiene sepe pllel e così ll fine isult pependicole. Inftti nel tingolo delle elocità, qundo 0 si h 90 doendo l so inee ugule 180. L chiio quindi ccelezione centipet, in qunto diett lungo il ggio puntndo eso il cento. Quindi sostituendo nell elzione pecedente t con dell ccelezione centipet le: e s t con si to che l intensità Esepio 1 Sop d un pino oizzontle, un pllin di ss lncit in un guid cicole di ggio copleto in Kg iene 0.00 e pecoe un gio 1.45 s. Assuendo che il odulo dell elocità si isto costnte dunte il gio, clcole l ccelezione centipet dell pllin e l foz nole esecitt su di lei dll guid. Toio innnzitutto il odulo dell elocità: /s 1.45 s 1.45 Fissio quindi un ifeiento sul pino con l oigine nel cento dell ciconfeenz e consideio l istnte in cui l pllin tgli l sse delle scisse coe in figu. In diezione oizzontle gisce l foz nole, ente l ccelezione le ( / ; 0 ) : e pe l ccelezione centipet si h: /s

5 os si intende con il teine foz centipet? Se un pticell di ss segue un oto cicole unifoe di ggio, lungo l diezione dile istntne l second legge dell dinic si scie: F Si chi foz centipet l so delle coponenti in diezione dile di tutte le foze che giscono su di un pticell in oto cicole. F on si ttt quindi di un nuoo tipo di foz, solo del noe che sinteticente si ssegn ll isultnte delle foze che poducono l ccelezione centipet. el pecedente esepio 1 l foz centipet è fonit dll nole ll guid, in questo cso l unic d gie sull pllin in diezione dile. iflettio sul ftto che l foz nole è un foz pssi, che è in gdo di fonie sepe il loe che occoe pe costingee l oggetto pecoee l tiettoi cicole di quel ggio con quell elocità. Se d esepio il odulo dell elocità ddoppisse, l guid doebbe fonie un foz centipet ( ) 4 qutto olte più gnde, e così i finché l foz ichiest non dienisse così intens d piege l guid stess. E qunto ccde i teni che deglino pe e tentto di pecoee le cue elocità supeioe l ssio che il binio pote soppote senz defosi. L foz centipet può ee le oigini più diese: l tensione di un cod insiee ll gità poducono l foz centipet qundo si f uote un ss d un suo cpo, l ttito sttico f pneutici ed sflto fonisce l foz centipet che see pe f pecoee ll uto un cu, l foz di gità funge d foz centipet pe tenee l Lun in obit ttono ll Te, e così i. Esepio Un ss Kg ggncit l cpo di un fune lung iene ftt uote in un pino eticle, ipiendogli nel punto più in bsso un elocità 5.00 /s. L tiettoi è cicole il odulo dell elocità non ine costnte in qunto l ss è llentt dll gità ente sle ed è ccelet ente scende. Spendo che nel punto più in lto isult.3 /s, si clcolino l foz centipet, l ccelezione centipet e l tensione dell fune nelle posizioni di ssi e ini ltezz. T ell posizione di ini ltezz bbio, oento coincide con l diezione dile): T T g 5.00 T g ente l foz centipet e l ccelezione centipet lgono: lungo l sse (che in quel T 5

6 3 4 D B 1 3 E A F T g /s 50.0 /s el punto di ssi ltezz bbio, sepe lungo l diezione dile : T T g.3 T g ente l foz centipet e l ccelezione centipet lgono: F T g /s 10.8 /s iflettio sul ftto che l tensione dell cod non coincide con l foz centipet, nzi T ggiust il suo loe fcendosi ini qundo è iutt dll gità nel podue l foz centipet, coe ccde nel punto più lto, e fcendosi inece ssi qundo è contstt dll gità nel podue l foz centipet, coe ccde nel punto più bsso. Esepio 3 Un uto segue un std cu pocedendo elocità di odulo costnte. Si clcoli il odulo dell su ccelezione nei ttti AB, B, D, DE specificndo doe è ssio e doe inio. Lungo i ttti AB, D, DE, che sono chi di ciconfeenz, l ccelezione è solo centipet essendo il odulo dell elocità costnte. Si h: 4 ; ; 3 AB D 3 DE ente nel ttto ettilineo B essendo costnte il odulo dell elocità si h: 0 B Il ssio loe di ccelezione, tutt centipet, si h quindi dunte l cu di ggio inio DE, il inio loe di ccelezione centipet nell cu di ggio ssio AB, ente il inio loe di ccelezione in ssoluto è il loe nullo che si h nel ttto ettilineo B. 3 f s Esepio 4 Un utoobile di ss 1500 Kg pecoe un cu cicole di ggio 40.0 ll elocità di 15.0 /s. Si toi qunto le l foz centipet. Spendo poi che il coefficiente di ttito sttico f pneutici ed sflto è 0.950, si clcoli l ssi elocità ll qule l uto può pecoee l s cu e l foz centipet in questo secondo cso. 6

7 L foz centipet è fonit tutt dll foz di ttito sttico f, e l su s diezione è pependicole quell in cui nzno le uote. el pio cso f s non ggiunge il suo loe ssio, sppio peò che l su intensità soddisf l condizione 0 f. Indicndo con l diezione dile s s istntne coe in figu, si h: f f s s 40.0 Pe ee l elocità ssi dobbio clcole inece popio l ssi foz di ttito sttico s e quindi toe. Dll equilibio in diezione eticle si h: 0 g 0 g che sostituito nell elzione pecedente: f g s s s g /s. s In questo cso pe l foz centipet isult F Esepio 5 Un utoobile di ss 1300 Kg, che iggi ll elocità costnte di 10.5 /s, pss sop d un dosso il cui pofilo può essee consideto un ciconfeenz di ggio Si dic, senz solgee lcun clcolo, se qundo l uto ggiunge l soità, l foz nole esecitt dl teeno è ggioe, inoe od ugule l peso dell ettu. Si clcolino quindi le intensità dell foz centipet e dell foz nole in quel oento. Qundo si to nel punto più lto l uto st desciendo un ciconfeenz, quindi dee gie su di lei un foz eticle che punt eso il cento. Questo signific che l so delle foze che giscono in eticle dee punte in bsso, cioè l foz dee ee un intensità inoe di quell del peso. E ben not inftti l senszione di lleggeiento che d psseggei si speient sull soità dei dossi: quello che si pecepisce è popio l diinuzione dell foz nole, che coe sppio, inece, qundo sio in quiete est sepe ugule l peso. L foz centipet è il isultto delle zioni congiunte di e, che in eticle si sottggono. Ossendo l diezione dell sse eticle si h, d cui si ic pe l foz centipet: 7

8 10.5 F g ente pe l nole: g L Esepio 6 Un pllin di ss Kg, ppes d un filo lungo L 0.750, gi elocità di odulo costnte desciendo un ciconfeenz, ente l ngolo che il filo fo con l eticle ine sepe 5.0. Spendo che l pllin copie un gio in 1.50 s si toi l tensione del filo, l intensità dell foz centipet e l intensità dell ccelezione centipet. T Foz centipet lcolio innnzitutto il ggio dell tiettoi cicole: L sin sin e icio d questo il odulo dell elocità dell pllin: /s 1.50 s 1.50 e l intensità dell ccelezione centipet: /s Fissto un ifeiento nell istnte ppesentto in figu, sppio che in diezione eticle non c è ccelezione, poiché se l ngolo ine costnte, l pllin non può né slie né scendee. Si ottiene: T T cos 5.0 g 0 g T 3.5 cos L foz centipet è dt dll coponente oizzontle dell tensione, e coincide nche con l coposizione dt dll egol del pllelog dell tensione e del peso, poiché l isultnte di queste due foze, coe bbio detto, è tutt oizzontle: F T sin M Esepio 7 Sop d un pino, fisst d un cod, un ss Kg descie un oto cicole unifoe di ggio con elocità.50 /s. All lto cpo dell cod pende iobile, d un foo icto l cento del pino, un second ss M. Si toi il loe di M. Fissto un ifeiento con l diezione dile istntne lungo l sse, bbio che l foz centipet è fonit dll tensione dell cod: 8

9 .50 T T Pe l ss ppes, l condizione di equilibio ichiede che lungo l sse eticle si null l ccelezione: T T Mg 0 Mg T 5.63 d cui si ottiene: T 5.63 M Kg g 9.81 T M T Esepio 8 Un blocco di ss, sciol senz ttito lungo il pofilo di un igloo fo di sfe ente ggio, ptendo dl punto più lto con un elocità oizzontle così piccol d potesi considee null. Ad un ceto loe dell ngolo il blocco si stcc dll igloo, desciendo un tiettoi pbolic di cdut libe. Spiege peché si distcc e clcole qunto le l elocità in quell istnte. Fintnto che il blocco segue il pofilo dell igloo st desciendo un tiettoi cicole, e quindi occoe che le foze genti su di lui, nole e peso, poducno l foz centipet necessi. L nole coe sppio è un foz pssi, che degu n no l su intensità in conseguenz dell foz con l qule il blocco iene peuto conto l igloo. Se l igloo non ci fosse, il blocco seguiebbe sin dll inizio un tiettoi pbolic di cdut libe, che si toeebbe nello spzio occupto dl ghiccio. A no no che pocede l disces, quest tiettoi ipotetic si pendo sepe più peché uent l intensità dell elocità con cui l cdut libe ebbe inizio. ell istnte in cui l pbol dient tutt esten ll igloo, il blocco non iene più peuto conto il ghiccio e così si stcc. In quel oento, dto che cess di essee peuto, si nnull nche l foz nole. Scegliendo un ifeiento coe in figu, osseio che il odulo dell elocità non è unifoe, cesce dunte l cdut pe l zione dell gità. Il blocco seguià il pofilo cicole dell igloo solo fino qundo l so delle foze dili F iuscià podue l necessi foz centipet F g cos Iponendo l condizione tot sop, pe cui oento del distcco, si to l elocità: g cos g cos l nole si nnull l : cos = 0 diezione dile istntne 9

10 0 Esepio 9 Un utoobile di ss tent di eseguie il gio dell ote lungo un pist cicole di ggio. Si toi l elocità ini con l qule dee ie nel punto più lto dell pist. Pe pote eseguie il gio le uote dell uto deono ntenee sepe il conttto con l pist, in pticole nel punto più lto. Questo iene solo se in ogni oento l elocità istntne che l tiettoi di cdut libe che tende f desciee ll uto h l pte inizile esten ll pist, coe nell cu blu in figu. In tl odo l pist dee esecite un foz nole pe costingee l uto deie eso il cento, ed il conttto è ssicuto. Se icees l elocità istntne è così bss d podue un tiettoi di cdut libe inten ll pist (cu gill), il conttto iene eno. Qundo l condizione di conttto è soddisftt nel punto più lto, ess è cetente soddisftt nche nell inteo tgitto, dto che foz di gità f diinuie l intensità dell elocità n no che l uto sle. Indicndo con l elocità ll soità, in quel oento isult: g g L foz centipet piccol qunto inoe è che occoe pe ntenee l uto in pist è tnto più. Il loe inio di è quello cui bst l sol gità podue. Pe esso isult dunque 0 g g g nel punto più lto: Esepio 10 Un utoobile di ss pecoe un cu di ggio 150 ll elocità di 15.0 /s. Spendo che l std è inclint ed indicto con l ngolo che ess fo con l oizzontle, si toi il loe di che peette ll uto di pecoee l cu nche in ssenz di ttito f pneutici ed sflto. oe si ic dll figu l so ettoile dell foz nole e del peso debbono fonie l necessi foz centipet pe desciee un cu di ggio ll elocità ssegnt. Il secondo pincipio dell dinic in fo ettoile si scie: g L equzione sop scitt è fcilente isulizzbile in teini geoetici gzie l etodo di punt-cod. Si fo un tingolo di ipotenus ed i cui cteti ed g, in bse i dti del poble, deono essee ispettiente 10

11 oizzontle e eticle. Si diost fcilente che è pue l ngolo f ed g. isult dunque: 15.0 tn g g g tn (0.153) 8.69 Allo stesso isultto si peiene fcendo il ppoto delle coponenti oizzontle e eticle dell foz nole: g g 0 g 0 g tn g g Esepio 11 Disco che gi con l ss sop ed ttito 11

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

L elettrodinamica dei corpi in movimento 1 A. Einstein

L elettrodinamica dei corpi in movimento 1 A. Einstein L elettrodinamica dei corpi in moimento A Einstein È noto che l elettrodinamica di Maxwell - come la si interpreta attualmente - nella sua applicazione ai corpi in moimento porta a delle asimmetrie che

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

3. La matrice dei dati e le analisi preliminari 3.1 Introduzione

3. La matrice dei dati e le analisi preliminari 3.1 Introduzione 3. L mtice dei dti e le nlii pelimini 3. Intoduzione Pe elizze un nlii ttitic concenente fenomeni ziendli, o di qulii lt ntu, non bt ccogliee dti, biogn nche ognizzli in modo ppopito. Si che i dti poengno

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

I.12. Elementi di teoria dell urto

I.12. Elementi di teoria dell urto Corso di fisica generale a cura di Claudio Cereda rel. 5. 7 marzo 04 I.. Elementi di teoria dell urto Cos è un urto? L urto totalmente anelastico L urto elastico Il rallentamento dei neutroni Quesiti di

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da:

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Guida per l utente di BookDB Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Zerg Productions p u b blica anche: U lteriori infor m a zio ni sul sito: http://randor

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE

ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CON REPLICHE INTRODUZIONE Lo studio di un fenomeno non si deve limitareit alla valutazione dei singoli fattori in studio ma molto spesso è importante

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli