TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEORIA DELLA PROBABILITÀ II"

Transcript

1 TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15]

2 Indie 1 Clolo omintorio Introduzione Permutzioni Disposizioni Semplii Disposizioni on Ripetizione Cominzioni Coeffiienti Binomili Formul del Binomio di Newton Conlusione ed esempi riepilogtivi Eserizi riepilogtivi I Contriuti 10 [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

3 Cpitolo 1 Clolo omintorio 1.1 Introduzione Il Clolo Comintorio è quell prte dell mtemti he determin e ont i rggruppmenti he si possono formre on k oggetti di un insieme finito di n oggetti seguendo, di volt in volt, regole definite priori. Tli rggruppmenti si possono, inftti, ostruire tenendo onto di lune rtteristihe he li denotno. Essi possono vrire per: omposizione, ioè per i diversi oggetti he vi fnno prte; ordine, ioè per l divers posizione oupt dgli oggetti; ripetizione, ioè per l possiilità he un oggetto ompi più volte. 1.2 Permutzioni Esempio Dto l insieme A {,, }, qunti sono i modi in ui possimo riempire 3 selle usndo gli elementi di A? Se è il primo elemento dell tern, i sono 2 possiilità per riempire le selle suessive:,, e,, ; llo stesso modo, se il primo elemento è (oppure ) si ottengono le terne,, e,, (oppure,, e,, ). Shemtimente: In definitiv i sono 6 modi diversi di riempire le 3 selle usndo gli elementi di A:,,,, [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

4 1.3 Disposizioni Semplii 2 Definizione Diremo Permutzioni Semplii di n oggetti i rggruppmenti he si possono fre on gli n oggetti presi n n; due permutzioni differisono tr loro solo per l ordine. Volendo ontre le permutzioni, immginimo di dover riempire n selle on gli n oggetti: imo n modi diversi per riempire l prim sell, ne rimngono solo (n-1) per l seond, (n-2) per l terz,..., solo uno per l ultim. Complessivmente i srnno n (n 1) (n 2) modi diversi per riempire le n selle. Indindo on P n il numero delle permutzioni, imo: P n n (n 1) (n 2) Il numero n (n 1) (n 2) è himto n fttorile, il suo simolo è n! e per onvenzione 0!1 e 1!1. Inoltre, lo studente ttento noterà filmente he dll definizione segue he Periò possimo nhe srivere: n! n (n 1)! P n n (n 1) (n 2) n! n N Esempio Dto l insieme A {, m, o, r}, qunte prole (nhe prive di signifito) si possono formre utilizzndo un sol volt gli elementi di A? Se è l prim letter dell prol, i sono 3 possiilità per segliere l seond, ne restno 2 per segliere l terz e solo un per ompletre l prol: mor, mro, omr, orm, rmo, rom; llo stesso modo, se l prim letter è m si ottengono le prole mor, mro, mor, mor, mro, mro; llo stesso modo, se l prim letter è o si ottengono le prole omr, orm, omr, omr, orm, orm; llo stesso modo, se l prim letter è r si ottengono le prole rmo, rom, rmo, rmo, rom, rom; In definitiv i sono 24 ioè P 4 4! prole diverse formte on gli elementi di A. Eserizio In qunti modi diversi 5 mii ptentti possono prendere posto in un mhin omologt per 5? Eserizio In qunti modi diversi 6 psseggeri possono sedersi in un fil di 6 posti di un ereo? 1.3 Disposizioni Semplii Esempio Dto l insieme A {,, }, qunti sono i modi in ui possimo riempire 2 selle usndo gli elementi di A? Se è il primo elemento dell oppi, i sono 2 possiilità per riempire l sell suessiv:, e, ; llo stesso modo, se il primo elemento è (oppure ) si ottengono le oppie, e, (oppure, e, ). Shemtimente: [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

5 1.4 Disposizioni on Ripetizione 3 In definitiv i sono 6 modi diversi di riempire le 3 selle usndo gli elementi di A:,,,, Definizione Diremo Disposizioni Semplii di n oggetti presi k k i rggruppmenti he si possono fre on k degli n oggetti; due disposizioni differisono tr loro per lmeno un oggetto oppure per l ordine. Volendo ontre le disposizioni semplii, immginimo di dover riempire k selle on gli n oggetti: imo n modi diversi per riempire l prim sell, ne rimngono solo (n-1) per l seond, (n-2) per l terz,..., (n-k+1) per l k-esim. Complessivmente i srnno n (n 1) (n 2)... (n k + 1) modi diversi per riempire le k selle. Indindo on D n,k il numero delle disposizioni semplii, imo: D n,k n (n 1) (n 2)... (n k + 1) n, k N, k n Lo studente ttento noterà he d qunto visto finor si ottiene filmente he: D n,k n! (n k)! Esempio Dto l insieme A {, m, o, r}, qunte prole (nhe prive di signifito) si possono formre utilizzndo un sol volt 2 degli elementi di A? Se è l prim letter dell prol, i sono 3 possiilità per segliere l seond e quindi ompletre l prol: m, o, r, ; llo stesso modo, se l prim letter è m si ottengono le prole m, mo, mr; llo stesso modo, se l prim letter è o si ottengono le prole o, om, or; llo stesso modo, se l prim letter è r si ottengono le prole r, rm, ro. In definitiv i sono 12 ioè D 4,2 4 3 prole diverse formte on 2 degli elementi di A. Eserizio In qunti modi diversi 5 mii possono sedersi sui 3 posti lieri di un inem per ssistere ll proiezione di un film (onsiderimo diversi due modi he differisono per l ordine)? Eserizio In qunti modi si possono determinre pssword diverse prendendo 4 elementi distinti dll insieme A {1, 2, 3, 4, x, y}? 1.4 Disposizioni on Ripetizione Esempio Dto l insieme A {, }, qunti sono i modi in ui possimo riempire 3 selle usndo gli elementi di A nhe ripetuti più volte? Se è il primo elemento dell tern, le possiilità per riempire le due selle suessive sono:,,, ; llo stesso modo, se il primo elemento è si ottengono le terne,,,. Shemtimente: [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

6 1.5 Cominzioni 4 In definitiv i sono 8 modi diversi di riempire le 3 selle usndo gli elementi di A:,,,,,,, Definizione Diremo Disposizioni on Ripetizione di n oggetti presi k k i rggruppmenti he si possono fre on k degli n oggetti; due disposizioni on ripetizione differisono tr loro per lmeno un oggetto oppure per l ordine e uno stesso oggetto può essere ripetuto fino k volte. Volendo ontre le disposizioni on ripetizione, immginimo di dover riempire k selle on gli n oggetti: imo n modi diversi per riempire l prim sell, nor n modi diversi per l seond, n modi diversi per l terz,..., n modi nhe per l k-esim. Complessivmente i srnno n k modi diversi per riempire le k selle. Indindo on D n,k il numero delle disposizioni on ripetizione, imo: D n,k n k n, k N Osservzione. Si noti he mentre per lolre il numero delle disposizioni semplii deve essre k n, per le disposizioni on ripetizione k è un nturle qulsisi. Esempio Dto l insieme A {, m, o, r}, qunte prole (nhe prive di signifito) si possono formre utilizzndo nhe ripetuti 2 degli elementi di A? Se è l prim letter dell prol, i sono 4 possiilità per segliere l seond e quindi ompletre l prol:, m, o, r, ; llo stesso modo, se l prim letter è m si ottengono le prole m, mm, mo, mr; llo stesso modo, se l prim letter è o si ottengono le prole o, om, oo, or; llo stesso modo, se l prim letter è r si ottengono le prole r, rm, ro, rr. In definitiv i sono 16 ioè D 4,2 4 2 prole diverse formte on 2 degli elementi di A nhe ripetuti. Eserizio In qunti modi diversi si possono disporre i simoli 1, X, 2 sulle 13 olonne di un shedin del totolio? Eserizio In qunti modi si possono determinre pssword diverse prendendo 4 elementi nhe ripetuti dll insieme A {1, 2, 3, 4, x, y}? 1.5 Cominzioni Esempio Dto l insieme A {,, }, qunti sono i modi in ui possimo riempire 2 selle usndo gli elementi di A indipendentemente dl loro ordine? Ovvero, i stimo hiedendo qunti sottoinsiemi di 2 elementi possimo formre. Se è il primo elemento dell oppi, i sono 2 possiilità per riempire l sell suessiv:, e, ; se, invee, il primo elemento è si ottiene solo l oppi, perhè l oppi, equivle ll oppi, già trovt; se, invee, il primo elemento è non è nessun ltr oppi he non equivlg un delle preedenti. Shemtimente, ostruimo dpprim tutte le possiili oppie di 2 elementi riservndoi di eliminre suessivmente i doppioni ioè le oppie equivlenti in qunto differenti solo per l ordine: [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

7 1.5 Cominzioni 5 In definitiv i sono 3 modi diversi di riempire le 2 selle usndo gli elementi di A indipendentemente dl loro ordine:,, Definizione Diremo Cominzioni Semplii di n oggetti presi k k i rggruppmenti he si possono fre on k degli n oggetti indipendentemente dl loro ordine; due ominzioni differisono tr loro per lmeno un oggetto. Volendo ontre le ominzioni semplii, ontimo dpprim le disposizioni semplii di n oggetti presi k k e poi per eliminre i doppioni dividimo per il numero delle permutzioni di k oggetti. Indindo on C n,k il numero delle ominzioni semplii, imo: C n,k D n,k n (n 1) (n 2)... (n k + 1) P k k! n, k N, k n n (n 1) (n 2)... (n k + 1) Il numero è himto oeffiiente inomile, si legge n sopr ( ) k! ( ) n n k, il suo simolo è e per onvenzione 1. k 0 Periò possimo nhe srivere: Osservzione. Si noti he nell formul C n,k ( n k C n,k D n,k n (n 1) (n 2)... (n k + 1) P k k! il numero dei fttori numertore è k ome quelli presenti nel denomintore: kfttori { }} { C n,k D n,k n (n 1) (n 2)... (n k + 1) P k k (k 1) (k 2)... 1 } {{ } kfttori Esempio Un gruppo di 6 mii, Alessndro, Enrio, Fio, Giorgio, Mtteo e Rirdo vogliono ndre l inem m hnno solo 4 iglietti; in qunti modi diversi possono segliere i 4 fortunti? ) In questo so non è possiile he i sino delle ripetizioni e l ordine è indifferente. Se Alessndro è il primo fortunto, i sono 10 possiilità per ompletre il gruppo: usndo le inizili dei rgzzi vremo AEF G, AEF M, AEF R, AEGM, AEGR, AEMR, AF GM, AF GR, AF MR, AGMR se, invee, Alessndro st s ed Enrio è il primo dell list, i sono 4 possiilità per ompletre il gruppo: EF GM, EF GR, EF MR, EGMR infine se Alessndro ed Enrio rinunino, l uni possiilità è F GMR. In definitiv i sono 15 ioè C 6,4 D 6, P 4 4! ndre l inem gruppi diversi he possono [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

8 1.5 Cominzioni 6 Eserizio In qunti modi diversi 5 mii possono utilizzre 3 iglietti per ssistere d un prtit di lio? Eserizio Qunte rtelle isogn giore l Lotto per essere siuri di vinere un terno? Coeffiienti Binomili Aimo detto sopr he il numero delle ominzioni di n oggetti presi k k è ( ) n C n,k k voglimo pprofondire or luni spetti e proprietà di tli oeffiienti inomili. Dll definizione ( ) n n (n 1) (n 2)... (n k + 1) k k! segue immeditmente he ( n 1 ) n e ( n n Dimostrimo, inoltre, le due proprietà seguenti: ( ) n n! P 1 ) k k!(n k)! ( ) ( ) n n P 2 ) k n k ) 1 Dim. P 1 ) prtendo dl seondo memro dell uguglinz d dimostrre, si h: n! n (n 1) (n 2)... (n k + 1) (n k) (n k 1) k!(n k)! k!(n k)! n (n 1) (n 2)... (n k + 1) k! vendo semplifito numertore e denomintore per (n k)!. Dim. P 2 ) prtendo dl seondo memro dell uguglinz d dimostrre, si h: n (n 1) (n 2)... (n (n k) + 1) n (n 1) (n 2)... (k + 1) n (n 1) (n 2)... (k + 1) k! (n k)! (n k)! (n k)!k! n! k!(n k)! vendo moltiplito numertore e denomintore per k! e usto l preedente proprietà Formul del Binomio di Newton Teorem Dti due numeri reli, e un numero nturle non nullo n, vle l seguente uguglinz n ( ) ( + ) n n n k k k k0 [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

9 1.6 Conlusione ed esempi riepilogtivi 7 Dimostrzione. Osservimo dpprim he ( + ) n ( + ) ( + )... ( + ) } {{ } nfttori è un polinomio omogeneo di grdo n, ostituito d monomi l ui prte letterle è n, n 1, n 2 2,..., 2 n 2, n 1, n ; il prolem è individurne ( i rispettivi ) oeffiienti. n Il oeffiiente di n k k è perhè i modi diversi di moltiplire n k fttori uguli d on k k fttori uguli prendendoli d isuno degli n fttori uguli d ( + ) sono le ominzioni di n n (n 1) (n 2)... (n k + 1) oggetti presi k k, ioè C n,k. k! Lo studente ttento noterà l identità tr i oeffiienti del tringolo di Trtgli e i oeffiienti inomili. 1.6 Conlusione ed esempi riepilogtivi All inizio del pitolo i ervmo proposti di determinre e ontre i rggruppmenti he si possono formre on k oggetti di un insieme finito di n oggetti. Arrivti questo punto risult hiro he i sono diversi modi di proedere: se voglimo prendere tutti gli n oggetti e mirne solo l ordine, llor ottenimo le permutzioni; se voglimo prendere solo k degli n oggetti, senz ripeterli, onsiderndo diversi i rggruppmenti in ui l ordine è mito, ottenimo le disposizioni semplii; se voglimo prendere k oggetti, nhe ripetetendoli, pesndoli fr gli n oggetti dti, onsiderndo diversi i rggruppmenti in ui l ordine è mito, ottenimo le disposizioni on ripetizione; se voglimo prendere solo k degli n oggetti, senz ripeterli, non ontndo l ordine in ui gli oggetti sono disposti, ottenimo le ominzioni. Esempio Qunte sono le inquine he ontengono un determinto terno nel gioo dell tomol? I numeri disposizione sono 90, di ui 3 vengono fissti; per ompletre l inquin ne rimngono d segliere ltri 2 sugli 87 rimsti, non ontndo nè l ordine (estrrre prim 27 e dopo 81 o vievers è l stess os!) nè le ripetizioni (dopo ver estrtto un numero non viene rimesso nel shetto e quindi non può essere ripesto!), i possiili rggruppmenti sono le ominzioni di 87 oggetti presi 2 2, he sono C 87, Esempio Qunti sono i numeri di 4 ifre, divisiili per 5 e ontenenti solo le ifre 2,3,4,5? Le ifre disposizione sono 4 m l ultim è fisst (perhè un numero si divisiile per 5 deve finire per 5 o per 0, m noi imo disposizione solo il 5!) periò ne restno d segliere 3; i rggruppmenti he erhimo possono vere le ifre ripetute (uno dei numeri he possimo ottenere è 5555) e l ordine è rilevnte (2345 è diverso d 3245); si trtt, quindi, delle disposizioni on ripetizione di 4 oggetti presi 3 3, he sono D 4, Esempio Qunte linee d tto di 5 giotori isun si possono formre on 7 giotori? I giotori disposizione sono 7 di ui doimo seglierne 5; i rggruppmenti he erhimo non possono vere i giotori ripetuti m l ordine è rilevnte (mi l formzione se i giotori si mino di posizione); si trtt, quindi, delle disposizioni semplii di 7 oggetti presi 5 5, he sono D 7, [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

10 1.7 Eserizi riepilogtivi 8 Esempio Qunti ngrmmi, nhe privi di signifito, si possono ottenere dll prol pium? Le lettere disposizione sono 5 di ui doimo mire solo l ordine; si trtt, quindi, delle permutzioni di 5 oggetti, he sono P 5 5! Esempio Un urn ontiene 10 plline numerte d Nell estrzione ontemporne di due plline, lol l prolità dell evento E: i numeri estrtti sono entrmi pri. I si possiili sono i rggruppmenti di 10 oggetti presi 2 2; non essendoi ripetizioni e non ontndo l ordine, si trtt delle ominzioni di 10 oggetti presi 2 2, he sono C 10, I si fvorevoli sono i rggruppmenti di 5 oggetti (i soli pri fr 1 e 10 ompresi) presi 2 2; non essendoi ripetizioni e non ontndo l ordine, si trtt delle ominzioni di 5 oggetti presi 2 2, he sono C 5, L proilità ert, seondo l definizione lssi, è p(e) Eserizi riepilogtivi Eserizio Qunte sono le inquine he ontengono un determint qutern nel gioo dell tomol? Eserizio Qunte sono le inquine he ontengono un determinto mo nel gioo dell tomol? [ ] Eserizio Qunti sono i numeri di 4 ifre, divisiili per 5 e ontenenti solo le ifre 2,3,4,5 minori di 5000? [86] [ ] Eserizio Qunte linee d tto di 5 giotori isun si possono formre on 7 giotori, tenendo fiss l l destr (he è sempre un giotore in tto)? Eserizio Qunti ngrmmi, nhe privi di signifito, si possono ottenere dll prol penn? (Si prl, in questo so, di permutzioni on ripetizione) [ P5 120 ] P Eserizio Qunti ngrmmi, nhe privi di signifito, si possono ottenere dll prol nonn? [ P5 120 ] P Eserizio Qunti ngrmmi, nhe privi di signifito, si possono ottenere dll prol nonno? [ P5 120 ] P 3 P [360] [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

11 1.7 Eserizi riepilogtivi 9 Eserizio Dti 10 punti in un pino, 3 3 non llineti, qunte rette si possono trire ongiungendo i punti 2 2? Eserizio Dti 5 punti in un pino, 3 3 non llineti, qunte tringoli si possono trire ongiungendo i punti 3 3? Eserizio In un urn i sono 20 plline numerte d 1 20 e 5 di queste sono inhe, mentre le rimnenti sono di un ltro olore. Qunte quterne si possono estrrre in modo he in ognun di esse i si lmeno un pllin in? (Togli d tutte le possiili quterne quelle he non ontengono lun pllin in) [45] [10] [3480] Eserizio In un ssetto i sono inque pi di lzini di 5 olori diversi. Qul è l proilità di estrrre un pio di lzini dello stesso olore (l uio, nturlmente!)? [ ] 1 9 Eserizio In un ssetto i sono inque pi di lzini di 5 olori diversi, di ui un pio ino. Qul è l proilità di estrrre il pio di lzini ino (l uio, nturlmente!)? (suggerimento: si onsiderino gli eventi A: il primo lzino estrtto è ino B: il seondo lzino estrtto è ino B A: entrmi i lzini estrtti sono inhi B A: il seondo lzino estrtto è ino nell ipotesi he nhe il primo lo fosse p(b A) p(a) p(b A)) [ ] 1 45 Eserizio Un urn ontiene 10 plline numerte d Nell estrzione ontemporne di due plline, lol l prolità dell evento E: i numeri estrtti sono entrmi dispri. [ ] 2 9 Eserizio Un urn ontiene 10 plline numerte d Nell estrzione ontemporne di due plline, lol l prolità dell evento E: i numeri estrtti sono uno pri e uno dispri. [ ] 5 9 Eserizio Un urn ontiene 10 plline numerte d Nell estrzione ontemporne di tre plline, lol l prolità dell evento E: ese il 3. [ ] 3 10 Eserizio Un mrinio dispone di 5 ndiere di olori diversi; qunti messggi differenti può invire utilizzndo fino tre ndiere, potendo riutilizzre l stess ndier? E qunti, invee, non potendol riutilizzre? [155; 85] Eserizio Nel lnio di 5 ddi regolri qul è l proilità di ottenere ome somm un numero pri? (Test di mmissione ll folità di Mediin, 2012) [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

12 Prte I Contriuti [134-15] - ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

13 Contriuti e lienz Eri Botto Alger I - Alger II - Insiemi - Eserizi di geometri metri Benimino Bortelli Grfii Roerto Crrer Coordintore progetto - Numeri - Funzioni - Alger Linere - Integrzione - Mtemti 5 - Sttisti desrittiv Moren De Poli Lortorio mtemti Piero Fntuzzi Alger I - Alger II - Insiemi - Eserizi di geometri metri Cterin Fregonese Anlisi (Integrzione) - Eserizi Crmen Grnzotto Funzioni - Anlisi (Integrzione) Frn Gressini Funzioni - Sttisti desrittiv - Teori dell proilità I - Teori dell proilità II - Teori dell proilità III Betrie Hitthler Funzioni trsendenti - Geometri nliti - Numeri omplessi - Anlisi - Mtemti 5 Teori dell proilità I - Teori dell proilità II Lui Perissinotto Funzioni trsendenti - Geometri nliti - Numeri omplessi - Anlisi - Mtemti 5 Teori dell proilità I - Teori dell proilità II Pietro Sinio Geometri I - Geometri II STUDENTI Mtteo Alessndrini lsse VA Alger Linere L presente oper è distriuit seondo le ttriuzioni dell Cretive Commons. L versione orrente è l. In prtiolre hi vuole redistriuire in qulsisi modo l oper, deve grntire l presenz dell prim di opertin e dell inter Prte Contriuti ompost di prgrfi: Contriuti e lienz. Settemre 2014 Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ ELEMENTI DI CALCOLO ALGEBRICO Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 0 60 0 80 90 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle lterntive. n Confront le tue risposte

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 50 0 70 0 0 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle 5 lterntive. n Confront le tue risposte on le soluzioni. n Color, prtendo d

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

Formule di Gauss Green

Formule di Gauss Green Formule di Guss Green In queste lezioni voglimo studire il legme esistente tr integrli in domini bidimensionli ed integrli urvilinei sull frontier di questi. In seguito i ouperemo del problem nlogo nello

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Terza. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Terza. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Terz Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

a è detta PARTE LETTERALE

a è detta PARTE LETTERALE I MONOMI Si die MONOMIO un espressione letterle in ui le unihe operzioni presenti sino il prodotto e l divisione. Esempio è detto COEFFICIENTE del monomio e è dett PARTE LETTERALE Un monomio si die ridotto

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Le grandezze scalari e le grandezze vettoriali

Le grandezze scalari e le grandezze vettoriali VETTORI I VETTORI DEL PINO Le grndezze slri e le grndezze ettorili Esistono grndezze determinte dl nmero he le misr rispetto n prefisst nità, ome per esempio l lnghezz, l re, il olme, il tempo Qeste grndezze

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Risoluzione. dei triangoli. e dei poligoni

Risoluzione. dei triangoli. e dei poligoni UNITÀ Risoluzione dei tringoli e dei poligoni TEORI Relzioni tr lti e ngoli di un tringolo qulunque (sleno) riteri per risolvere i tringoli qulunque 3 re dei tringoli 4 erhi notevoli dei tringoli 5 ltezze,

Dettagli

2^ Lezione. Equazioni di 1. Equazioni di 2. Equazioni fattoriali. Equazioni biquadratiche. Equazioni binomie. Equazioni fratte. Allegato Esercizi.

2^ Lezione. Equazioni di 1. Equazioni di 2. Equazioni fattoriali. Equazioni biquadratiche. Equazioni binomie. Equazioni fratte. Allegato Esercizi. Corso di Anli Alger di Bse ^ Lezione Equzioni di. Equzioni di. Equzioni fttorili. Equzioni iqudrtihe. Equzioni inomie. Equzioni frtte. Allegto Eserizi. EQUAZIONI ALGEBRICHE EQUAZIONI DI GRADO Con il termine

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

1. Elementi di Calcolo Combinatorio.

1. Elementi di Calcolo Combinatorio. . Elementi di Calolo Combinatorio. Prinipio Base del Conteggio Supponiamo he si devono ompiere due esperimenti. Se l esperimento uno può assumere n risultati possibili, e per ognuno di questi i sono n

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Monomi e polinomi. Verifica per la classe prima COGNOME... NOME... Classe... Data...

Monomi e polinomi. Verifica per la classe prima COGNOME... NOME... Classe... Data... Cpitolo Monomi e polinomi Monomi Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

I PRODOTTI NOTEVOLI. Nel calcolo letterale capita spesso di incontrare moltiplicazioni tra particolari polinomi.

I PRODOTTI NOTEVOLI. Nel calcolo letterale capita spesso di incontrare moltiplicazioni tra particolari polinomi. I PRODOTTI NOTEVOLI Nel lolo letterle pit spesso di inontrre moltiplizioni tr prtiolri polinomi. I reltivi sviluppi si ottengono pplindo le regole fin qui viste, m i risultti, opportunmente semplifiti,

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

ALCUNE OSSERVAZIONI SUI TRIANGOLI

ALCUNE OSSERVAZIONI SUI TRIANGOLI LUNE OSSERVZIONI SUI TRINGOLI ataloghiamo i triangoli seondo i lati seondo gli angoli 115 3 67 81 Esiste sempre il triangolo? Selte a aso le misure dei lati, è sempre possibile ostruire il triangolo? Quali

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Le equazioni di grado superiore al secondo

Le equazioni di grado superiore al secondo Le equzioni di grdo superiore l secondo ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 R. Folgieri 007-008 1 Teorem fondmentle dell lger Ogni equzione lgeric di grdo n h sempre n soluzioni, che possono essere

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Equazioni di primo grado

Equazioni di primo grado Cpitolo Equzioni i primo gro Equzioni i primo gro erifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic... 7 8 Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori...

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Matematica 15 settembre 2009

Matematica 15 settembre 2009 Nom: Mtriol: Mtmti 5 sttmbr 2009 Non sono mmss loltrii. Pr l domnd rispost multipl, rispondr brrndo o rhindo hirmnt un un sol lttr. Pr l ltr domnd srivr l soluzion on svolgimnto ngli spzi prdisposti..

Dettagli

Geometria analitica +l piano cartesiano Le funzioni retta, parabola, iperbole Le trasformazioni sul piano cartesiano

Geometria analitica +l piano cartesiano Le funzioni retta, parabola, iperbole Le trasformazioni sul piano cartesiano Geometri nliti +l pino rtesino Le funzioni rett, prol, iperole Le trsformzioni sul pino rtesino SEZ. P +l pino rtesino Osserv le oorinte ei seguenti punti: (, 0), (, ), C(, +), D + +, E(+, 9)., Che os

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

Veneziane e tende tecniche

Veneziane e tende tecniche DECORAZIONE 04 Montre Venezine e tende tenihe 1 Gli ttrezzi LIVELLA A BOLLA RIGHELLO METRO TRAPANO VITI E TASSELLI MATITA CACCIAVITE SEGA PER METALLO TAGLIALAMELLE PER VENEZIANE FORBICI PER TENDE A RULLO

Dettagli

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA ŠIFRA DRŽAVNO TAKMIČENJE IX rzred UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA Test pregledl/pregledo...... Podgori,... 2010. godine ASCOLTO I Asolt un volt il testo. Leggi ttentmente l prov propost. Asolt di nuovo il

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Considerate gli insiemi A = {1,2,3,4} e B = {a,b,c}; quante sono le applicazioni (le funzioni) di A in B?

Considerate gli insiemi A = {1,2,3,4} e B = {a,b,c}; quante sono le applicazioni (le funzioni) di A in B? FUNZIONI E CALCOLO COMBINATORIO Il quesito assegnato all esame di stato 2004 (sientifio Ordinamento e PNI) suggerise un ollegamento tra funzioni ostruite tra insiemi finiti e Calolo Combinatorio QUESITO

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Equzioi espoezili e riti pg 1 Adolfo Sioe 1998 EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Fuzioe Espoezile Dto u uero rele positivo osiderio l fuzioe f : R R he d ogi eleeto R f orrispodere l'eleeto y =. Se =

Dettagli

Disequazioni di secondo grado

Disequazioni di secondo grado Disequzioni i seono gro Cpitolo Risoluzione lgeri Verifi per l lsse seon COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Disequazioni di primo grado

Disequazioni di primo grado Cpitolo Disequzioni i primo gro Risoluzione lgeri Verifi per l lsse seon COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del Questo mterile è stto prodotto dl progetto Progrmm di informzione e omunizione sostegno degli oiettivi di Gudgnre Slute del Ministero dell Slute /CCM, in ollorzione ol Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 8 Modulo 9 Gli smi on l estero I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno he, dopo ver pprofondito le proprie onosenze rigurdo lle rtteristihe e lle funzioni delle ziende merntili, e in prtiolre

Dettagli

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli.

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli. Sommrio Componenti per l elorzione inri ell informzione Approfonimento el orso i reti logihe M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Porte logihe 2 Il livello swith 3 Aspetti tenologii 4 Reti logihe omintorie

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

13. Caratterizzazione sperimentale

13. Caratterizzazione sperimentale B. Zurello rogettzione meni on mterili non onvenzionli 13.1. Generlità 13. Crtterizzzione sperimentle Nell progettzione on mterili ompositi è prssi piuttosto onsolidt vlutre le rtteristihe dell singol

Dettagli

Topologia Algebrica e Analisi Complessa

Topologia Algebrica e Analisi Complessa Ginluc Occhett Note di Topologi Algeric e Anlisi Compless Diprtimento di Mtemtic Università di Trento Vi Sommrive 14 38050 - ovo (TN) Not per l lettur Queste note rccolgono gli rgomenti (lcuni vriili

Dettagli

Calcolo combinatorio. Definizione

Calcolo combinatorio. Definizione Clcolo comitorio Lortorio di Bioiformtic Corso A 5-6 Defiizioe Il Clcolo Comitorio è l isieme delle teciche che permettoo di cotre efficietemete il umero di possiili scelte, comizioi, lliemeti etc. di

Dettagli

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta QUESTIONRIO PINO GENERLE DEL TRFFIO URNO ITTÀ DI MGENT nlisi dei dti ottenuti dll rolt dei Questionri onsegnti l Tessuto Imprenditorile e ommerile dell ittà di Mgent Relizzt d onfommerio Mgent e stno Primo

Dettagli

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone Mhin non ompltmnt spifit Sintsi Squnzil Sinron Sintsi Comportmntl i Rti Squnzili Sinron Riuzion l numro gli stti pr Mhin Non Compltmnt Spifit Comptiilità Vrsion l 5/12/02 Sono mhin in ui pr lun onfigurzioni

Dettagli

RBE4MT RICEVITORE MULTIUTENZA CARATTERISTICHE TECNICHE

RBE4MT RICEVITORE MULTIUTENZA CARATTERISTICHE TECNICHE NELLI UTOMTII TOMO SERIES SÉRIE TOMO UREIHE TOMO SERIE TOMO RIEVITORE MULTIUTENZ GER REMT Documentazione Tecnica T rev.. 0/00 ME NELLI UTOMTII 9RT-I I RTTERISTIHE TENIHE Ricevitore quadricanale a frequenza

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ I

TEORIA DELLA PROBABILITÀ I TEORIA DELLA PROBABILITÀ I Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [2015-16] Indice 1 Probabilità 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Eventi...............................................

Dettagli

Calcolo del costo unitario FASE 1

Calcolo del costo unitario FASE 1 ESERCIZIO Definizione el pino ei entri i osto e eterminzione el osto unitrio i prootto Clolo el osto unitrio FASE 1 Azien i prouzione: proue i eni,,, Il proesso prouttivo prevee 3 fsi o proessi prinipli:

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

LINGUAGGI FORMALI Esercizi

LINGUAGGI FORMALI Esercizi LINGUAGGI FORMALI Esercizi PPPPPP Nicol Fnizzi LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Corso di Informtic T.P.S. Diprtimento di Informtic Università di Bri Aldo Moro [2014/01/28-13:30:23] [ 2 / 14 ] Indice 1 Introduzione

Dettagli

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione.

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione. Le trsformzioni geometriche ITL 7 TERI Letture llo specchio! Ingegni, ossesso, nilin: tre esempi di plindromi, ovvero di prole che si possono leggere si d sinistr verso destr, si d destr verso sinistr.

Dettagli

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it)

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Rooti industrile Motori mgneti permnenti Prof. Polo Roo (polo.roo@polimi.it) Generzione di oppi L legge di Lorentz i die he un ri elettri q in moto on veloità v in un mpo mgnetio di intensità B è soggett

Dettagli

Le successioni di Fibonacci

Le successioni di Fibonacci Orzio Muscto Diprtimento di Mtemtic e Informtic Università degli studi di Ctni Le successioni di Fiboncci Complementi l corso di Istituzioni di Mtemtiche, Corso di Lure Specilistic quinquennle in Architettur,

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Diaz - Appunti di Statistia - AA 001/00 - edizione 9/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Capitolo 5. Chi quadro. Goodness-of-fit test. Test di simmetria. Taelle. Taelle m n. Correzione per la ontinuità. Test esatto

Dettagli

Sondaggio piace l eolico?

Sondaggio piace l eolico? Songgio pie l eolio? Durnte l inugurzione i Stell sono stti istriuiti ei questionri per vlutre l inie i grimento ell eolio prte ell popolzione Sono stti ompilti e quini nlizzti 50 questionri Quest presentzione

Dettagli

Circonferenza e cerchio La circonferenza e il cerchio Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza

Circonferenza e cerchio La circonferenza e il cerchio Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza ironferenz e erhio L ironferenz e il erhio Poligoni insritti e irosritti un ironferenz L ironferenz e il erhio Stilisi se le seguenti ffermzioni sono vere o flse. SEZ. M e f g h Il rpporto tr l lunghezz

Dettagli