ENERGIA CINETICA. T := 1 2 mv2. (1) T := N 1 2 m ivi 2. (2) i=1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIA CINETICA. T := 1 2 mv2. (1) T := N 1 2 m ivi 2. (2) i=1"

Transcript

1 ENERGIA CINETICA Teorema de energa cnetca Defnzone Per un punto P dotato d massa m e veoctà v, s defnsce energa cnetca a seguente quanttà scaare non negatva T := mv. () Defnzone Per un sstema dscreto d punt P,dotatdmassam cascuno con veoctà v,sdefnsce energa cnetca a seguente quanttà scaare non negatva P T := N m v. () Defnzone 3 Dato un sstema contnuo, per ogn punto P de sstema, sa ρ (P ) a funzone denstà d massa, aora a quanttà scaare energa cnetca s defnsce come T := R C ρ (P ) v (P ) dc. (3) Defnzone 4 Per un punto P dotato d massa m e veoctà v, sdefnsce potenza dea forza F a seguente quanttà scaare π := F v. (4) Consderamo un sstema materae costtuto da N punt matera P n movmento rspetto ad un osservatore nerzae. Per ogn punto P vae equazone fondamentae dea dnamca dove F è rsutante dee forze esterne, f èrsutantedeeforzenterne, m a = F + f + Φ + φ =,...,N., (5) Φ è rsutante dee reazon vncoar esterne, φ è rsutante dee reazon vncoar nterne. Teorema (de Energa Cnetca) Consderamo un sstema materae costtuto da N punt matera P n movmento rspetto ad un osservatore nerzae. Per ogn punto P vaga equazone fondamentae dea dnamca 5 rstretta ae forze attve nterne ed esterne, aora vae a seguente equazone dt dt = Π est. + Π nt. (6) 5

2 6 Dmostrazone. Motpchamo scaarmente cascuna equazone de sstema 5 peraveoctàdognpunto v. S ottene Ma m a v = d dt m a v = F v + f v. =,...,N. (7) m v v = d dt m v = F v + f v. =,...,N. (8) S è rcavato da equazone fondamentae dea dnamca, scrtta per un sstema d N punt, che a potenza dee forze agent su sngoo punto eguaga a dervata dea sua energa cnetca rspetto a tempo t. SommamoeN equazon scaar membroamembroeottenamo NX d dt m v = NX F v + NX f v = dt dt = Π est. + Π nt., (9) dove Π est. è a rsutante dea potenza dee forze esterne e Π nt. è a rsutante dea potenza dee forze nterne. Osservazone Mentre e equazon cardna dea dnamca convogono soo e forze esterne e oro moment, pochè R nt. =0e M O nt. =0, teorema de energa cnetca convoge a potenza dee forze nterne che, n generae può non essere nua. Esempo Due punt dotat d massa m e m conness da una forza eastca (moa) avent veoctà v e v. Osservazone La potenza dee forze nterne ne C.R. è nua Dmostrazone. Per defnzone Π nt. = NX f v. (0) ne atto d moto rgdo, possamo scrvere v = v O + ω nea precedente equazone fornsce NX NX h NX NX Π nt. = f v = f v O + ω P O = f v O + P O, che sosttuta h f ω P O = R nt. v O + ω M O nt., () ma n un C.R. R nt. =0per prncpo d azone e reazone e M O nt. =0per a stessa ragone. Osservazone 3 Se corpo è vncoato con vncoo sco (esterno a corpo) e fsso, apotenzadeareazonevncoareènua. Sevncoononèfsso n generae a potenza è dversa da zero.

3 Osservazone 4 Secorpoèvncoatoconrotoamentosenzastrscamentoe vncoo è fsso, a potenza dea reazone vncoare è nua. 7 Se vncoo non è fssoedèesternoasstema,apotenzaèdversadazero. Osservazone 5 Se vncoo d rotoamento senza strscamento è nterno a sstema, a potenza dee reazon vncoar nterne è nua. Pochè c è rotoamento senza strscamento, e veoctà de punt d contatto sono ugua v H = v K () e a potenza dee reazon vncoar dventa Π = R 0 v H R 0 v K =0. (3) S osserv che non è nua a potenza su sngoo corpo.

4 8 Osservazone 6 Se vncoo è sco ed è nterno a sstema, a potenza dee reazon vncoar è nua. Infatt e component norma dee veoctà de punt d contatto sono ugua e a potenza dee reazon vncoar dventa pochè Φ H = Φ K per P.A.R. v H,n = v K,n (4) Π = Φ H v H Φ K v K = Φ H v H,n Φ K v K,n =0, (5) Teorema (d Köng) L energa cnetca d un sstema n moto è par a energa cnetca d trasazone de sstema come se tutta a massa fosse concentrata ne barcentro pù energa cnetca de sstema reatva ad un osservatore trasante con barcentro stesso. Dmostrazone. Consderamo un sstema d punt P,dotatdmassam cascuno con veoctà v. L energa cnetca d questo sstema è par a T = N P m v, (6) dove v è a veoctà assouta. S consder un rfermento mobe. Pochè egame tra rfermento mobe e queo assouto vene espresso da v = v S + v re., (7) dove v S è a veoctà d trascnamento e v re. è a veoctà reatva. Sosttuendo ne espressone de energa cnetca, ottenamo T = N P m v S + v re. NP v S + v re. = m h v S + v re. + v S v re. = NP m v S + NP m v re. NP + m v S v re.. (8)

5 Con una sceta opportuna de rfermento mobe s può emnare termne msto. Scegamo rfermento mobe con orgne ne barcentro G de sstema trasante, ovvero v S = v G. Aora termne msto dventa NP m v S v re. = NP m vg v re. = NP ma per defnzone Q re. =0.Indefntva T = NP m v re. vg = m v re. G 9 vg = Q re. v G, (9) m v re. + mv G = T re. + mv G. (0) Ne caso partcoare de Corpo Rgdo, T re. è energa cnetca d un atto d moto rotatoro attorno a barcentro G. Cacoamo espressone generae de energa cnetca per un atto d moto rotatoro ntorno ad O. T = R C h ρ (P ) ω Se ponamo a = ω P O dc = R C h ρ (P ) ω h P O ω P O, b = ω e c = P O, T dventa P O dc R n h o C ρ (P ) a b c dc. () h a b c è un prodotto msto. Usando e permutazon ccche, ottenamo h a b c = b [ c a] (3) e espressone s può scrvere come T = ω R ρ (P ) C nh h P O ω () o P O dc, (4) ma espressone sotto segno d ntegrae corrsponde a momento dea quanttà d moto con poo n O, per cu T = ω Γ O = ω I ω. (5) Usando una terna prncpae d nerza reatva ad O, Γ O dventa Γ O =(I xx ω x ) +(I yy ω y ) j +(I zz ω z ) k, (6) con, j e k versor dea terna prncpae d nerza e energa cnetca assume a forma T = h hω x + ω y j + ω z k (I xx ω x ) +(I yy ω y ) j +(I zz ω z ) k

6 0 = Ixx ω x + I yy ω y + I zz ω z. (7) possamo rscrvere T n un atro modo. Se ω = ω ω = ω u u versore d ω, (8) ω aora T = ω ( u I u) = I uω, (9) dove I u è momento d nerza rspetto a asse d stantanea rotazone u k ω.qund Per un atto d moto rototrasatoro T = I ωω. (30) T = mv G + I ωω. (3) Osservazone 7 Ne caso de Corpo Rgdo, teorema de energa cnetca dscende dae equazon cardna ½ d Q = R dt est. d. (3) Γ dt G = M (G)est. Dmostrazone. Motpchamo scaarmente a prma equazone per v G easeconda per ω ( d Q v dt G = m a G v G = R est. v G d h Γ dt G ω = d (I dt xx ω x ) +(I yy ω y ) j +(I zz ω z ) k ω = M (G)est. ω. (33) Sommamo e due equazon membro a membro m a G v G + d dt Γ G ω = R est. v G + M (G)est. ω = Π est., (34) ma m a G v G + d dt Γ G ω = d dt mv G " + I xx ω x + I yy ω y j + I zz ω z d k + Ixx ω x dt + I d j yyω y dt + I d zzω # k z ω = d dt dt mv G ³ ³ ³ + hi xx ω x + I yy ω y j + I zz ω z k + Ixx ω x ω + I yy ω y ω j + I zz ω z ω k ω = d dt mv G + I xx ω x ω x + I yy ω y ω y + I zz ω z ω z + h ω Γ G ω = d dt mv G +I xx ω x ω x +I yy ω y ω y +I zz ω z ω z = d dt mv G + Ixx ω x + I yy ω y + I zz ω z = d dt T = Π est. (35)

7 Lavoro e Camp conservatv Partamo da espressone 6 e supponamo d ncudere, otre ae forze attve esterne e nterne, anche e forze reattve esterne ed nterne. La forma espressa da equazone 6 è nota come prma forma de teorema de energa cnetca. C proponamo, ora d rcavare a seconda forma d tae teorema. Motpchamo ambo membr de espressone 6 per dt. Srcava dt = Π est. dt + Π nt. dt + Π 0 est.dt + Π 0 nt.dt = Πdt, (36) dove con Π abbamo ndcato sntetcamente tutt tp d forze (attve, reattve, nterne ed esterne). Per defnzone d potenza dt = Πdt = F vdt = F d P dt dt = F d P = δl, (37) dove con δl ndchamo avoro eementare computo da una forza F (P, v, t) (o rsutante d forze esterne, nterne,... ) agente su d un punto materae (o sstema) n un ntervao d tempo nfntesmo dt. Iavoroeementare non èundfferenzae esatto. In coordnate cartesane, avoro eementare s può rappresentare come δl = F x dx + F y dy + F z dz. (38) Se ntegramo n un ntervao d tempo [t 0,t ] a quanttà 36, s ottene avoro L computo daa forza F Z t t 0 Z t t 0 Z t dt = T = Πdt = δl = L Z t [Π est. + Π nt. + Π 0 est. + Π 0 nt.] dt = L est. + L nt. + L 0 est. + L 0 nt.. (39) t 0 L equazone scaare T = L est. + L nt. + L 0 est. + L 0 nt. (40) esprme teorema de energa cnetca nea II forma: a varazone d energa cnetca n un quasas ntervao d tempo è uguae aa somma agebrca de avor esegut da tutte e forze esterne, nterne, attve e reatttve agent su d un sstema materae. Consderamo ora, ntervao d tempo [t 0,t ] durante quae punto (sstema d punt, corpo rgdo,...) passa daa poszone P 0 aa poszone P descrvendo una curva. Se punto n un ntervao d tempo dt subsce o spostamento dp = v (t) dt, avorocomputodaaforzaf eperdefnzone o, pù n generae L = Z t t 0 δl = Z P P 0 t 0 h F d P Z Z h L = δl = F d P che rappresenta un ntegrae d nea. In coordnate cartesane possamo scrvere Z Z h Z Z x Z y Z z δl = F dp = [F x dx + F y dy + F z dz] = F x dx+ F y dy+ F z dz. x 0 y 0 z 0 (4) (4) (43)

8 Defnzone 5 S dce che F è un campo d forze conservatvo se ntegrae ungo a nea dpende soo dag estrem P 0 e P. Una seconda defnzone equvaente è a seguente Defnzone 6 S dce che F è un campo d forze conservatvo se ntegrae ungo una quasas nea chusa (senza buch a nterno dea nea chusa) è nuo. Una terza defnzone è data da Defnzone 7 S dce che F èuncampodforzeconservatvoseessteunafunzone scaare regoare U U (x, y, z), detta funzone potenzae tae che δl = du. Condzone Necessara e Suffcente affnché campo d forze F sa conservatvo è che rot F =0, (44) dove rot F è rotore dea forza F. In questo caso, F s dce rrotazonae. In component cartesane rot F s può rappresentare come rotf j k µ = x y z F x F y F = Fz y F µ y Fz j z x F µ x + z Fy k x F x. y z (45) Aora F èdeaforma F = gradu, (46) dove gradu è gradente de potenzae U e n termn cartesan possamo scrvere F x + F y j + F z U k = x + U y j + U z k. (47) Se esste potenzae aora daa 43, possamo scrvere Z Z Z U U U L = [F x dx + F y dy + F z dz] = dx + dy + x y z dz = du = U (P ) U (P 0 ). (48) Esempo (Forza costante) Per esempo, a forza peso. La forza F ècostante n moduo, drezone e verso. Prendamo una terna d ass cartesan, tae che asse x sa paraeo ad F = F. Daa 48, s rcava F x = F = U x F y =0= U y = U (x) =Fx+ costante. (49) F z =0= U z Ne caso dea forza peso, se y è asse vertcae ascendente vettore p = p j e potenzae vae U (y) = py + costante, (50) mentre se y è asse vertcae dscendente vettore p = p j e potenzae vae U (y) =py + costante. (5)

9 3 Esempo 3 (Forza d tpo centrae) Sa O un punto fsso e ½ f (r) u forza repusva F = f (r) u forza attrattva, f (r) 0 e u = P O. (5) P O Fssamo una terna con orgne n O esar = p x + y + z F x = ±f (r) x r F y = ±f (r) y r F z = ±f (r) z r = U (r) U (r 0 )= Z r r 0 f (t) dt. (53) Infatt U x U y U z = ±f (r) r x = ±f (r) x r = ±f (r) r y = ±f (r) y r = ±f (r) r z = ±f (r) z r. (54) Esempo 4 (Forza eastca) Sa F dea forma F = k P O = kr u, (55) aora Z r U (r) = ktdt = kr + costante. (56) Esempo 5 (Forza gravtazonae newtonana) Sa F dea forma F = G Mm u, (57) r aora Z r U (r) = G Mm dt = G Mm t r + costante. (58) TeoremdConservazone. Conservazone dea quanttà d moto secondo un asse Daa prma equazone cardnae dea dnamca d dt Q = R est. + R 0 est., (59) se r è un asse fsso d versore u e ³ R est. + R est. 0 u =0= d Q u dt = d ³ Q u dt = Q u = costante durante moto (60)

10 4 Esempo 6 Asta d unghezza emassam Nea drezone x non agscono forze. Qund ³ Rest. + R est. 0 =0 = Q = Q x = mv Gx = costante durante moto (6) Scrvamoacoordnata ungo assex de barcentro Pochè Q x è costante, anche x G = x + cos θ = ẋ G = ẋ sn θ θ. (6) mv Gx = m µ ẋ sn θ θ = costante. (63) Durante moto ẋ = sn θ θ. (64). Conservazone de momento dea quanttà d moto Daa seconda equazone cardnae dea dnamca d dt Γ O + v O Q = M (O)est. + M (O)est., 0 (65) consderamo due cas: a) Se rspetto ad un poo O M (O)est. + M (O)est. 0 =0e v O Q =0 = Γ O = costante durante moto. (66) Esempo 7 Corpo bero pesante. La rsutante de moment dee forze attve e reattve rspetto a barcentro è nuo M (G)est. + M (G)est. 0 e v G Q = 0, pochè v G k Q.Aora Γ G =costante.

11 b) Se rspetto ad un poo O eadunassefsso r d versore u, v O Q =0e ³ M (O)est. + M (O)est. 0 u =0 = Γ O u = costante durante moto. (67) Esempo 8 Corpo Rgdo con asse fsso. Supponamo che asse fsso sa orentato come asse z.prendamo ³ come poo O un punto de asse, aora v O Q =0pochè v O =0. M (O)est. + M (O)est. 0 k =0.Infatt M (O)est. è un vettore perpendcoare a k, pochè a forza peso p ha a stessa drezone d k. o stesso vae per M (O)est. 0, pochè poo è un punto de asse fsso e a reazone vncoare de asse è sempre perpendcoare a asse stesso. Aora Γ O,z =costante. 3. Conservazone de Energa Consderamo un stema materae soggetto a forze attve conservatve (nterne ed esterne), a vnco estern fss e a vnco (ntern ed estern) non dsspatv o perfett. Da teorema de energa cnetca nea prma forma, possamo scrvere dt dt = Π est. + Π nt. = dt =(Π est. + Π nt. ) dt. (68) Per potes, e forze che stamo consderando sono conservatve, per cu dt =(Π est. + Π nt. ) dt = dl est. + dl nt. = du est. + du nt. = d (U est. + U nt. ). (69) Scrtto n modo compatto, s ottene che, ntegrata fornsce 5 d (T U est. U nt. )=0 (70) T (U est. + U nt. )=E = costante durante moto. (7) La costante E s dce energa meccanca totae. Se vnco fossero scabr (dsspatv), per teorema de energa cnetca s può scrvere dt = du + dl 0, (7) dove abbamo ndcato sntetcamente con U potenzae dee forze attve nterne ed esterne e con dl 0 avoro dee forze d reazone. S not che dl 0 < 0. In forma ntegrata, a precedente reazone dventa E (t) =E 0 + L 0. (73) Usando energa potenzae V a posto de potenzae U, sottene T +(V est. + V nt. )=E = costante durante moto.

12 6 Esempo 9 Consderamo ancora esempo dea fgura a pagna 4 e scrvamo un atro ntegrae prmo: ntegrae de energa T U = E. (74) Usamo teorema d Köng per cacoo d T T = mv G + I ωω = m µ ẋ G + ẏg m + θ. (75) Dobbamo esprmere ẋ G e ẏ G n termn d e θ ½ xg = x + cos θ ½ ẋg = ẋ y G = sn θ = sn θ θ ẏ G = cos θ θ, (76) aora T = m ẋ G + ẏg + µ " m µ θ = m ẋ θ sn θ + µ cos θ θ #+ m 4 θ = m ẋ ẋ sn θ θ + θ + m 4 4 θ = mẋ + m 6 θ mẋ sn θ θ. (77) S not che vg può essere cacoato usando teorema d composzone dee veoctà v G =( v trasc. + v re. ) = v trasc. + v re. + v trasc. v re., (78) dove v trasc. = ẋ, v re. = θ/ e angoo compreso tra v trasc. e v re. vae π/+θ. S ottene à vg = ẋ + θ 4 + ẋ θ! ³ π θ cos + = ẋ + θ 4 ẋ θ sn θ. (79) I potenzae vae U = mgy G = mg sn θ (80) e energa totae dventa mẋ + m 6 θ mẋ sn θ θ mg sn θ = E. (8) Sappamo che questo sstema ha un secondo ntegrae prmo: a quanttà d moto ungo asse x, espresso daa 63. Se supponamo, per fssare e dee, che come condzone nzae, asta sa n quete n poszone orzzontae, aora energa totae E n quea confgurazone è nua, per cu ( mẋ + m θ ³ mẋ sn θ θ mg sn θ = E =0 6 m ẋ sn θ θ =0 = ẋ = sn θ θ. (8)

13 7 Emnando ẋ ne sstema precedente, s ottene µ m sn θ θ + m 6 θ µ m sn θ θ sn θ θ mg sn θ m µ sn θ θ + m 6 θ mg sn θ =0 4 sn θ θ + 3 θ = g sn θ = θ =3g sn θ +3 4 sn θ θ. (83) Cacoamo, per esempo, a veoctà angoare quando asta passa per a vertcae, coè θ = π/. La precedente espressone dventa r θ = g = θ 3g = ±. (84) Per tornando ndetro r θ = π/ = θ 3g =, (85) r 3g θ =. (86) Esempo 0 S consder sstema d fgura formato da un dsco d massa m eraggor che rotoa senza strscare su un pano ncnato d massa M. I pano ncnato è bero d muovers rspetto ad un sstema d rfermento fsso senza attrto. Determnare moto de dsco sapendo che, per t =0 sstema s trova n quete con dsco nea poszone pù ata. Consderamo sstema d rfermento d fgura e osservamo che e forze n goco, attve e reattve s rducono aa soa forza peso. Pochè vnco non sono dsspatv, energa meccanca s conserva, come pure s conserva a componente dea quanttà d moto ungo asse x. CacoamoQ x Q x = Mẋ + m (ẋ + ṡ cos α) =costante. (87)

14 8 Pochè sstema s trova n quete a tempo t =0 Q x (t) =Q x (0) = 0. (88) Cacoamo energa cnetca T = T dsco + T p.ncnato,dove ½ T p.ncnato = Mẋ T dsco = mv G + I Gω (teorema d Köng). (89) Le coordnate de barcentro d G eereatveveoctàsono e ½ xg = x + s cos α y G = s sn α = T dsco = m ẋ G + ẏg + ½ ẋg = ẋ + ṡ cos α ẏ G = ṡ sn α µ mr ω µ µṡ mr (90) = m (ẋ + ṡ cos α) +(ṡ sn α) + R = mẋ + mṡ + mẋṡ cos α + 4 mṡ = mẋ mṡ + mẋṡ cos α. (9) Per rotoamento senza strscamento ω = ṡ/r. Come ne esempo precedente v G può essere cacoato con a composzone dee veoctà v G =( v trasc. + v re. ) = v trasc. + v re. + v trasc. v re., (9) dove v trasc. = ẋ, v re. = ṡ e angoo compreso tra v trasc. e v re. vae α. Segue che vg = ẋ + ṡ +ẋṡ cos (α). (93) Compessvamente T = T dsco + T p.ncnato = mẋ mṡ + mẋṡ cos α + Mẋ. (94) I potenzae vae e energa totae dventa U = mgy G = mgs sn α (95) (m + M) ẋ mṡ + mẋṡ cos α mgs sn α = E. (96) Dae condzon nza deducamo che E =0. Sfruttando a conservazone dea quanttà d moto 87, possamo esprmere ẋ n funzone d ṡ ẋ = m cos α ṡ, (97) m + M per cu espressone 96 dventa µ (m + M) m cos α m + M ṡ + 3 µ 4 mṡ + m m cos α m + M ṡ ṡ cos α mgs sn α

15 m cos α m + M ṡ mṡ m cos α m + M ṡ mgs sn α =0. (98) Isoando ṡ, s ottene µ 3 4 m cos α m + M ṡ = gs sn α = ṡ = gs sn α Se ponamo 4(m + M) g sn α a = 3(m + M) m cos α equazone precedente dventa Possamo rsovera n due mod (a) Estraamo a radce quadrata e rcavamo ṡ = ds dt = ± as = varab separab Qund 9 µ 4(m + M) 3(m + M) m cos α (99) = costante, (00) ṡ = as. (0) ds s = ± adt = s = ± at. (0) s (t) s (0) = ± a 4 t = s (t) = a 4 t, (03) dove abbamo usato a condzone nzae s (0) = 0 e abbamo scartato segno pochè o spostamento non avvene spontaneamente n sata. (b) Dervamo rspetto a tempo t, equazone 0 e ottenamo ṡ s = aṡ = s = a = s = a. (04) Abbamo dvso per ṡ con potes che ṡ 6= 0. L equazone dfferenzae è de secondo ordne. Dobbamo ntegrare due vote. s = a = ṡ (t) ṡ (0) = a t = ṡ (t) =a t, (05) dove abbamo usato a condzone nzae d quete ṡ (0) = 0. Integrando una seconda vota s rcava ṡ (t) = a t = s (t) s (0) = a 4 t = s (t) = a 4 t. (06) I teorem d conservazone enuncat fornscono deg ntegra prm de moto. (Q x = costante, Γ O,z = costante). G ntegra prm de moto sono funzon dee coordnate bere e dee oro dervate prme rspetto a tempo, che s mantengono costant durante moto.

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Elemento Finito (FE) per travi 2D

Elemento Finito (FE) per travi 2D Eemento Fnto (FE) per trav D Govann Formca corso d Cacoo Automatco dee Strutture AA. 9/1 Premesse a modeo modeo fsco prncp d banco e dsspazone { Pest P nt = { q u S u = P nt φ modeo smuato (dscretzzazone)

Dettagli

Rotazione di un corpo rigido intorno ad un asse fisso

Rotazione di un corpo rigido intorno ad un asse fisso INGEGNERIA GESTIONALE corso d Fsca Generale Prof. E. Puddu LEZIONE DEL 14 15 OTTOBRE 2008 Rotazone d un corpo rgdo ntorno ad un asse fsso 1 Cnematca rotazonale y Supponamo d osservare un corpo rgdo sul

Dettagli

urto v 2f v 2i e forza impulsiva F r F dt = i t

urto v 2f v 2i e forza impulsiva F r F dt = i t 7. Urt Sstem a due partcelle Defnzone d urto elastco, urto anelastco e mpulso L urto è un nterazone fra corp che avvene n un ntervallo d tempo normalmente molto breve, al termne del quale le quanttà d

Dettagli

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione Fondament d meccanca classca: smmetre e legg d conservazone d Marco Tulu A. A. 2005/2006 1 Introduzone Un corpo s dce omogeneo se ha n ogn suo punto ugual propretà fsche e chmche, ed è sotropo se n ogn

Dettagli

F E risultante t delle forze esterne agenti su P i. F forza esercitata t sul generico punto P ij del sistema da P : forza interna al sistema

F E risultante t delle forze esterne agenti su P i. F forza esercitata t sul generico punto P ij del sistema da P : forza interna al sistema DINAMICA DEI SISTEMI Sstema costtuto da N punt materal P 1, P 2,, P N F E rsultante t delle forze esterne agent su P F E F forza eserctata t sul generco punto P j del sstema da P : forza nterna al sstema

Dettagli

Algebra 2. 6 4. Sia A un anello commutativo. Si ricorda che in un anello commutativo vale il teorema binomiale, cioè. (a + b) n = a i b n i i.

Algebra 2. 6 4. Sia A un anello commutativo. Si ricorda che in un anello commutativo vale il teorema binomiale, cioè. (a + b) n = a i b n i i. Testo Fac-smle 2 Durata prova: 2 ore 8 1. Un gruppo G s dce semplce se suo unc sottogrupp normal sono 1 e G stesso. Sa G un gruppo d ordne pq con p e q numer prm tal che p < q. (a) Il gruppo G può essere

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte Lavoro, Energa e stabltà dell equlbro II parte orze conservatve e non conservatve Il concetto d Energa potenzale s aanca per mportanza a quello d Energa cnetca, perché c permette d passare dallo studo

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

Le forze conservative e l energia potenziale

Le forze conservative e l energia potenziale S dcono conservatve quelle orze che s comportano n accordo alla seguente denzone: La orza F s dce conservatva se l lavoro eseguto da tale orza sul punto materale P mentre s sposta dalla poszone P 1 alla

Dettagli

Il lavoro L svolto da una forza costante è il prodotto scalare della forza per lo spostamento del punto di applicazione della forza medesima

Il lavoro L svolto da una forza costante è il prodotto scalare della forza per lo spostamento del punto di applicazione della forza medesima avoro ed Energa F s Fs cos θ F// s F 0 0 se: s 0 θ 90 Il lavoro svolto da una orza costante è l prodotto scalare della orza per lo spostamento del punto d applcazone della orza medesma [] [M T - ] N m

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

2. Le soluzioni elettrolitiche

2. Le soluzioni elettrolitiche . Le soluzon elettroltche Classfcazone degl elettrolt: 1) soluzon elettroltche ) solvent onc: a) sal fus b) lqud onc 3) elettrolt sold Struttura del solvente Interazone one/solvente Interazone one/one

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

Unità Didattica N 5. Impulso e quantità di moto

Unità Didattica N 5. Impulso e quantità di moto Imnpulso e quanttà d moto - - Impulso e quanttà d moto ) Sstema solato : orze nterne ed esterne...pag. 2 2) Impulso e quanttà d moto...pag. 3 3) Teorema d conservazone della quanttà d moto...pag. 6 4)

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

CAMPI MAGNETICI E INDUZIONE ELETTROMAGNETICA

CAMPI MAGNETICI E INDUZIONE ELETTROMAGNETICA CAMPI MAGETICI E IDUZIOE ELETTOMAGETICA Quando s para d camp magnetc, pù propramente s para d: B r IDUZIOE MAGETICA (o denstà d fusso magnetco) H r ITESITÀ DI CAMPO MAGETICO r r L equazone che ega queste

Dettagli

LE FREQUENZE CUMULATE

LE FREQUENZE CUMULATE LE FREQUENZE CUMULATE Dott.ssa P. Vcard Introducamo questo argomento con l seguente Esempo: consderamo la seguente dstrbuzone d un campone d 70 sttut d credto numero flal present nel terrtoro del comune

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni:

Analisi ammortizzata. Illustriamo il metodo con due esempi. operazioni su di una pila Sia P una pila di interi con le solite operazioni: Anals ammortzzata Anals ammortzzata S consdera l tempo rchesto per esegure, nel caso pessmo, una ntera sequenza d operazon. Se le operazon costose sono relatvamente meno frequent allora l costo rchesto

Dettagli

Intorduzione alla teoria delle Catene di Markov

Intorduzione alla teoria delle Catene di Markov Intorduzone alla teora delle Catene d Markov Mchele Ganfelce a.a. 2014/2015 Defnzone 1 Sa ( Ω, F, {F n } n 0, P uno spazo d probabltà fltrato. Una successone d v.a. {ξ n } n 0 defnta su ( Ω, F, {F n }

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Esercizi di dinamica 2

Esercizi di dinamica 2 Esercizi di dinaica ) Un corpo di assa.0 kg si trova su un piano orizzontae scabro. I coefficiente di attrito statico tra corpo e piano è s 0.8. I corpo è sottoposto a azione di una forza orizzontae 7.0

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Lezione n.13. Regime sinusoidale

Lezione n.13. Regime sinusoidale Lezone 3 Regme snusodale Lezone n.3 Regme snusodale. Rcham sulle funzon snusodal. etodo de fasor e fasor. mpedenza ed ammettenza. Dagramm fasoral 3. Potenza n regme snusodale 3. Potenza attva e reattva

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

9.6 Struttura quaternaria

9.6 Struttura quaternaria 9.6 Struttura quaternara L'ultmo lvello strutturale é la struttura quaternara. Non per tutte le protene è defnble una struttura quaternara. Infatt l esstenza d una struttura quaternara é condzonata alla

Dettagli

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA 7. ERMODINMI RIHIMI DI EORI Introduzone ermodnamca: è lo studo delle trasformazon dell energa da un sstema all altro e da una forma all altra. Sstema termodnamco: è una defnta e dentfcable quanttà d matera

Dettagli

links utili:

links utili: dspensa d Govann Bachelet Meccanca de Sstem, maggo 2003 lnks utl: http://scenceworld.wolfram.com/physcs/angularmomentum.html http://hyperphyscs.phy-astr.gsu.edu/hbase/necon.html Momento della quanttà d

Dettagli

L = L E k 2 ENERGIA CINETICA DI ROTAZIONE. Espressione generica dell energia cinetica di rotazione: 1 ω

L = L E k 2 ENERGIA CINETICA DI ROTAZIONE. Espressione generica dell energia cinetica di rotazione: 1 ω NRGIA CINTICA DI ROTAZION k m R ) ( k R m R m spressone generca dell energa cnetca d rotazone: I k Se la rotazone aene ntorno ad un asse prncpale d nerza, allora: I L da cu: I L k NRGIA CINTICA DI ROTOTRASLAZION

Dettagli

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE GIOVANNI CRUPI, ANDREA DONATO SUMMARY. We characterze a set of

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2011-2012 lezione 22: 30 maggio 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2011-2012 lezione 22: 30 maggio 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2011-2012 lezone 22: 30 maggo 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/27? Eserczo Dmostrare che l equazone della frontera

Dettagli

1 La domanda di moneta

1 La domanda di moneta La domanda d moneta Eserczo.4 (a) Keynes elenca tre motv per detenere moneta: Scopo transattvo Scopo precauzonale Scopo speculatvo Il modello d domanda d moneta a scopo speculatvo d Keynes consdera la

Dettagli

ORIGINE DELL ATTIVITÀ OTTICA

ORIGINE DELL ATTIVITÀ OTTICA ORIGINE DELL ATTIVITÀ OTTICA Rccardo Zanas Dpartmento d Chmca, Unverstà dsalerno 1 a Scuola Estva Nazonale d Spettroscope Chroottche Potenza, 28 Gugno - 1 Luglo 2004 24 gugno 2004 1 1 Potere rotatoro Per

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Unverstà d Napol Parthenope acoltà d Ingegnera Corso d Metod Probablstc Statstc e Process Stocastc docente: Pro. Vto Pascazo 20 a Lezone: /2/2003 Sommaro Dstrbuzon condzonate: CD, pd, pm Teorema della

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

Il logaritmo discreto in Z p Il gruppo moltiplicativo Z p delle classi resto modulo un primo p è un gruppo ciclico.

Il logaritmo discreto in Z p Il gruppo moltiplicativo Z p delle classi resto modulo un primo p è un gruppo ciclico. Il logartmo dscreto n Z p Il gruppo moltplcatvo Z p delle class resto modulo un prmo p è un gruppo cclco. Defnzone (Logartmo dscreto). Sa p un numero prmo e sa ā una radce prmtva n Z p. Sa ȳ Z p. Il logartmo

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Problemi variazionali invarianti 1

Problemi variazionali invarianti 1 Problem varazonal nvarant 1 A F. Klen per l cnquantesmo annversaro del dottorato. Emmy Noether a Gottnga. Comuncazone presentata da F. Klen nella seduta del 26 luglo 1918 2. 1 Invarante Varatonsprobleme,

Dettagli

Analisi del moto pre e post urto del veicolo

Analisi del moto pre e post urto del veicolo Captolo Anals del moto pre e post urto del vecolo 3.1 Moto rettlneo p. xx 3.1.1 Accelerazone unforme p. xx 3.1. Dstanza per l arresto del vecolo ed evtabltà p. xx 3.1.3 Dagramm veloctà-tempo e dstanza

Dettagli

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013 Modul su un domno a deal prncpal Maurzo Cornalba versone 15/5/2013 Sa A un anello commutatvo con 1. Indchamo con A k l modulo somma dretta d k cope d A. Un A-modulo fntamente generato M s dce lbero se

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

Statistica e calcolo delle Probabilità. Allievi INF

Statistica e calcolo delle Probabilità. Allievi INF Statstca e calcolo delle Probabltà. Allev INF Proff. L. Ladell e G. Posta 06.09.10 I drtt d autore sono rservat. Ogn sfruttamento commercale non autorzzato sarà perseguto. Cognome e Nome: Matrcola: Docente:

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Determinazione del momento d inerzia di una massa puntiforme

Determinazione del momento d inerzia di una massa puntiforme Determnazone del momento d nerza d una massa puntorme Materale utlzzato Set d accessor per mot rotator Sensore d rotazone Portamasse e masse agguntve Statvo con base Blanca elettronca Calbro nteracca GLX

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione. β = 64

PROBLEMA 1. Soluzione. β = 64 PROBLEMA alcolare l nclnazone β, rspetto al pano stradale, che deve avere un motocclsta per percorrere, alla veloctà v = 50 km/h, una curva pana d raggo r = 4 m ( Fg. ). Fg. Schema delle condzon d equlbro

Dettagli

Unità Didattica N 29. Campo magnetico variabile

Unità Didattica N 29. Campo magnetico variabile Untà Ddattca N 29 Campo magnetco varable 1) Il flusso del vettore B 2) Esperenze d Faraday sulle corrent ndotte 3) Legge d Faraday-Newmann-Lenz 4) Corrent d Foucoult 5) Il fenomeno dell'autonduzone 6)

Dettagli

Premessa essa sulle soluzioni

Premessa essa sulle soluzioni Appunt d Chmca La composzone delle soluzon Premessa sulle soluzon...1 Concentrazone...2 Frazone molare...2 Molartà...3 Normaltà...4 Molaltà...4 Percentuale n peso...4 Percentuale n volume...5 Massa per

Dettagli

Soluzioni 3.1. n(n 1) (n k + 1) z n k! k + 1 n k. lim k

Soluzioni 3.1. n(n 1) (n k + 1) z n k! k + 1 n k. lim k (1) La sere bnomale è B n (z) = k=0 Con l metodo del rapporto s ottene R = lm k Soluzon 3.1 n(n 1) (n k + 1) z n k! c k c k+1 = lm k k + 1 n k lm k c k z k. k=0 1 + 1 k 1 n k = 1 (2) La multfunzone f(z)

Dettagli

Elettricità e circuiti

Elettricità e circuiti Elettrctà e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà Effetto termco della corrente esstenze n sere e n parallelo Legg d Krchoff P. Maestro Elettrctà e crcut

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Valutazione delle opzioni col modello di Black e Scholes

Valutazione delle opzioni col modello di Black e Scholes Valutazone delle opzon col modello d Black e Scholes Rosa Mara Mnnn a.a. 2014-2015 1 Introduzone L applcazone del moto Brownano all economa é stata nnescata prncpalmente da due cause. Attorno agl ann 70,

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 "SAN QUIRICO MARTIRE" PER EROGAZIONE CONTRIBUTI.

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 SAN QUIRICO MARTIRE PER EROGAZIONE CONTRIBUTI. - COMUNE D BUDDUSO'... :, PROVNCA D OLBA TEMPO CONVENZONE SCUO.A MATERNA SAN QURCO MARTRE (art. 2. comma 2.L.R. 25.06.984. N. 3 ) CONVENZONE TRA L COMUNE D BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA "SAN QURCO MARTRE"

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER presso A111stero dea Gustza CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER 17/12/2014 U-rsp/7378/2014 U-GF/ 14 111111111111111111111111111111 1111111111111111111111 Crc. n. 463/XV Sess. A

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

* PROBABILITÀ - SCHEDA N. 2 LE VARIABILI ALEATORIE *

* PROBABILITÀ - SCHEDA N. 2 LE VARIABILI ALEATORIE * * PROBABILITÀ - SCHEDA N. LE VARIABILI ALEATORIE *. Le varabl aleatore Nella scheda precedente abbamo defnto lo spazo camponaro come la totaltà degl est possbl d un espermento casuale; abbamo vsto che

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

E. Il campo magnetico

E. Il campo magnetico - 64 - - 65 - E. Il campo magnetco V è un mportante effetto che accompagna sempre la presenza d una corrente elettrca e s manfesta sa all nterno del conduttore sa al suo esterno: alla corrente elettrca

Dettagli

INDICI STATISTICI MEDIA, MODA, MEDIANA, VARIANZA

INDICI STATISTICI MEDIA, MODA, MEDIANA, VARIANZA Lezone 7 - Indc statstc: meda, moda, medana, varanza INDICI STATISTICI MEDIA, MODA, MEDIANA, VARIANZA GRUPPO MAT06 Dp. Matematca, Unverstà d Mlano - Probabltà e Statstca per le Scuole Mede -SILSIS - 2007

Dettagli

IL MAGNETISMO IL CAMPO MAGNETICO E ALTRI FENOMENI GSCATULLO

IL MAGNETISMO IL CAMPO MAGNETICO E ALTRI FENOMENI GSCATULLO IL MAGNETISMO IL CAMPO MAGNETICO E ALTRI FENOMENI GSCATULLO ( Il Magnetsmo La forze magnetca La forza Gà a temp d Talete (VI secolo a.c.), nell Antca Greca, era noto un mnerale d ferro n grado d attrare

Dettagli

Lezione mecc n.14 pag 1

Lezione mecc n.14 pag 1 Lezone mecc n.4 pag Argoment d questa lezone: Urt ra due corp Legg d conserazone negl urt ra due corp Urt stantane e orze mpulse Urt elastc ed anelastc Prm cenn a sstem d pù partcelle (energa d rotazone

Dettagli

Antonio Licciulli, Antonio Greco Corso di scienza e ingegneria dei materiali. Microstrutture, equilibrio e diagrammi di fase

Antonio Licciulli, Antonio Greco Corso di scienza e ingegneria dei materiali. Microstrutture, equilibrio e diagrammi di fase Antono Lccull, Antono Greco Corso d scenza e ngegnera de materal Mcrostrutture, equlbro e dagramm d fase 1 Fase Fase d un sstema è una parte d esso nella quale la composzone (natura e concentrazone delle

Dettagli

Meccanica dei sistemi di punti e corpi rigidi

Meccanica dei sistemi di punti e corpi rigidi Meccanca de sstem d punt e corp rgd 12 settembre 2017 Ths book s the result of a collaboratve effort of a communty of people lke you, who beleve that knowledge only grows f shared. We are watng for you!

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Lez. 10 Forze d attrito e lavoro

Lez. 10 Forze d attrito e lavoro 4/03/015 Lez. 10 Forze d attrto e lavoro Pro. 1 Dott., PhD Dpartmento Scenze Fsche Unverstà d Napol Federco II Compl. Unv. Monte S.Angelo Va Cnta, I-8016, Napol mettver@na.nn.t +39-081-676137 1 4/03/015

Dettagli

Motore ad induzione: modelli matematici e modelli per la simulazione. 1.1 Modelli matematici del motore ad induzione

Motore ad induzione: modelli matematici e modelli per la simulazione. 1.1 Modelli matematici del motore ad induzione OTOE AD INDUZIONE ODEI ATEATICI E ODEI PE A IUAZIONE otore ad nduzone: odell ateatc e odell per la sulazone. odell ateatc del otore ad nduzone Nello studo degl azonaent ndustral è necessaro rappresentare

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Introduzione... 2 Equazioni dei telegrafisti... 3 Parametri per unità di lunghezza... 7 Soluzione nel dominio della frequenza... 7 Risoluzione delle

Introduzione... 2 Equazioni dei telegrafisti... 3 Parametri per unità di lunghezza... 7 Soluzione nel dominio della frequenza... 7 Risoluzione delle Appunt d amp Elettromagnetc aptolo 8 parte I nee d trasmssone Introduone... Equaon de telegrafst... 3 Parametr per untà d lunghea... 7 Soluone nel domno della frequena... 7 soluone delle equaon de telegrafst...

Dettagli

Trasformazioni termodinamiche - I parte

Trasformazioni termodinamiche - I parte Le trasormazon recproche tra le energe d tpo meccanco e l calore, classcato da tempo come una delle orme nelle qual avvene lo scambo d energa, sono l oggetto d studo su cu s onda la Termodnamca, una mportante

Dettagli

Analisi dei Segnali. Sergio Frasca. Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza

Analisi dei Segnali. Sergio Frasca. Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza Sergo Frasca Anals de Segnal Dpartmento d Fsca Unverstà d Roma La Sapenza Versone 13 dcembre 011 Versone aggornata n http://grwavsf.roma1.nfn.t/sp/sp.pdf Sommaro 1 Introduzone: segnal e sstem... 7 1.1

Dettagli

GUGLIOTTA CALOGERO. Liceo Scientifico E.Fermi Menfi (Ag.) ENTROPIA

GUGLIOTTA CALOGERO. Liceo Scientifico E.Fermi Menfi (Ag.) ENTROPIA GUGLIOTTA CALOGERO Lceo Scentco E.Ferm Men (Ag.) ENTROIA Il concetto d processo termodnamco reversble d un dato sstema è collegato all dea che s possa passare dallo stato allo stato attraverso una successone

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA 1 ECONOMIA AZIENDALE. Cognome... Nome Matricola..

MATEMATICA FINANZIARIA 1 ECONOMIA AZIENDALE. Cognome... Nome Matricola.. MATEMATICA FINANZIARIA PROVA SCRITTA DEL 0 FEBBRAIO 009 ECONOMIA AZIENDALE Cognome... Nome Matrcola.. ESERCIZIO Un ndduo ha ogg a dsposzone una somma S0.000 che ha accumulato negl ultm ann tramte l ersamento

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

QUANTITA DI MOTO LEGGE DI CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA DI MOTO. Kg m/s. p tot. = p 1. + p 2

QUANTITA DI MOTO LEGGE DI CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA DI MOTO. Kg m/s. p tot. = p 1. + p 2 QUANTITA DI MOTO r p = r mv Kg m/s LEGGE DI CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA DI MOTO La quanttà d moto totale n un sstema solato s conserva, coè rmane costante nel tempo p tot = p 1 + p 2 = m 1 v 1 + m 2 v

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

FISICA per SCIENZE BIOLOGICHE, A.A. 2014/2015 Prova scritta del 24 Febbraio 2015

FISICA per SCIENZE BIOLOGICHE, A.A. 2014/2015 Prova scritta del 24 Febbraio 2015 FISICA per SCIENZE BIOLOGICHE, A.A. 04/05 Prova scrtta del 4 Febbrao 05 ) Un corpo d massa m = 300 g scvola lungo un pano nclnato lsco d altezza h = 3m e nclnazone θ=30 0 rspetto all orzzontale. Il corpo

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Il diagramma cartesiano

Il diagramma cartesiano Il dagramma cartesano Il pano cartesano Il dagramma cartesano è costtuto da due ass: uno orzzontale, l asse delle ascsse o della varable X, e uno vertcale, l asse delle ordnate o della varable Y. I due

Dettagli

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo Element d teora de goch Govann D Bartolomeo Unverstà degl Stud d Teramo 1. Descrzone d un goco Un generco goco, Γ, che s svolge n un unco perodo, può essere descrtto da una Γ= NSP,,. Ess sono: trpla d

Dettagli

Le forze conservative e l energia potenziale.

Le forze conservative e l energia potenziale. Ver.0 del /0/08 Le orze conservatve e l energa potenzale. Le orze conservatve La denzone generale d lavoro d (r ) ra un punto nzale ed un punto nale W d sembrerebbe mplcare che n generale l lavoro debba

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015)

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015) Proa d erfca n.0 lettronca I (26/2/2015) OUT he hfe + L OUT - Fgura 1 Con rfermento alla rete elettrca d Fg.1, determnare: OUT / OUT / la resstenza sta dal generatore ( V ) la resstenza sta dall uscta

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali Adattamento d una relazone 1 funzonale a dat spermental Sno ad ora abbamo vsto come può essere stmato, con un certo lvello d confdenza, l valore vero d una grandezza fsca (dretta o dervata) con l suo ntervallo

Dettagli