Appendice B. B Elementi di Teoria dell Informazione 1. p k =P(X = x k ) ovviamente, valgono gli assiomi del calcolo della probabilità: = 1;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice B. B Elementi di Teoria dell Informazione 1. p k =P(X = x k ) ovviamente, valgono gli assiomi del calcolo della probabilità: = 1;"

Transcript

1 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone Appendce B B Eleent d Teora dell Inforazone B Introduzone E noto da tepo che fenoen percettv possono essere foralzzat e studat edante la Teora dell Inforazone (TI) Attneave (954), asserva: La prncpale funzone d una acchna percettva consste nell elnazone dell nforazone rdondante, procedendo così ad una descrzone o codfca dell nforazone stessa n una fora pù econoca rspetto a quella presente su recettor In altr tern, pes snaptc d una rete neurale elaborano gl stol estern present su recettor (ngress della rete) L nforazone è, d conseguenza, asszzata quando l segnale passa ne var stad (o strat) d processaento della rete e rspettando opportun vncol E evdente, qund, che tra gl struent foral per lo studo delle ret neural, e pù n generale de crcut, debba essere presente anche la Teora dell Inforazone B Entropa Sa una varable aleatora (VA) dscreta quantzzata, n pratca, con un nuero fnto d lvell dstrbut unforeente, tale che: = { k k = 0, ±,, ±K} ; (K+) lvell, dove k, rappresenta l k-eso valore d, defnao la probabltà dell occorrenza dell evento = k coe: p k =P( = k ) ovvaente, valgono gl asso del calcolo della probabltà: 0 p k e pk = ; K k= K Se l evento = k occorre con probabltà par a, non c è sorpresa e percò non c è neanche nforazone Nel caso n cu p k <, allora saranno present anche altr valor (p >0 per k) ne segue allora, che l nforazone rcevuta sarà aggore In altre parole possao dre che l nforazone è correlata n qualche odo alla sorpresa a alla ncertezza Possao anche afferare che l nforazone è proporzonale all nverso della probabltà dell occorrenza Defnzone: s defnsce quanttà guadagno d nforazone, dopo l osservazone dell evento = k con probabltà p k ; la quanttà: I( k) = log = log pk pk I( k ) è una quanttà dscreta L unta d sura dell nforazone, se l logarto è a base, è l [bt] Quando l logarto è naturale, s usa l [nat] Propretà: I( k ) = 0 per p k = Ovvero, non c è guadagno d nforazone se l occorrenza l evento è certa I( k ) 0 per 0 p k Tratto da Haykyn: Neural Networks, 999

2 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 3 L evento = k può portare o non portare nforazone Scuraente, però, non c sarà perdta d nforazone 3 I( k ) > I( ) per p k < p L evento eno probable è quello che porta aggore nforazone Defnzone: s defnsce entropa l valore edo del guadagno d nforazone I( k ) relatvo a tutt (K+) lvell assbl K K H( ) = E I( ) = p I( ) = p log p [ ] k k k k k k= K k= K L entropa H() rappresenta una sura della quanttà eda dell nforazone portata da un essaggo Propretà: 0 H() (K+) H() = 0, se e solo se per qualche k, p k = Questo lte nferore concde con l evento certo 3 H() = log (K+), se e solo se p k =/(K+) per tutt k L entropa e assa se lvell sono equprobable, ovvero, dstrbut unforeente Tale lte superore vene defnto coe condzone d assa ncertezza La dostrazone della 3 è dervata dal seguente Lea: Data due dstrbuzon (d quanttà d asse) p k e q k, per una VA dscreta, allora la quanttà: Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 4 k p k pk log 0 qk è par a zero se e solo se p k = q k, per ogn k B3 Entropa relatva d Kullback-Lebler Sano p () e q () le probabltà che la VA sa nello stato sotto due dfferent condzon operatve desrtta da p e q; segue la Defnzone: S defnsce entropa relatva (o dvergenza o dstanza o cross-entropa), tra funzon d probabltà p () e q (); coe; p ( ) D = ( )log pq p ; 0 q ( ) dove con 0 s è ndcato l alfabeto de sbol della VA La quanttà q () rappresenta l rferento d sura L entropa relatva d Kullback-Lebler, a volte ndcata coe K(p,q), può essere presentata anche nel contesto della geoetra dfferenzale Aar(985), Aar (99), coe etrca d Reann nello spazo delle dstrbuzon Osservazone: l entropa relatva K(p,q), non è una vera dstanza, nfatt, non vale la propretà d setra: K(p,q) K(q,p); e può essere nterpretata coe una quas dstanza B4 Entropa dfferenzale I concett base della TI, possono essere faclente estes nel contesto delle varabl aleatore contnue Defnzone: Sa una VA contnua con funzone d denstà d probabltà (pdf) f () Per analoga con l caso d VA dscrete defnao entropa dfferenzale la quanttà:

3 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 5 [ ] h( ) = f( )log f( ) d = E log f( ) La h(), rappresenta una quanttà ateatca, puttosto che una sura della aleatoretà d La relazone tra la defnzone d entropa per VA dscrete e contnue può essere studata coe caso lte d una VA dscreta che assue l valore k =kδ, dove k = 0, ±, ±, e δ tende a zero Per defnzone la assue un certo valore costante nell ntervallo [ k, k +kδ ] con probabltà f ( k ) δ La entropa ordnara della VA può essere scrtta consderando l lte per δ tendente a zero coe: H( ) = l f ( ) δlog[ f ( ) δ] δ 0 k = = l f( k)[log f( k)] δ f( k) δ δ 0 + k= k= = f ( )log f ( ) d l log δ f ( ) d δ 0 = h ( ) l logδ δ 0 k k Rcordao che f ( ) d =, e che per δ tendente a zero la h() tende all nfnto Questo sgnfca che l entropa d una varable contnua è nfntaente larga potendo assuere nfnt valor con probabltà nfntesa nell ntervallo (, + ) Il problea relatvo al terne logδ può essere evtato consderando la defnzone d entropa dfferenzale In questo caso l terne -logδ è assunto coe rferento Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 6 Generalzzando al caso d VA vettoral = [,,, N ] l entropa dfferenzale è defnta coe: [ ] h( ) = f ( )log f ( ) d= E log f ( ) dove f () è la pdf congunta d Lea: entropa della dstrbuzone unfore Se una VA contnua è dstrbuta unforeente nell ntervallo [0, a] la sua entropa dfferenzale è h()=loga Infatt, dalla defnzone possao rcavare: a h( ) = log d = d log log a a a = a a Propretà: dell entropa dfferenzale h()=h(+c), per c=costante; 0 ovvero, la traslazone non caba l valore dell entropa h(a)=h() + log a, con a = fattore d scalatura nel caso d VA vettorale quest ulta dventa: 3 h(a)=h() + log det(a) B5 Prncpo d Massa Entropa Supponao d avere un sstea stocastco con un nsee noto d varabl d stato a con dstrbuzone sconoscuta Supponao, noltre, che per ezzo d un qualche eccanso d apprendento, sano not alcun vncol sulle funzon d probabltà della VA degl stat del sstea I vncol possono essere espress coe ede d nsee o coe valor lte sulle VA Consderao, ora, l problea della scelta d un odello d

4 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 7 probabltà che sa otto, secondo qualche crtero, n grado d foralzzare le conoscenze a pror sul sstea stocastco stesso È possble dostrare che esstono nfnt odell che soddsfano vncol not su cu è possble effettuare una scelta La rsposta al problea della scelta della dstrbuzone può essere affrontato nel contesto del prncpo della Massa Entropa (Ma Ent) (Jaynes 957, 98): Se una nferenza è fatta sulla base d nforazon ncoplete, occorre sceglere quella dstrbuzone che asszza l entropa ed è soggetta a vncol post dalla dstrbuzone In effett, la nozone d entropa fornsce gl struent per effettuare un nsee d sure n odo tale da favorre le pdf con alto valore d entropa Il prncpo d Massa Entropa può, qund, essere vsto coe un Problea d Ottzzazone Vncolato, che può essere rsolto per ezzo delle defnzon ntrodotte dall entropa dfferenzale Dato un nsee d pdf della VA, consderao l problea d deternare quella che asszza la: h( ) = f ( )log f ( ) d; soggetta a vncol: f () 0; dove l uguaglanza vale esternaente al supporto d f ( ) d = 3 f( ) g( ) d= α per =,,, dove g () è una qualche funzone d Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 8 I vncol espress dalle e dalle descrvono delle propretà fondaental delle pdf Le 3, nvece, dce che oent d dpendono dalla forulazone della funzone g () In effett la 3, soa le conoscenze a pror dsponbl sulla VA Per rsolvere tale problea d ottzzazone occorre defnre una funzone obettvo e, percò, vene usato l etodo de oltplcator d Lagrange : J( f) = f( )log f( ) d λ0 f( ) λg( ) f( ) d + + = dove tern λ 0, λ,, λ ; sono oltplcator d Lagrange Dfferenzando e ntegrando rspetto alla f (), e uguaglando a zero, s ottene: log f ( ) + λ + λg ( ) = 0 0 = Rsolvendo rspetto alla f () s ottene: f( ) = ep + λ0 + λg( ) ; = dove oltplcator d Lagrange sono scelt n accordo con vncol, e 3 L ulta espressone defnsce la pdf che asszza l entropa per l problea n questone Esepo: dstrbuzone Gaussana ono densonale Problea: deternate la f () tale che la h() sa assa quando le conoscenze a pror dsponbl sono l valore edo µ e la varanza σ Per defnzone abbao che

5 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 9 ( µ ) f ( ) d= σ = costante Per l rspetto del vncolo 3, s ha: g( ) = ( µ ) α = σ Consderando l rsultato ottenuto con oltplcator d Lagrange, abbao che: f ( ) = ep + + ( ) λ0 λ µ ; per l vncolo, che rchede la convergenza dell ntegrale della f (), segue che l coeffcente λ deve essere negatvo Sosttuendo la precedente espressone nelle dsequazon de vncol e e, rsolvendo rspetto a λ 0 e λ, ottenao: e λ 0 = log( πσ ) λ = σ La pdf che asszza l nforazone desderata, rsulta, qund, essere: f ( µ ) ( ) = ep ; πσ σ che corrsponde propro ad una pdf Gaussana ono densonale della VA con valore edo µ e varanza σ L entropa dfferenzale che asszza la precedente f () rsulta pertanto essere: Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 0 h = + πσ ; ( ) [ log( )] notare che per la propretà della traslazone, l valore edo non nteressa quest ulta espressone Esepo: dstrbuzone Gaussana ultvarata Il secondo esepo che consderao consste nella deternazone dell entropa dfferenzale d una VA ultdensonale con pdf Gaussana Per la propretà d traslazone consderao l vettore -densonale a eda nulla La statstca del secondo ordne è descrtta dalla atrce d covaranza Q = T (prodotto esterno) Ne segue che la pdf ultdensonale è: f T ( ) = ep Q / / ( π ) (det( Q)) Rcordando la defnzone d entropa dfferenzale per VA ult densonal: [ ] h( ) = f ( )log f ( ) d= E log f ( ) ; e sosttuendo la precedente n quest ulta espressone, ottenao l rsultato: h( ) = + log( π ) + log det( ) Q Possao osservare, qund, che per l prncpo d Massa Entropa, n questo caso dfferenzale, nota una atrce d covaranza Q la pdf che asszza l entropa dfferenzale è Gaussana

6 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone B6 Mutua Inforazone per VA dscrete Il problea praro de sste auto organzzant, consste nella deternazone d un algorto d apprendento che detern una certa relazone ngresso/uscta Tale relazone va deternata esclusvaente sulla base de sol dat n ngresso Consderao un sstea con ngresso e uscta le VA dscrete e Y, cu valor sono ndcat con e y rspettvaente L entropa H(), fornsce una sura dell ncertezza a pror sugl ngress La questone, è quella d deternare l ncertezza su dat dopo le osservazon Y In questo contesto la notazone della utua nforazone fornsce portant struent e propretà Defnzone: s defnsce entropa condzonale d dato Y coe segue: H( Y) = H(,Y) - H(Y); con la propretà: 0 H( Y) H() L entropa condzonale, rappresenta l aontare d ncertezza ranente sulla VA d ngresso dopo l osservazone della VA Y n uscta del sstea La quanttà H(,Y) che copare nella precedente espressone prende l noe d entropa congunta ed è defnta coe segue: Defnzone: s defnsce entropa congunta delle VA dscrete e Y coe: = H(, Y) p (, y)log p(, y) 0 y Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone dove p(,y) rappresenta la funzone d assa d probabltà congunta delle e Y, entre 0 e rspettv alfabet Osservazone: l entropa, rappresenta la sura dell ncertezza sulla VA L entropa condzonale H( Y), nvece, rappresenta l aontare d ncertezza ranente su dopo l osservazone della Y n uscta del sstea È faclente deducble, qund, che la dfferenza H() - H( Y), rappresenta l ncertezza sull ngresso del sstea rsolta dell osservazone dell uscta Questa quanttà può qund essere defnta coe segue: Defnzone: s defnsce utua nforazone I(;Y) tra le VA dscrete e Y la quanttà: I(;Y) = H() - H( Y) py (, ) = py (, )log 0 y ppy ( ) ( ) L entropa è un caso partcolare d utua nforazone: H() = I(;) Propretà: Setra: la utua nforazone tra e Y è setrca: I(;Y) = I(Y;); dove I(Y;) rappresenta la sura dell ncertezza d Y che è rsolta della osservazone degl ngress Non negatvtà: la utua nforazone tra e Y è non negatva: I(;Y) 0

7 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 3 Questa propretà ndca che non è possble perdere edaente nforazone osservando le uscte Inoltre, la utua nforazone è nulla, se e solo se, gl ngress e le uscte del sstea sono statstcaente ndpendent 4 Recproctà: la utua nforazone tra e Y è esprble n tern d entropa d Y, coe: I(;Y) = H(Y) - H(Y ) H() H( Y) I(Y;) H(,Y) H(Y ) H(Y) Fgura Illustrazone delle relazon tra la utua nforazone I(;Y) e le entrope H() e H(Y) L entropa dell ngresso, è rappresentata dal cercho a snstra entre quella dell uscta Y, con l cercho a destra La utua nforazone è rappresentata dalla sovrapposzone de due cerch B7 Mutua Inforazone per VA contnue Per analoga con la defnzone precedente possao estendere tale defnzone a VA contnue Defnzone: la utua nforazone tra le VA e Y contnue è defnta coe: Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 4 f ( y) I( ; Y ) = f Y, (, y)log ddy f ( ) dove con f,y (,y) rappresenta la pdf congunta d e Y, entre, f ( y) è la pdf condzonata d nota Y Notare, noltre, che f,y (,y) = f ( y) f Y (y) e qund possao scrvere: (, y) Y, I( ; Y ) = f Y, (, y)log ddy f( ) fy( y) Per analoga valgono le propretà Propretà: f Setra/Recproctà: la utua nforazone tra e Y è setrca e recproca: I(;Y) = h() - h( Y) = h(y) - h(y ) = I(Y;); dove I(Y;) rappresenta la sura dell ncertezza d Y che è rsolta della osservazone degl ngress Non negatvtà: la utua nforazone tra e Y è non negatva: I(;Y) 0 Questa propretà ndca che non è possble perdere edaente nforazone osservando le uscte Inoltre, la utua nforazone è nulla, se e solo se, gl ngress e le uscte del sstea sono statstcaente ndpendent La funzone h( Y) rappresenta l entropa dfferenzale condzonata d data Y, defnta coe;

8 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 5 h ( Y) = fy, ( y, )log f( yddy ) Se le VA e Y sono statstcaente ndpendent, segue che la probabltà congunta può essere fattorzzate coe: fy, (, y) = f( ) fy( y) ; dove con f () e f Y (y) abbao ndcato le pdf argnal d e Y rspettvaente In odo equvalente, possao scrvere che: f ( y) = f ( ) ; ovvero, nel caso d VA statstcaente ndpendent, la conoscenza dell uscta non contrbusce n alcun odo alla deternazone della pdf d La defnzone d utua nforazone data per VA e Y scalar dscrete, può essere generalzzata al caso d VA ultodal e Y contnue, coe segue: f ( ) y I( Y ; ) = f, (, )log d d Y y y f( ) Per analoga, valgono le propretà gà forulate nel caso d VA dscrete B8 Dvergenza d Kullback-Lebler (DKL) Defnzone: sano f () e g () due pdf della VA ( ) ultodale,s defnsce Dvergenza d Kullback-Lebler, tra f () e g () coe segue: f ( ) Df g = f ( )log d g( ) Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 6 Propretà: La D f g 0è sepre postva o zero quando f () = g () ovvero s ha una sovrapposzone perfetta tra le due pdf La Df g, è nvarante rspetto a seguent cabaenttrasforazon sul vettore d ngresso : perutazone de coponent d ; cabaent d scala (aplfcazon); trasforazon non lnear onotone Osservazone: La utua nforazone I(;Y) tra la coppa d vettor e Y ha una nteressante nterpretazone n tern d dvergenza d DKL Pra notao che: fy, ( y, ) = fy( y ) f( ; ) e qund possao rscrvere l espressone della utua nforazone coe: Y y f ( y, ) y Y, I( ; ) = f, (, )log d d Y f( ) fy( y) Confrontando quest ulta con la defnzone d DKL, segue l seguente rsultato: I( Y ; ) Df f = Y, Y, La utua nforazone I(;Y) tra e Y è equvalente alla dvergenza d Kullback-Lebler tra le pdf congunte f Y, ( y, ) e l prodotto tra le pdf f ( ) e f Y ( y )

9 Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 7 B9 DKL tra una pdf f() l prodotto delle sue pdf argnal Consderao, ora, la DKL tra una pdf f () d una VA, vettore d densone e l prodotto delle sue pdf argnal Defnzone: la -esa pdf argnale dell eleento rspetto alla VA, è defnta coe: () f ( ) ( ) = f d, =,,, ; dove () è l vettore l ranente, d densone (-), che s ottene dopo aver rosso l l -eso eleento da Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone 8 Ne segue qund: ; () f( )log f ( ) log ( ) ( ) d= f f d d dove l ntegrale nterno nella parte a destra, è fatto rspetto al vettore (-), d (), entre quello esterno, rspetto allo scalare d Dalla defnzone d -esa pdf argnale d, f ( ), segue, noltre: f ( )log f ( ) d= f ( )log f ( ) d = h ( ), =,,, La DKL tra la pdf f () e la dstrbuzone fattorale data da: f ( ) D = f ( )log d f f ; f ( ) = che può essere scrtta n fora espansa coe: f ( ) è = dove h ( ) è la -esa entropa dfferenzale argnale (basata, coè, sulla pdf argnale f ( ) ) Cobnando quest ulta con l espressone della DKL D f f, ottenao: D = h( ) h ( ) f f + = Questa espressone della DKL argnale è partcolarente portante nello studo della separazone ceca d sorgent = D f ( )log f ( ) d f ( )log f ( ) d f f = Osservazone: l pro ntegrale d quest ulra espressone, concde, per defnzone, alla entropa dfferenzale h() della VA Per quanto rguarda l secondo terne possao, noltre, osservare che: d=d () d

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia Informazione associata a valore x avente probabilitá p(x é i(x = log 2 p(x Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia di v.c. X P : informazione media elementi di X H(X =

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

TEORIA DELL INFORMAZIONE E CODICI. Sandro Bellini. Politecnico di Milano

TEORIA DELL INFORMAZIONE E CODICI. Sandro Bellini. Politecnico di Milano TEORIA DELL INFORMAZIONE E CODICI Sandro Bellini Politecnico di Milano Prefazione Queste brevi note sono state scritte per gli studenti del corso di Teoria dell informazione e codici da me tenuto presso

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

4. RISPOSTA SISMICA DI SISTEMI MDOF

4. RISPOSTA SISMICA DI SISTEMI MDOF Corso Igegera Ssca - a.a. 9/ ott. g. Isaa Cleete ott. g. Chara Beo 4. RISPOSA SISICA DI SISEI DO Ottobre 9 v.. - Pag. 4. - Rsposta ssca sste DO 4. attore strttra Secoo le NC8 l fattore strttra q che tee

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO www.senft-partner.at MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO È tepo di riscoprire l essenza del legno su un apia base. La costruzione con questo ateriale sano

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito Voto attribuito O S VOT Voto non attribuito OO PU O RTURO TOS PPPO USPP VR PURO OO ROSS OR PTRO S PO TOO VV SPROO RO O Si può mettere un segno sul candidato alla presidenza e un altro sul simbolo del candidato

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Richiami di algebra lineare e geometria di R n

Richiami di algebra lineare e geometria di R n Richiami di algebra lineare e geometria di R n combinazione lineare, conica e convessa spazi lineari insiemi convessi, funzioni convesse rif. BT.5 Combinazione lineare, conica, affine, convessa Un vettore

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli