Introduzione. componente i d lungo l asse d;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. componente i d lungo l asse d;"

Transcript

1 MACCHINA SINCRONA A RIUTTANZA (RSM)

2 Introuzone Cotruttamente motor ncron a rluttanza reentano elle trutture rotorche anotroe e re magnet, a lamnazone conenzonale (ortogonale all ae rotore) o a lamnazone aale, cottute all'alternanza egment materale magnetco e amagnetco. Conerano una coa 'a ortogonal - n moo tale che l'ae conca con la rezone mnma rluttanza, efnce "raorto anotroa" l alore /. Nel cao rotore a lamnazone aale, tale raorto aumenta al crecere el numero egment. a coa elettromagnetca luata alla macchna è tanto maggore uanto ù alto è l raorto anotroa. Bogna tuttaa tener reente che, al unto ta tecnologco, non è conenente realzzare rotor a lamnazone aale con un numero egment troo grane e ertanto, generalmente, ottengono alor / comre tra ec e ent. Il motore ncrono a rluttanza uò offrre, almeno teorcamente, retazon ml a uelle ella macchna n corrente contnua a ecctazone nenente, e coè: funzonamento nella regone a coa cotante, ottenuto regolano la comonente ella corrente tatore lungo l ae e manteneno cotante la comonente lungo l ae ; funzonamento nella regone a otenza cotante, realzzato regolano l fluo lungo l'ae tramte la comonente ella corrente tatore. Tuttaa l motore ncrono a rluttanza ene fatto utlzzato realentemente er l funzonamento a coa cotante, rooneno come alternata a motor a magnet ermanent (n corrente contnua e ncron) er la momentazone to a. È o mortante ottolneare che la artcolare realzzazone el rotore a lamnazone aale goca un ruolo eenzale ulle retazon el motore, er le eguent ragon: - l'alto alore conente ottenere un fluo eleato anche con una corrente contenuta;

3 - l bao alore ermette regolare la corrente a cu è legata la coa con ra trantor, conenteno buone retazon namche. Il rotore a lamnazone aale noltre, e cotruto con materal magnetc regat, uò eere conerato ro erte, conenteno ottm renment e emlfcano roblem raffreamento. a ezone otenza ell'azonamento è cottuta, come conueto, al rarzzatore a o e a un nerter con tecnca controllo P.W.M. Anche n ueto cao l trauttore ozone (reoler o encoer) ene utlzzato er rcotrure l egnale retroazone ella eloctà. 1. Carattertche cotrutte elle macchne ncrone a rluttanza Per ottenere eleat alor el raorto / ono tat eat rotor a anotroa trbuta. Quet rotor oono eere uat con fferent t aolgment tatore e er fferent t forma 'ona elle corrent almentazone, er alcazon a eloctà arable e er aament n lnea, orgnano un numero eleato ì tologe motor e azonament. Coneguentemente, le macchne ncrone a rluttanza e relat azonament oono eere clafcate n bae a: confgurazone rotore: 1. macchne ncrone a rluttanza con gabba rotore er aamento ancrono;. macchne ncrone enza gabba er azonament a freuenza arable; to aolgmento tatore; tologa el tema controllo elle corrent almentazone tatore. 1.1 Il rotore a trbuzone anotroa el rotore uò ottener n ue manere: orentano crtall el metallo ancora fuo, er mezzo un camo magnetco, meante una tecnca cotrutta, tale a renere l rotore, nel uo comleo anotroo.

4 Pù eo uano entramb meto er eaerare tal carattertche, tutto a antaggo ella coa rluttanza. I motor RSM con gabba rotorca ono uat er tutte le alcazon oe è rcheta una artenza n lnea con tenone e freuenza almentazone cotant. Il rotore uò reentare una barrera er l fluo tatore realzzata con materal aramagnetc, come l'allumno, ota traeralmente alle lnee fluo n manera a merne la enetrazone all'nterno. a forma aunta a uete barrere uò arare n bae alle carattertche eerate. Queto to rotore uò aere una lamnazone conenzonale o aale. Pobl forme cotrutte ono rortate nelle fg. 1.1, 1., 1.3. Soltamente come materale aramagnetco utlzza l'allumno erché aole alla ulce funzone barrera er l fluo tatore e conuttore er la realzzazone ella gabba rotore, ualora ogla ottenere un motore, almentato alla rete a tenone e freuenza cotant, n grao auto-aar (aamento ancrono). Il rotore a lamnazone conenzonale è cottuto a lamern oortunamente olat fra loro con fogl o, ù comunemente, con ernc olant, ot traeralmente alla lunghezza ell'albero e aent oortune agome che ermettono l'alloggamento ella barrera fluo e eentualmente ella gabba. Fg Rotore con barrere fluo.

5 Fg Rotore anotroo a lamnazone conenzonale: a) n 1; b) n. Fg Rotore anotroo a lamnazone aale: a) n 1; b) n 3.

6 Il rotore a lamnazone aale o rotore AA (Axally amnate Anotroc rotor) reenta acch lamern materale ferromagnetco, con nterot fogl allumno ello eore l-5 mm, menone e forma oortuna, ot arallelamente (aalmente) all'albero el rotore, e che aolono alla ulce funzone barrera fluo e gabba rotorca (e fg. 1.3). A econa come engono agomat lamern, ottengono rotor con un numero ero coe olar n. Ne motor er azonament a freuenza arable, la gabba rotorca è nutle e gl chem receent emlfcano, come motra la fg Nel cao lamnazone conenzonale la cottuzone el rotore è mle a uella e motor munt gabba, con la fferenza che mancano gl anell chuura lateral ella gabba e le cae occuate all'allumno ono lacate uote o remte con materale olante. Fg Rotore AA con n. Per rurre ulterormente l camo magnetco lungo l ae n uaratura, oono eere nert magnet ermanent n ferrte al oto egl az olant. In ueto moo rece a ottenere un conereole camo arazone eloctà a otenza cotante (fg. 1.5).

7 Fg Rotore RSM con magnet ermanent ferrte. Con ueta confgurazone rotore l fluo tatore lungo l ae ene: PM e la coa elettromagnetca aume l ereone: C e 3 n [( ) + ] eeno PM l fluo emanato a magnet ermanent lungo l ae. Affnché PM oa etermnare una ruzone el fluo tatore lungo l ae, la corrente non ee cambare egno. Per nertre la eloctà ella macchna è, coneguenza, necearo cambare egno alla comonente retta. Poché l'nuttanza lungo l'ae è molto maggore uella lungo l'ae, l temo megato alla a cambare egno è eleato e coneguenza la namca arà molto ù lenta. a celta un motore RSM con rotore anotroo a lamnazone conenzonale o aale è un comromeo tra cot e retazon rchete al motore, che enono fortemente alle alcazon. I motor con rotore AA ono referbl erché hanno un mglor renmento e un maggor fattore otenza. PM

8 1. o tatore o tatore è normalmente cottuto a un nucleo ferromagnetco lamnato, con cae chue o emchue unformemente trbute. a confgurazone con cae aerte è utlzzata oltamente er otare un aolgmento olfae concentrato formato a una mataa er olo e er fae (fg. 1.6). e cae aerte ermettono faclmente l nerzone elle matae e oono eere uate er motor bfae o trfae ccola otenza, o er motor olfae (cnue, ette o noe fa) con coe eleate a baa eloctà. Fg Statore a cae aerte motore AA trfae bolare a bobne concentrate. A caua elle cae aerte l fluo al traferro uò contenere un numero eleato armonche, non tollerable a alcun azonament a caua elle eleate coe ulant coneguent. In uet ca rcorre alle cae chue o emchue (fg.1.7). Fg Statore con cae emchue con n 1.

9 Per alcazon n cu ono rchete eleate otenze o coe, lo tatore è realzzato con cae aerte o emchue le ual, oo aer nerto le matae, engono chue con oortune zee.. Dtrbuzone el camo magnetco e etermnazone elle nuttanze tatore lungo gl a - a truttura magnetca anotroa el rotore rene comlcato lo tuo ella trbuzone el camo magnetco. Per oter etermnare n moo accurato tale trbuzone rcorre a meto anal numerca, come uello che frutta l crcuto magnetco eualente (EMC metho Extene Magnetc Crcut metho), oure l metoo egl element fnt (FEM metho Fnte Element Metho) che ermette aere rultat etremamente rec. Il metoo EMC conte nella etermnazone el crcuto magnetco eualente lungo l'ae e lungo l'ae, nuano tutt obl ercor comut al fluo al traferro. S e la truttura magnetca anotroa cacun lamerno n tant egment alle carattertche magnetche cotant er ual è oble etermnare la rluttanza magnetca. In bae al ercoro comuto al fluo cotruce, econo cacun ae, l'eualente crcuto magnetco n cu comaono le rluttanze cacun egmento -emo oortunamente collegate, e le corronent forze magneto-motrc. I crcut magnetc coì ottenut oono eere rolt con clac meto numerc tramte mlementazone al calcolatore. Un eemo ueto moo roceere è motrato nelle fgure.1 e., nelle ual è rortato l crcuto magnetco eualente lungo l'ae retto e l ae n uaratura, rettamente. Il metoo egl element fnt (FEM), nece, frutta rettamente le euazon Maxwell e la cura magnetzzazone el materale ferromagnetco er etermnare l'anamento elle lnee fluo lungo gl a e (e fgure ). Il metoo EMC fornce mglor rultat n cao rotore a lamnazone conenzonale, mentre l metoo FEM è ù ncato er rotor AA.

10 Fg EMC alcato lungo l ae. Fg... - EMC alcato lungo l ae.

11 Fg Rete con 3500 unt noal. Fg Anamento elle lnee fluo econo l ae.

12 Fg Anamento elle lnee fluo econo l ae. 3. Moello matematco el motore ncrono a rluttanza Poché la macchna ncrona a rluttanza non ha aolgment rotore, le euazon che ne ecrono l comortamento namco rucono a uelle tenone tatore e a uella eulbro meccanco. e euazon tatore n coornate fae ono: a b c R R R a b c + t + t + t a, b, c a, b, c n cu ono le tenon fae tatore, le corrent fae,,, flu concatenat con gl aolgment fae tatore, e la a b c retenza cacun aolgmento fae tatore. I flu concatenat con gl aolgment tatore ono legat alle corrent fae alla eguente relazone matrcale: a b c R (1)

13 n cu [ )] abc ( er a b c [ (ϑ )] abc ϑ è la matrce elle nuttanze, che uongono arabl con legge nuoale con l angolo elettrco rotore ϑ er. Alcano la traformazone Park, è oble aare alle granezze fae alle granezze eree nel tema rfermento tazonaro er R + t a b c α β : αβ αβ αβ () A caua ell anotroa magnetca lungo gl a retto e n uaratura (la rluttanza è mnma econo l ae e mama econo l ae ), è conenente ermere l euazone tenone tatore n un tema rfermento rotante, olale con l rotore, cu a reale e mmagnaro concono con gl a e, rettamente. Fg Stem rfermento αβ tatore e - rotore. Teneno conto che a cu: jϑ e, alla () ottene: αβ R + + jωr (3) t

14 oe r R R ω + ω r r + t + t ω ω rareenta la eloctà angolare elettrca rotore, concente con (4) uella el rfermento rotante -. Rcorano che (5) ottene: R R ω r + ω r + + t t Alle ereon (6) corronono eguent crcut eualent lungo gl a e, nell ote tracurare le erte nel ferro: (6) Fg Crcut eualent lungo gl a e n aenza erte nel ferro.

15 In genere, ne motor a rluttanza con rotore to AA la aturazone magnetca erfca olo lungo l ae retto, cocché l nuttanza ene alla corrente, mentre l nuttanza è cotante. e erte nel ferro tatore oono eere ortate n conto er mezzo una retenza R m1 n arallelo con la tenone comleamente notta negl aolgment tatorc. Poché la trbuzone nuzone al traferro lungo l ae ha un anamento romo a uello conuoale, mentre la trbuzone lungo l ae è fortemente torta, n uet ultma aranno reent armonche azo amezza non tracurable. e armonche azal nuzone al traferro lungo l ae n uaratura cauano erte nel ferro rotore che oono eere ortate n conto tramte una retenza eualente R m a nerre n arallelo a alla tenone notta to mozonale lungo l ae retto, a alla tenone notta to traformatorco lungo l ae n uaratura. Fg Crcut eualent lungo gl a e ncluent le erte nel ferro.

16 Il moello matematco el RSM è comletato alla eguente euazone eulbro meccanco tra le coe: J n ωr t B C e C r ω r (7) n oe C r rareenta la coa retente, Bω r la coa attrto coo, n l n numero aa ol, e J l momento nerza el rotore e el carco conneo. a coa elettromagnetca C e è ata alla eguente ereone: 3 C e n ( ) (8) che, ottuta nella (7), enta: J n ωr t 3 n( ) C r B ωr n (9) e euazon (6) e (9) oono eere rcrtte n moo a mettere n eenza termn t t,, ω r, coè le erate elle arabl tato: t t t R R + ω r ωr + + (10) ωr t 3 n J ( ) n J C r B ωr J e arabl tato rcaano er ntegrazone e econ membr elle (10). Il agramma a blocch Smulnk el moello matematco el RSM è l eguente:

17 Fg Dagramma a blocch Smulnk el motore RSM. 4 Controllo el motore ncrono a rluttanza Per l controllo ell amezza e ella fae el ettore ella corrente tatore (controllo ettorale) oono aottare ere tecnche, n relazone alle ere egenze funzonamento ella macchna. Sotanzalmente etono ue tecnche fonamental er l controllo el ettore ella corrente tatore: controllo ell angolo δ tra l ettore ella corrente tatore e l ae el tema rfermento ncrono rotore; controllo a cotante. A ua olta, er l controllo ell angolo δ oono alcare er crter, rncal e ual aranno ecrtt nel eguto. Il controllo a cotante ene normalmente utlzzato er eloctà rotore fno alla eloctà nomnale, coè n aenza nebolmento fluo. Per ottenere la

18 mama coa, l alore ene oto uguale al mamo comatble con l lello aturazone ammble lungo l ae retto. In tal moo, la coa elettromagnetca luata alla macchna rulta eere rettamente roorzonale alla comonente ella corrente tatore lungo l ae n uaratura oble laorare a fluo nebolto, ruceno l alore.. E comunue Il controllo a angolo δ cotante è un controllo to nretto, n cu rferment corrente lungo gl a - ono etermnat n bae alla coa elettromagnetca * eerata e all angolo δ corronente al crtero recelto: * C e * * * e C (11) 3 n * * ( ) tgδ * * ( C ) tgδ gn (1) e 4.1 Controllo ell angolo δ Crtero ella mama coa er fluo tatore Teneno conto che l moulo el fluo tatore uò ermere nella forma: la coa elettromagnetca enta: ( ) + ( ) (13) C e 3 3 n( ) n ( 1) ( ) (14) Per un refato alore el fluo tatore, la mama coa elettromagnetca che la macchna uò luare rcaa oneno a zero la erata arzale ella (14) retto alla corrente. S ottene:

19 ( ) ( ) ( ) e C (15) a cu: ( ) / (16) Dalle (15) e (16) ha: t tg co δ (17) t t e tg n n n C co co 1) ( 3 1) ( 3 1) ( 3 δ (18) a (18) mette n eenza che la coa mama luable alla macchna, a fluo tatore cotante, crece lnearmente con l raorto anotroa Crtero ella mama coa er corrente tatore Ermeno la coa elettromagnetca (8) come egue: 1 3 e n C (19) la mama coa elettromagnetca che la macchna uò luare er un refato alore ella corrente tatore ottene oneno uguale a zero la erata arzale ella (19) retto alla corrente. Rulta: e C (0)

20 a cu: C e (1) 1 tgδ () co t 3 3 n 1 1 co n t tg co t δ (3) Crtero el mamo fattore otenza Tracurano la cauta tenone ulla retenza tatore, le euazon (6) n conzon funzonamento a regme oono aromare come egue: ω r r ω Se ϕ e ϕ rareentano le fa e ettor tenone e corrente, rettamente, nel tema rfermento ncrono -, e ϕ è l angolo faamento recroco tra ue ettor, allora rulta (e fg. 4.1): (4) ϕ Fg Dagramma ettorale el RSM n conzon regme. tgϕ tg ( ϕ ϕ ) + tgϕ tgϕ 1 + tgϕ tgϕ 1 + ( + ) x + / x (5)

21 n cu x /. Derano retto a x la (5), e uguaglano a zero la erata ottene: tgϕ 0 x x tgδ (coϕ ) max (6) C e (coϕ ) 3 n ϕ mn a tan (7) 1 3 n 1 tgδ (coϕ max ) max (8) Confronto tra er crter Per cacun crtero, l luogo ecrtto nel ano - al ettore ella corrente tatore al arare ella coa è rareentato a una retta enenza tg δ, come motrato n fg. 4.. In un unto arbtraro P u tale retta, la coa elettromagnetca luata è roorzonale all area el rettangolo lat (P) e (P). Normalmente la comonente lungo l ae retto ella corrente tatorca non ee uerare l 30% ella corrente nomnale, al fne lmtare l lello aturazone magnetca lungo l ae retto. Ne conegue che la mama coa luable alla macchna è lmtata alla mama corrente lungo l ae, e ene al tg δ, coè al crtero controllo aottato er l angolo δ. Confrontano la (18) con la (3), uò oerare che C C e co t e co t tgδ tgδ co t co t << 1 coè la coa mama er corrente tatore rulta molto nferore retto a uella ottenble con l crtero ella coa mama er fluo tatore. Ne conegue che l controllo è aeguato olo er ba alor coa carco. (9)

22 (P) P tg δ / tg δ / δ (P), n tgδ 1 Fg. 4.. uogh ecrtt al ettore corrente tatore al arare ella coa elettromagnetca, er er alor δ. Il crtero el mamo fattore otenza orta a una coa mama nferore un fattore / retto a uella luata a fluo tatore cotante, e uerore el fattore nero retto a uella luata a corrente tatore cotante.

23 A.1 Macchna ncrona monofae a rluttanza elementare S coner la truttura elementare ella macchna ncrona monofae a rluttanza motrata n fgura A1. Ea è cottuta a un nucleo materale ferromagnetco che rareenta lo tatore, ul uale è aolto un certo numero N re ercore a corrente alternata nuoale ulazone ω. Tra le ue eanon olar tatore che engono a creare è oto l rotore a truttura anotroa. S uonga tracurare flu magnetc erone. Fg. A.1 Macchna ncrona monofae a rluttanza. Oerano la fgura A1, comrene mmeatamente che l crcuto magnetco reenta mnma rluttanza R uano l ae el rotore è allneato con l ae rfermento r olale con lo tatore, mentre ha rluttanza mama R uano l ae è n uaratura, coè l ae è allneato con l ae rfermento r. D contro, l nuttanza ( β ) N / R ( β ) ara tra un alore mamo N /R e un alore mnmo N /R. Aumeno che l nuttanza ar con legge nuoale al arare ell angolo β formato tra l ae e l ae r (e fg. A), rulta:

24 oe ω m t βo, m β + [ + + ( )co ] 1 ( β ) β (A.1) ω è la eloctà el rotore, e β o la ua ozone nzale. Fg. A. Varazone ell nuttanza con l angolo rotore β. a coa elettromagnetca luata alla macchna è ata alla relazone: C N β β R ( N) R 1 ( R oc ( N) enβ ) R 1 R β (A.) oe la rluttanza R ha la eguente ereone: R R ae R oc co β (A.3) n cu R ae R + R è la rluttanza mea, e R ell ocllazone ella rluttanza attorno al alore meo. euazone (A.) enta: oc R R è l amezza

25 C ϕ R oc enβ ϕ M co ( ω t) R enβ 1 ϕ MR oc( enβ + enβ co ω t) K 1 enβ + en(ω mt + β0 + ω t) + oc 1 en(ω t + β m 0 ω t) (A.4) Affnché la macchna oa luare una coa mea non nulla è necearo che ω m ω. In tal cao la coa mea rulta uguale a: en β C 0 ae K (A.5) 4

1.1 Identificazione del campo di operatività di un motore AC brushless. Sia dato un motore AC brushless isotropo di cui siano noti i seguenti dati:

1.1 Identificazione del campo di operatività di un motore AC brushless. Sia dato un motore AC brushless isotropo di cui siano noti i seguenti dati: Captolo 1 1.1 Ientfcazone el campo operatvtà un motore AC bruhle Sa ato un motore AC bruhle otropo cu ano not eguent at: Vn = 190 V In = 3.5 A Tn =.6 N n pol = R = 1 Ω L = 8 mh Ke = Kt = 0.4 S etermn l

Dettagli

La potenza assorbita dalla pompa per sollevare il liquido dal serbatoio a valle al serbatoio a monte si calcola con la relazione

La potenza assorbita dalla pompa per sollevare il liquido dal serbatoio a valle al serbatoio a monte si calcola con la relazione 1 E S E R C I Z I S U L L E P O M P E C E N T R I F U G E ESERCIZIO 1 In un panto ollevaento per acqua ono not Il lvello geoetco tra ue erbato g 0 La preone aoluta ul erbatoo a valle p A p at La preone

Dettagli

Regime Permanente. (vedi Vitelli-Petternella par. VI.1,VI.1.1,VI.2)

Regime Permanente. (vedi Vitelli-Petternella par. VI.1,VI.1.1,VI.2) Regme Permanente (ve Vtell-Petternella par. VI.,VI..,VI.) Comportamento a regme permanente Clafcazone n tp Conzon a Cclo Chuo Conzon a Cclo Aperto Rpota a Regme per Dturb Cotant Dturbo ulla mura Rpota

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Appunti Sui Transistor A Giunzione Bipolare

Appunti Sui Transistor A Giunzione Bipolare ..S.. Matte San Donato Mlanee Appunt Su Trantor A Gunzone polare A cura d Galao Omar Appunt del coro d lettronca del prof.. Azzmont A.S. 2009-2010 ed approfondment ttuto ndutrale Statale. Matte San Donato

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Aleandro Scoelliti Univerità di Reggio Calabria e Univerity of Warwick aleandro.coelliti@unirc.it Selezione avvera La elezione avvera è il fenomeno er cui, in un mercato caratterizzato da informazione

Dettagli

Controllo di Azionamenti Elettrici. Lezione n 8

Controllo di Azionamenti Elettrici. Lezione n 8 Conollo Azonamen Elec ezone n 8 Coo auea n Ingegnea ell Auomazone Facolà Ingegnea Uneà egl Su Palemo Azonamen elec con mooe n coene alenaa Il mooe ancono negl azonamen a elocà aable anagg el mooe n coene

Dettagli

Il nucleo di kubettone. Integrazione nel sistema MMAS per profilare il target ideale. Un processo in 4 semplici passi: Azienda Sponsor

Il nucleo di kubettone. Integrazione nel sistema MMAS per profilare il target ideale. Un processo in 4 semplici passi: Azienda Sponsor tn & Telematca Itala Srl Straa ella Moa, 1 20020 Ar (MI) - Itala MARKETING & TELEMATICA S.L. P.N. Blau, C/Solonè 2-08820 El Prat e Llobreat (Barcelona) - Epaña eretera@kubettone.com t fe kubettone frutta

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO

RISPARMIO ENERGETICO RISPARMIO ENERGETIO GRUPPO DI OGENERAZIONE ON MOTORE A OMBUSTIONE INTERNA Ttolo Abtract e obettv Ambto INSTALLAZIONE DI UN GRUPPO DI OGENERAZIONE ON MOTORE A OMBUSTIONE INTERNA (M..I.) PER LA PRODUZIONE

Dettagli

Cap. 4 Mercati finanziari

Cap. 4 Mercati finanziari Cap. 4 ercati finanziari Tao interee (i): importante per invetimenti e celte i conumo intertemporali. Noi iamo intereati principalmente ai primi. Come i etermina i? Attori: Banca Centrale (BC), banche,

Dettagli

MODULO 1 GLI AMPLIFICATORI OPERAZIONALI

MODULO 1 GLI AMPLIFICATORI OPERAZIONALI MODULO GL AMPLFCATO OPEAZONAL. PAAMET CAATTESTC D UN AMPLFCATOE OPEAZONALE Per la corretta utlzzazone un A.O. reale bsogna nterpretare at caratterstc fornt al costruttore e conoscere termn pù comunemente

Dettagli

^^^ ~^'*^ ORIGINALE DECRET DEL SEGRETARIO DIRETTORE. Dal26/07/2013..., al... 09/08/2013... senza reclami

^^^ ~^'*^ ORIGINALE DECRET DEL SEGRETARIO DIRETTORE. Dal26/07/2013..., al... 09/08/2013... senza reclami ^ SERZO ^ ^^^ ~^*^ Q RESDENZE PERNZN ORGNE S Ul\/BERTO " E E 35028 POE D SCCO (Padova) DECRET DE SEGRETRO DRETTORE N 247 del 25/07/203 l Segretaro Drettore d queto ttuto Pern Dotta Emanuela a en del Dg

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Ridurre la Capacità di Ingresso di un Convertitore Buck con il Multi-Phasing e la Sincronizzazione del Clock

Ridurre la Capacità di Ingresso di un Convertitore Buck con il Multi-Phasing e la Sincronizzazione del Clock nformazon Prelmar Rdurre la Capactà d ngreo d un Converttore Buck con l Mult-Phag e la Scronzzazone del Clock NOA: Queto artcolo preenta formazon prelmar che poono eere oggette a varazon. Pertanto tutte

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Metodi di Ottimizzazione mod. Modelli per la pianificazione delle attività

Metodi di Ottimizzazione mod. Modelli per la pianificazione delle attività Metod d Ottmzzazone mod. Modell er la anfcazone delle attvtà Paolo Dett Dartmento d Ingegnera dell Informazone e Scenze Matematche Unverstà d Sena Metod d Ottmzzazone mod. Modell er la anfcazone delle

Dettagli

Nel caso di un regime di capitalizzazione definiamo, relativamente al periodo [t, t + t] : i t

Nel caso di un regime di capitalizzazione definiamo, relativamente al periodo [t, t + t] : i t 4. Approcco formale E neressane efnre le caraersche e var regm fnanzar n manera pù asraa e generale, n moo a poer suare qualsas regme fnanzaro. A al fne efnamo percò e paramer n grao escrvere qualsas po

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

GAS IDEALI. Dell ossigeno, supposto gas ideale con k = 1.4 cost, evolve secondo un ciclo costituito dalle seguenti trasformazioni reversibili:

GAS IDEALI. Dell ossigeno, supposto gas ideale con k = 1.4 cost, evolve secondo un ciclo costituito dalle seguenti trasformazioni reversibili: Eserzo GAS IDEALI Dell osseo, sosto as deale o.4 ost, eole seodo lo osttto dalle seet trasorazo reersl: Coressoe sotera dallo stato ( 0.9 ar; 0.88 /) allo stato 2; trasorazoe soora da 2 a ( 2.5 ar); esasoe

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi in retroazione per segnali di ingresso canonici

Comportamento a regime dei sistemi in retroazione per segnali di ingresso canonici Comortamento a regime dei itemi in retroazione er egnali di ingreo anonii Errore a regime ed ineguimento Un obiettivo rimario nella rogettazione dei itemi di ontrollo è l ineguimento del egnale di riferimento

Dettagli

Corso di Macchine Elettriche, Indirizzo Professionalizzante AA 2010 2011 I Appello 12 luglio 2011 TEMA A

Corso di Macchine Elettriche, Indirizzo Professionalizzante AA 2010 2011 I Appello 12 luglio 2011 TEMA A Coro di Macchine Elettriche, Indirizzo Profeionalizzante AA I Aello luglio Eercizio. TEMA A Un motore ad induzione trifae a 4 oli reenta i eguenti dati nominali tenione Vn = 4 V frequenza fn = 5 Hz Potenza

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse Lezione 9. Equilibrio el mercato finanziario e tao interee Ipotei: Il itema finanziario: la truttura ei mercati (a) eite un unico mercato ei titoli (); (b) la anca centrale crea ecluivamente attravero

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Q & Tracce svolte di esercizi sulla Trasmissione del Calore Prof. Mistretta a.a. 2009/2010

Q & Tracce svolte di esercizi sulla Trasmissione del Calore Prof. Mistretta a.a. 2009/2010 racc olt d rcz ulla raon dl alor Prof. trtta a.a. 009/00 Erczo n. S condr una part d atton alta 4 larga 6 pa 0 la cu ucbltà trca è λ λ 0 8 [/( )]. In un crto gorno alor urat dll tpratur dlla uprfc ntrna

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI

LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Interfacoltà d Economa/Scenze Bancare Fnanzare e Acuratve Coro d Laurea n Scenze Stattche Attuaral ed Economche LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni.

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni. Capitolo 6 Teorie e modelli di crecita economica E opportuno fare precedere queta lezione e quelle che eguiranno da tre coniderazioni. 1. Qui affronteremo dei modelli teorici che i rifericono oprattutto

Dettagli

Controllo vettoriale

Controllo vettoriale Contollo vettoale I tem d contollo tadzonal della macchna ancona, baat u tecnche d contollo calae, egolano l funzonamento della macchna a egme tazonao, ma pemettono d ottenee tanto meccanc oddfacent pe

Dettagli

hi tech accessori le quotazioni sono soggette a possibili adeguamenti e aggiornamenti di mercato hi-tech/accessori

hi tech accessori le quotazioni sono soggette a possibili adeguamenti e aggiornamenti di mercato hi-tech/accessori crura uffco h ech acceor how room 6 le quoazon ono oggee a obl eguamen e aggornamen d mcao eleonca h-ech/acceor agende/calendar ombrell bore caa/rorazone gge bmbo mare ugna auo caelln abbgmeno ow bank

Dettagli

Capitolo III: I Regolatori

Capitolo III: I Regolatori SCC Cap. III: Regolaor Capolo III: I Regolaor III-1: Inrouzone Il regolaore ha l ompo sablre l azone orreva a apporare n ngresso al proesso, per mezzo ell auaore; l segnale n usa al regolaore (s) è funzone

Dettagli

1. Il principio di non arbitraggio e prime applicazioni

1. Il principio di non arbitraggio e prime applicazioni . Il rco o arbtraggo e rme alcazo. Itrouzoe. Il rco o arbtraggo è l rco u cu baao qua tutt moell valutazoe Faza Matematca. Oortutà arbtraggo è la obltà realzzare u guaago certo eza alcu mego fo. L'ea equlbro

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Ama il tuo Seno. Prevenire, cioè amare il proprio seno

Ama il tuo Seno. Prevenire, cioè amare il proprio seno Ama l tuo Seno Prevenre, coè amare l propro eno P E L u c d d p N p tr c Alberto Lun Drettore Dvone d Senologa Ittuto Europeo d Oncologa, Mlano Il P o d fe m lo la C L n fe r In n fl C n p p Il eno è molto

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Note su energie e forze del campo elettromagnetico

Note su energie e forze del campo elettromagnetico A. Maffucc: oe su Energe e Forze e campo eeromagneco ver.. /4. Energe e forze n un ssema eerosaco.. Energa n funzone carche e poenza. conser ssema n fgura, uo a conuor ne vuoo o n mezzo eerco omogeneo,

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

GeoStru Software www.geostru.com geostru@geostru.com SOMMARIO

GeoStru Software www.geostru.com geostru@geostru.com SOMMARIO GeoStru Software www.geostru.om geostru@geostru.om SOMMARIO PORTAZA E CEIMETI I FOAZIOI SUPERFICIALI... CARICO LIMITE I FOAZIOI SU TERREI... Metoo Terzagh (1955)... 3 Formula Meyerhof (1963)... 5 Formula

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA 1 ECONOMIA AZIENDALE. Cognome... Nome Matricola..

MATEMATICA FINANZIARIA 1 ECONOMIA AZIENDALE. Cognome... Nome Matricola.. MATEMATICA FINANZIARIA PROVA SCRITTA DEL 0 FEBBRAIO 009 ECONOMIA AZIENDALE Cognome... Nome Matrcola.. ESERCIZIO Un ndduo ha ogg a dsposzone una somma S0.000 che ha accumulato negl ultm ann tramte l ersamento

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

DATI DI TERMOFLUIDODINAMICA

DATI DI TERMOFLUIDODINAMICA DATI DI TERMOFLUIDODINAMICA Unertà degl Std d Catana Dpartmento ng. Ind. e Meccanca INDICE I INDICE Smbol pagna II Dat e cotant d o corrente 1 Tabelle: 1. Acqa: dentà della fae lqda a p = 101 325 Pa 2

Dettagli

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza 1 Il camo elettrico 1.1 Azione a distanza L idea di interazione fra cori è stata semre associata all idea di un contatto: la ossibilità che un oggetto otesse esercitare un azione in una regione di sazio

Dettagli

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE . LO SCAMBIO ERMICO PER CONDUZIONE. Premea: i meccanimi di tramiione del calore In ermodinamica i è definito il calore come la forma aunta dall energia in tranito uando la ua tramiione da un corpo ad un

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

Strategie di controllo del motore brushless

Strategie di controllo del motore brushless Saege conollo el mooe uhle Ince onollo eoale un mooe uhle.... cham moellca..... oello namco n ganezze fae..... oello n foma macale... 4.. Epeone ella coppa eleomagneca... 6..4 oello n foma ao... 6..5 oell

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi in regime transitorio. 5.8 Esercizi - Risposta al gradino dei sistemi del 2 ordine reazionati e non reazionati

Capitolo. Il comportamento dei sistemi in regime transitorio. 5.8 Esercizi - Risposta al gradino dei sistemi del 2 ordine reazionati e non reazionati Capitolo 5 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.1 Geeralità ulla ripota dei itemi el domiio del tempo 5. Ripota al gradio di u itema del primo ordie. 5.3 Eercizi - Ripota al gradio dei itemi

Dettagli

Se, ad esempio, il periodo è di 1/30 di secondo la sorgente sonora compie in 1 secondo 30 vibrazioni ( frequenza ).

Se, ad esempio, il periodo è di 1/30 di secondo la sorgente sonora compie in 1 secondo 30 vibrazioni ( frequenza ). IL SUONO Il uono é un onda elatica (ha biogno di un mezzo per propagari),longitudinale (la perturbazione aiene parallelamente alla direzione di propagazione); per la ua eitenza ono, dunque, neceari una

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

Motore ad induzione: modelli matematici e modelli per la simulazione. 1.1 Modelli matematici del motore ad induzione

Motore ad induzione: modelli matematici e modelli per la simulazione. 1.1 Modelli matematici del motore ad induzione OTOE AD INDUZIONE ODEI ATEATICI E ODEI PE A IUAZIONE otore ad nduzone: odell ateatc e odell per la sulazone. odell ateatc del otore ad nduzone Nello studo degl azonaent ndustral è necessaro rappresentare

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Attualizzazione. Attualizzazione

Attualizzazione. Attualizzazione Attualzzazoe Il problema erso alla captalzzazoe prede l ome d attualzzazoe Abbamo ua operazoe fazara elemetare e dato l motate M dobbamo determare l corrspodete captale zale C L'attualzzazoe è la operazoe

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS www.brother.it VI PRESENTIAMO LA NUOVA GAMMA LASER MONOCROMATICA COMPATTA STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO Brother a che le attività

Dettagli

FORMULARIO DI TERMODINAMICA

FORMULARIO DI TERMODINAMICA Formularo d ermodnama e eora neta Pagna d 5 FORMURIO DI ERMODINMIC Denzone d alora: la CORI e' la quanttà d alore eduta da un grammo d aqua nel rareddars da 5.5 C a 4.5 C alla ressone d una atmosera alora

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

In questo capitolo vedremo solamente un caso di rendita, che useremo poi per generalizzare le rendite e dedurre tutti gli altri casi.

In questo capitolo vedremo solamente un caso di rendita, che useremo poi per generalizzare le rendite e dedurre tutti gli altri casi. 7. Redte I questo captolo edremo solamete u caso d redta, che useremo po per geeralzzare le redte e dedurre tutt gl altr cas. S defsce redta ua successoe d captal (rate) tutte da pagare, o tutte da rscuotere,

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

Costruzioni elettromeccaniche a.a. 2003-04. bozza 1

Costruzioni elettromeccaniche a.a. 2003-04. bozza 1 Cotruzioi elettromeccaiche a.a. 3-4 MACCHINE ASINCRONE bozza 1 Coteuti 1 - Morfologia e itemi di raffreddameto - Circuiti magetici 3 - Avvolgimeti 4 - Caratteritiche elettriche 5 - Diagramma circolare

Dettagli

E. Il campo magnetico

E. Il campo magnetico - 64 - - 65 - E. Il campo magnetco V è un mportante effetto che accompagna sempre la presenza d una corrente elettrca e s manfesta sa all nterno del conduttore sa al suo esterno: alla corrente elettrca

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm ensori i prossimità inuttivi Introuzione Principi i funzionamento ei sensori i prossimità inuttivi Bobina Oscillatore Circuito i attivazione Circuito elettrico i uscita I sensori i prossimità inuttivi

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte HD ACADEMY a cura dell Ing. Sergio Brighel* Obiettivi in Alta Definizione e getione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte Il fenomeno delle aberrazioni cromatiche è tra le caue più importanti di decadimento

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Materiali ceramici. Solidi inorganici (ionici / covalenti) O, B, C, Si, Al, N,.

Materiali ceramici. Solidi inorganici (ionici / covalenti) O, B, C, Si, Al, N,. Matral crac Sold norganc (onc / covalnt) O, B, C, S, Al, N,. Proprtà rfrattar, alt punt d fuon, baa conducbltà, lvata dura, buona lavorabltà Auono truttur crtalln po olto copl ndc d carattr onco (poco

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili.

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili. Sessione lie # Settimana dal 4 al 30 marzo Statistica Descrittia (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili Lezioni CD: 3 4-5 Analisi congiunta Da un camione di 40 studenti sono stati rileati

Dettagli

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta Il progetto allo SLU per la leione emplie e ompota Nomenlatura σ R h y.n. σ 0,8y b σ T /0 Ipotei i bae onervazione elle ezioni piane La eormazione in ogni punto ella ezione è proporzionale alla itanza

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio Teoria delle deciioni in condizione di certezza e richio Appunti di Fioravante PATRONE http://www.fioravante.patrone.name/default.htm Deciori (razionali) interagenti verione del 16 giugno 2010 Indice 1

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli